Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
4 min
A Lucerna vanno in scena le Comunali, nonostante il virus
Nei principali centri bisognerà attendere qualche giorno per conoscere i risultati
SVIZZERA
38 min
Ora nei carrelli mettiamo disinfettante e terriccio per piante
È quanto rivelano i dati raccolti dall'app per la lista della spesa Bring
NIDVALDO
8 ore
Giovane alpinista si ferisce gravemente sul Pilatus
È successo a un 26enne caduto per un centinaio di metri ed elitrasportato in ospedale dalla Rega
ZURIGO
9 ore
Una tragica caduta dall'e-bike
È costata la vita a un'80enne a Regensdorf, investita da un trattore dopo essere finita a terra
NIDVALDO
9 ore
«Mio papà è uscito dalle cure intense, dopo 8 giorni di coma»
Il 55enne era considerato un paziente a rischio, soffrendo di una malattia cronica che colpisce anche i polmoni.
FOTO
VAUD
10 ore
Se il concerto dal balcone finisce con l'arrivo della polizia
È capitato alla cantante losannese Amandine che voleva animare un po' il suo quartiere: «La gente ne ha bisogno»
SVIZZERA
11 ore
Ecco come fa Swisscom a tenerci d'occhio
Condivide i dati di connessione con la Confederazione. Ma se non volete che succeda, c'è un modo per evitarlo.
AUSTRALIA
13 ore
Ci sono 28 svizzeri a bordo della crociera contagiata in Australia
La Artania, che per giorni non ha potuto attraccare a causa del coronavirus. Previsti presto voli di rimpatrio
SVIZZERA
17 ore
«Non è il momento per andare a fare la spesa all'estero»
A Berna si è tenuta la consueta conferenza stampa con diversi rappresentanti della Confederazione.
BERNA
17 ore
Maurer: «Potrebbe essere necessario stanziare nuovi fondi»
«È necessario trovare un equilibrio tra economia e banche»
BERNA
18 ore
Coronavirus, più di 13'000 persone positive
I decessi ammontano a 235. I dati sono stati comunicati dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
22 ore
Koch: «Non c'è penuria di mascherine»
Al momento la Confederazione dispone di circa 17 milioni di maschere protettive
BERNA
22 ore
Berset: «Stiamo correndo una maratona, non i 100 metri»
«Gli esperti sostengono che il virus rimarrà. Dobbiamo ascoltarli. Occorre sviluppare un vaccino».
BERNA
19.08.2019 - 08:000
Aggiornamento : 14:15

Pendolarismo: scambiarsi il lavoro per smettere di fare avanti e indietro

Lo propone un sito lanciato oltre Gottardo. E i datori di lavoro? «Saremmo felici se chi vuole andare via portasse un sostituto»

Pendolarismo

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Svizzera Paese di pendolari: circa 4 milioni di persone escono di casa quotidianamente per recarsi al lavoro e percorrono in media 15 km all’andata e 15 al ritorno per un’ora complessiva di trasferta. Un totale di circa 240 ore all’anno - ovvero 10 interi giorni - passati da ciascuno di loro in auto, treno o autobus. 

Ma almeno alcuni di questi spostamenti che causano colonne e ressa sui mezzi pubblici potrebbero essere evitati. Come quelli di chi vive, diciamo, a Berna e va a lavorare a Soletta per fare lo stesso lavoro di qualcuno che vive a Soletta e va a lavorare a Berna. Come? Mettendo in contatto queste due persone e dando loro la possibilità (ai rispettivi datori di lavoro piacendo) di scambiarsi il lavoro. È quanto propone tausche-job.ch, una piattaforma lanciata oltre Gottardo da alcune settimane: «I media sono pieni di articoli intrisi di negatività sul tema del pendolarismo e noi ci siamo detti: le cose possono essere più semplici di così», spiega la cofondatrice del sito Carola Graf. 

Registrandosi gratuitamente, il sito permette di elaborare un profilo anonimo («La nostra prima regola è la discrezione») in cui si forniscono dati come posizione, grado di occupazione, formazione, lingue conosciute, età e luogo di lavoro. In caso di elevata corrispondenza con il profilo di qualcuno che vorrebbe lavorare dove lavoriamo noi e lavora dove noi vorremmo lavorare, il sito invia un messaggio a entrambi per un eventuale scambio, che può essere discusso dapprima chattando anonimamente e poi, se lo si desidera, approfondendo la conoscenza. 

Tutto molto bello, ma non è un po’ difficile, poi, fare entrare i due rispettivi datori di lavoro in questa equazione? Alla fine sono loro che devono acconsentire ad assumere il sostituto così trovato: «Noi stessi siamo datori di lavoro in una piccola-media impresa attiva nel settore delle costruzioni e facciamo un’enorme fatica a trovare dei professionisti validi», afferma Carola Graf. «Saremmo quindi felici se i dipendenti che vogliono andare via indicassero un sostituto», aggiunge. Se ciò possa funzionare, però, al momento non è dato sapere: «La nostra offerta è appena partita», sottolinea la responsabile. La piattaforma, inoltre, costituisce solo uno spazio di incontro e informazione, gli amministratori non possono verificare quali e quanti scambi vadano a buon fine.

Per ora tausche-job.ch è solo in tedesco, ma è possibile registrarsi da tutta la Svizzera. Sarà prossimamente consultabile anche in altre lingue? «Diremmo volentieri “Sì, certo!”, ma attualmente non prevediamo di proporre il sito in altre lingue nazionali», si rammarica Graf.  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mag 7 mesi fa su tio
Queste cose forse potrebbero essere NON proprio delle "inutili vaccate" se esistesse un mondo del lavoro sano e a misura d'uomo (e non a "misura del profitto"). Queste iniziative nascono a causa della stupidità popolare che trova fondamento sociologico nel seguente esempio allusorio: i tubi delle fogne sono marci, scaviamo dei canali per far scorrere l'acqua che vi fuoriesce verso il lago e non verso le case.
francox 7 mesi fa su tio
Ma per favore... Alcune grosse ditte fanno apposta a trasferire lontano il personale (vecchio e ben pagato) per far sì che si dimetta!
Anna Natolino 7 mesi fa su fb
Eduu Talaj si cosi sei più vicino da me 🙄
Cristina Botta 7 mesi fa su fb
Ottima idea.
Sarah Ninna 7 mesi fa su fb
Beh, era ora.
Daniela Sofia Battaglia 7 mesi fa su fb
Perché non cominciano “LORO“( le aziende ecc)a formare e poi assumere il personale del posto 😏e che cavolo...
Rüben Rota 7 mesi fa su fb
In effetti potrebbe essere una idea da non sottovalutare!
Valerio Castellani 7 mesi fa su fb
Dopo scambio famiglia e via andare scambisti on The roda lavoro per tutti non fate ridere eliminare gli automi di catena e tornare alla qualità del prodotto e impiegare la gente ma è utopia si crea e si fa danno eliminiamo i soldi e tutti gli imbroglioni 🌻🌻
Adam Palazzi 7 mesi fa su fb
La punteggiatura! Se no non si capisce nulla
Valerio Castellani 7 mesi fa su fb
Adam Palazzi non mi piace 👎
Bobby Seven 7 mesi fa su fb
Anche trasferirsi più vicino al posto di lavoro è una soluzione
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 08:44:53 | 91.208.130.86