Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
53 min
Quella tragica carambola che ha ucciso un uomo
L'incidente, avvenuto sabato a Bussigny, ha provocato anche quattro feriti gravi. Tre i veicoli coinvolti. La polizia cerca testimoni per comprendere la dinamica
FOTO
SAN GALLO
1 ora
«Ho pensato fosse uno scherzo, poi ho visto il sangue»
Durante le riprese di un film in un bar di Rapperswil-Jona, si è sfiorato il dramma. I membri della troupe raccontano quei momenti di terrore
ZURIGO
2 ore
Sempre più neonati ricoverati per «traumi da scuotimento»
Sono dieci i casi sospetti segnalati l'anno scorso allo speciale gruppo per la protezione dell'infanzia attivo all'Ospedale pediatrico di Zurigo. «Siamo preoccupati»
SVIZZERA
2 ore
Congedo paternità, c'è incertezza sul numero di firme raccolte
Il referendum, iniziato tardivamente, è stato promosso dall'UDC e da alcuni giovani PLR e PPD, che ritengono la proposta del Governo troppo costosa
VALLESE
2 ore
Operaio della Lonza ucciso da una fuga di gas
La tragedia è avvenuta questo fine settimana nello stabilimento di Visp. La vittima lavorava da 28 anni per l'azienda
SVIZZERA
2 ore
4'500 soldati per il WEF, così proteggeremo Donald Trump
Il loro compito sarà di tenere praticamente blindato l’intero centro di Davos e tutte le zone limitrofe
SVIZZERA
4 ore
Denner, fatturato in aumento nel 2019
Le 551 filiali proprie hanno contribuito al giro d'affari con 2,6 miliardi di franchi
SVIZZERA
4 ore
L'economia basata sulla massimizzazione del profitto è «assurda e inefficace»
Il vicepresidente del Cda di Roche André Hoffmann auspica un cambio di mentalità
GRIGIONI
5 ore
Auto urta un muretto e finisce sul fianco
L'incidente ieri pomeriggio a Klosters, lievi ferite per i due occupanti del veicolo
ZUGO
5 ore
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
15 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
20 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
GRIGIONI
21 ore
Clima e “capitalismo responsabile” nell'agenda del WEF
A Davos è quasi tutto pronto per il cinquantesimo Forum economico
BERNA
21 ore
La presidente incontra i sopravvissuti all'Olocausto
«È importante per me favorire gli incontri personali e mantenere vivo il ricordo di questo tempo incommensurabilmente tragico» ha precisato Simonetta Sommaruga
SAN GALLO
22 ore
Incidente sul set: «Le armi erano vere»
La polizia cantonale sull’episodio che si è verificato sabato mattina a Rapperswil-Jona
BERNA
11.06.2018 - 06:280
Aggiornamento : 07:03

Dopo i giochi online ora sarà bloccato anche lo streaming?

A temerlo, dopo il chiaro "sì" alla norma, sono gli oppositori della Legge sui giochi in denaro

BERNA - La Legge sui giochi in denaro, che prevede il blocco dei siti di operatori stranieri, è stata approvata ieri dal 73% dei votanti. Commentando i risultati, Simonetta Sommaruga ha escluso in maniera categorica che l'esito possa spianare la strada al blocco di altri contenuti su internet. Gli oppositori del progetto, tuttavia, temono che sia proprio questo lo scenario che gli svizzeri si devono aspettare.

Come il consigliere nazionale PLR Marcel Dobler: «Sono sicuro che certe persone interpretano il risultato della votazione come un chiaro “sì” ai blocchi di internet», afferma. Il risultato delle urne, continua, potrebbe risvegliare appetiti specialmente nel settore dell’intrattenimento, fra i lobbisti dei diritti d’autore o fra i distributori locali. Siti di streaming, offerte musicali e cinematografiche o web store stranieri non graditi come Alibaba finirebbero insomma su una lista nera statale: «L’imminente revisione del diritto d’autore renderà già possibile richiedere nuovi blocchi di internet», lamenta Dobler. Durante la campagna, ricorda il consigliere nazionale, il manager di DJ Bobo aveva del resto chiesto dei blocchi a protezione dell’industria musicale.

Anche l’avvocato esperto di IT Martin Steiger prevede istanze simili da parte di altri settori. L’introduzione di blocchi viene per esempio pretesa da tempo dall’industria dell’intrattenimento americana. Siti di streaming come kinox.to o fmovies.to non sarebbero più accessibili: «È possibile altresì che il commercio al dettaglio provi a limitare ulteriormente il turismo degli acquisti digitali», mette in guardia Steiger.    

Adrian Amstutz (UDC) è di tutt'altro avviso. Gli oppositori della Legge sui giochi in denaro fanno semplicemente i catastrofisti, denuncia. Anche Matthias Aebischer (PS) assicura che la volontà non è censurare internet: «La popolazione ha detto chiaramente di capire che le leggi svizzere non valgono solo nel mondo reale, ma anche in internet», afferma. Ciò non significa, conclude, che saranno approvati blocchi ai servizi di streaming.

Commenti
 
Lonely Cat 1 anno fa su tio
Un proxy è come un messaggero discreto, nel senso che inoltra le tue richieste e ti inoltra le risposte, ma senza rivelare la tua identità. Fa da ponte tra te e il sito di destinazione, mantenendo il tuo IP segreto. Alcuni dicono VPN perché ormai si utilizza una VPN per collegarti al proxy, ma non è obbligatorio. La VPN rende la comunicazione tra te e il proxy più sicura, ma in realtà non è la VPN che fa il lavoro “sporco”, ma il proxy stesso.
Lonely Cat 1 anno fa su tio
@Lonely Cat La risposta era per Gus, che chiedeva cos'è un proxy.
Faby Dessy 1 anno fa su fb
Ma il ticinese medio che accetta ste cose si è bevuto davvero il cervello....io non ho parole
Ivan Haze 1 anno fa su fb
VPN e problema risolto
Francesco Durante 1 anno fa su fb
VPN già bloccate da diversi siti, se non rendi ip pubblico non ti fanno fare quasi niente.
MAGRAU 1 anno fa su tio
Peccato che la votazione era solo su un si e un no. Mi sarebbe piaciuto poter votare : NO ai giochi on-Line sia se generati o organizzati in Svizzera che se arrivino dall'estero. Un totale NO ai giochi On-Line con tanto di legge severa per chi viene sorpreso, in Svizzera, ad usare tali servizzi oppure ad eludere i sistemi messi in atto. Con tanto di pene carcerarie da espiare senza possibilità di condizzionale.
Cash596 1 anno fa su tio
L'iniziativa dal mio punto di vista è veramente inutile: i siti d'azzardo più gettonati sono quelli stranieri, perché quelli svizzeri fanno cagare di qualità. Ad ogni modo se vuoi tassare un utente svizzero che gioca su un sito straniero, lui può facilmente evadere il sistema, semplicemente cambiando l'indirizzo IP che anche un principiante ci riuscirebbe.
Lokal1 1 anno fa su tio
Probabilmente non ho capito nulla io.... ma non mi sembra si votasse su un blocco... vuoi creare un casinò online... bene fallo pure ma paghi come uno reale....non era questo in sintesi la votazione?
Lonely Cat 1 anno fa su tio
@Lokal1 Questo è quello che hanno voluto fare credere, tenendo in ombra l'aspetto della censura. Infatti ha funzionato. Per quanto ne so siamo l'unico stato occidentale ad oscurare dei siti internet. Siamo imbarazzanti!
Alessandro Mathieu 1 anno fa su fb
Ticino sempre più restrittivo e bacchettone, torneremo al medioevo. Paese per vecchi e finti moralisti.
tirannosaurosex 1 anno fa su tio
Al di là di usare una connessione vpn, la cosa più grave secondo me è proprio arrivare a censurare qualcosa in un paese "evoluto è libero" come il nostro!
Massimo Walter Antonio Canonica 1 anno fa su fb
Io spero che questa legge prima o poi non tocca anche i videogiochi
Sarah Chiaramonte 1 anno fa su fb
Mi stupisco di coloro che con un “chissene frega” vivono benissimo... Finiremo come la Corea del Nord? Spero di no. Se va bene censurare i siti di gioco perché allora non censurare lo streaming? Oppure shopping online? O tanto altro? Spero tanto che questo non sia solo la punta di un iceberg molto più profondo che ci porterà davvero a vivere come burattini a causa delle varie lobby
Alessandro Mathieu 1 anno fa su fb
Secondo me non ci sei troppo lontana, é un continuo "togliere concessioni", "chiudere questo e quel locale", "vietare una cosa e poi l'altra". Invece di andare avanti hanno deciso di retrocedere bloccando un'iniziativa dietro l'altra.
Stefano Casalinuovo 1 anno fa su fb
Baggianate
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
E chi se ne frega....
Massimo Walter Antonio Canonica 1 anno fa su fb
Marco Ermeti io vorrei sapere se avete figli fratelli sorelle cugini e cugine o nipoti loro molto probabilmente hanno 1 PC o PlayStation(3 o 4) Xbox o Nintendo queste piattaforme oltre a Netflix e Amazon Prime Video hanno anche servizi streaming per i videogiochi ? quindi se venisse fatta 1 legge che blocca lo streaming i vostri famigliari e amici non saranno contenti e forse andranno in Italia per poter utilizzare i servizi in streaming delle varie piattaforme di videogiochi.
Marco Ermeti 1 anno fa su fb
Non si preoccupi...i giovani sapranno come fare per aggirare eventuali regole restrittive sullo streaming...senza andare in Italia...
Chris Tai 1 anno fa su fb
Peggio della Cina fra poci
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-20 14:08:42 | 91.208.130.86