Keystone
SVIZZERA
29.08.2019 - 21:070

"Big Brother Awards" a Postfinance, Canton Zurigo e UFSP

Gli enti si sono aggiudicati i premi, poco ambiti, per la violazione della privacy

ZURIGO - Postfinance, il canton Zurigo e l'Ufficio federale della sanità pubblica sono stati insigniti a Zurigo dei "Big Brother Awards", i poco ambiti riconoscimenti per le violazioni della privacy. L'evento è stato rilanciato in Svizzera dopo una pausa di 10 anni.

Il premio in ambito "pubblico" è stato assegnato a Postfinance per il software utilizzato per il riconoscimento vocale dei clienti. Dal settembre 2018, l'azienda è così in grado di assegnare una "impronta vocale" ai suoi 2,9 milioni di clienti. Chi non intende sottoporsi a questa pratica deve farne espressa richiesta.

Gli organizzatori dell'evento - fra cui figura l'associazione Chaos Computer Club (Svizzera) - invitano Postfinance a rinunciare al riconoscimento vocale, come ha del resto già fatto Swisscom lo scorso aprile. Questo perché i clienti non sono informati a sufficienza sull'uso che viene fatto della loro impronta vocale.

L'ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi del canton Zurigo si è visto assegnare il riconoscimento nella categoria "autorità statali", per aver autorizzato la polizia cantonale ad utilizzare dei cosiddetti "trojan", o "malware di Stato", per spiare i pc e i cellulari di persone sospettate, «senza una base legale chiara».

L'"award" nella categoria "partenariato pubblico-privato" è andato all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) per l'introduzione della cartella elettronica dei pazienti. Il progetto, in fase di attuazione, è giudicato insoddisfacente sotto il profilo della protezione dei dati. «La sua architettura centralizzata senza crittografia 'end-to-end' rischia di creare un grave disastro per la protezione dei dati», scrivono gli organizzatori in una nota.

I "Big Brother Awards" sono stati consegnati per la prima volta in Gran Bretagna nel 1998 dall'organizzazione Privacy International e col tempo si sono diffusi in 19 Paesi.

In Svizzera l'evento è stato organizzato fra il 2000 e il 2009 dall'associazione "dirittifondamentali.ch" in collaborazione con lo Swiss internet User Group. Da quest'anno sono subentrati nell'organizzazione il Chaos Computer Club (CCC-CH), la "Digitale Gesellschat" e la fondazione Pretty Easy Privacy.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-29 06:57:26 | 91.208.130.87