Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 min
Gli americani vogliono comprare i nostri Tiger
Pronto un accordo da quaranta milioni di dollari. Negli States saranno impiegati nelle esercitazioni
LUCERNA
11 ore
Esplosione in un appartamento, ferito gravemente un ragazzino
Sul posto si sono recati gli specialisti dell'Istituto forense di Zurigo
GINEVRA
11 ore
Granconsigliere Simon Brandt, rilasciato ieri e interrogato oggi
Il deputato avrebbe commesso illeciti in qualità di consigliere comunale della Città di Ginevra e di dipendente del servizio di analisi strategica della polizia
VAUD
12 ore
Extinction Rebellion, fermati e denunciati 90 attivisti
L'obiettivo del raduno di Losanna era attirare l'attenzione di popolazione e autorità sulla crisi climatica
GINEVRA
15 ore
Mayor e Queloz accolti con tutti gli onori
I vincitori del Nobel per la fisica 2019 sono stati accolti oggi dalle autorità ginevrine dopo aver passato dieci giorni in Svezia
VIDEO
TURGOVIA
16 ore
La polizia ha sfidato onde di 2 metri sul Lago di Costanza
Gli agenti turgoviesi hanno diffuso un video per testimoniare come il forte vento renda difficile la navigazione
FOTO
VAUD
19 ore
Extinction Rebellion blocca la rue Centrale a Losanna
Circa 500 persone stanno manifestando da questa mattina a favore di una maggiore attenzione sulla crisi climatica
SVIZZERA
20 ore
"Veiko" mostra i muscoli: venti fino a 160 km orari
Le raffiche calde e tempestose hanno spazzato la Svizzera la scorsa notte. E in montagna aumenta il pericolo valanghe
FOTO
APPENZELLO ESTERNO
23 ore
La stalla prende fuoco: 200 maiali uccisi dalle fiamme
Il rogo è scoppiato nella notte a Hundwil. Per spegnerlo sono intervenute circa 100 persone
SVIZZERA
23 ore
Denner, i piccoli negozi nelle zone rurali potrebbero chiudere
La catena sta valutando il ritiro dalle regioni più isolate: «Piccole filiali difficili da gestire»
SVIZZERA
25.01.2019 - 10:230
Aggiornamento : 14:45

Voto elettronico, chiesta una moratoria

Un comitato - presieduto dal consigliere nazionale Franz Grütter - intende lanciare un'iniziativa popolare sul tema

BERNA - Una moratoria sull'introduzione del voto elettronico. La chiede un comitato, composto da informatici e politici che vanno dalla sinistra alla destra, presieduto dal consigliere nazionale Franz Grüter (UDC/LU) che intende lanciare una iniziativa popolare sul tema.

In una conferenza stampa, i promotori della modifica costituzionale, che dovrebbe essere ufficialmente lanciata a metà febbraio, chiedono che l'e-voting venga proibito fin tanto che non sarà protetto dalle manipolazioni almeno tanto quanto il voto tradizionale alle urne.

In particolare, gli elettori devono poter verificare le fasi essenziali del voto anche senza disporre di particolari competenze, deve essere possibile determinare la vera volontà del popolo e infine i conteggi devono essere affidabili, hanno affermato gli iniziativisti. Oggi queste condizioni non sono ancora soddisfatte, ha dichiarato Grüter.

I promotori dell'iniziativa sono preoccupati per la "negligenza" con cui si cerca di introdurre questo canale di voto per le elezioni e le votazioni in Svizzera. Con il voto elettronico solo pochi esperti in informatica sono a conoscenza del conteggio dei voti, il che rende il sistema facilmente manipolabile. Gli hacker hanno già scoperto vulnerabilità nei sistemi di e-voting. Ciò danneggerebbe la fiducia degli elettori nei conteggi, minando la democrazia diretta.

Chiaramente è possibile imbrogliare anche votando per corrispondenza, ha affermato lo specialista informatico nonché consigliere nazionale Balthasar Glättli (Verdi/ZH), ma nel voto elettronico è molto più facile effettuare attacchi su larga scala. Inoltre vi sono aziende private che offrono questi sistemi e di conseguenza sussiste una minaccia di privatizzazione del processo.

Internet è sotto attacco, ha spiegato dal canto suo Claudio Luck dell'associazione di haker Chaos Computer Club Switzerland (CCC-CH) nonché rappresentante della Svizzera italiana. Collegando infrastrutture critiche a internet bisogna attendersi ogni momento degli attacchi, ha aggiunto.

Diversi Stati europei hanno rinunciato completamente al loro sistema di voto elettronico. Oltre alla vulnerabilità, è infatti emerso che gli obiettivi prefissati non vengono perseguiti: l'e-voting non aumenta la partecipazione al voto (neppure quella dei giovani), il voto non viene semplificato visto che è ancora necessario spedire una busta, l'intero processo viene comunque effettuato su carta e i costi sono elevati.

Sperimentazione - In Svizzera il voto elettronico è attualmente possibile in via sperimentale in dieci cantoni, diversi dei quali hanno però interrotto o sospeso il test.

In dicembre il Consiglio federale ha avviato una procedura di consultazione per una modifica della legge federale sui diritti politici allo scopo di offrire a tutti cittadini questa possibilità, che si aggiungerà al voto di persona e per corrispondenza.

Tutti i tentativi di fermare tale introduzione sono falliti, per questo il comitato ha deciso di lanciare l'iniziativa. I promotori avrebbero anche potuto attendere i risultati della consultazione e se necessario lanciare il referendum, ma questo non impedirebbe gli attuali test, hanno spiegato.

Con l'attuazione della moratoria, l'Assemblea federale potrebbe revocare il divieto al più presto cinque anni dopo la sua entrata in vigore. Tra i sostenitori figurano rappresentanti affini alla tecnologia di tutti i partiti eccetto il PPD nonché gruppi come "Digitale Gesellschaft Schweiz" (Società digitale) e CCC-CH. La raccolta delle firme inizierà non appena 10'000 cittadini si saranno detti disposti a raccogliere cinque firme ciascuno.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-15 09:04:04 | 91.208.130.85