Keystone (foto d'archivio)
+ 3
SOCHI
29.09.2019 - 11:080
Aggiornamento : 19:53

Mick sulle orme di papà Schumacher: «Ancora un paio di gare e...»

Il 20enne pregusta il salto in F1, probabilissimo visti i suoi risultati in F2. «Mio padre, il mio eroe. Io e lui facciamo la stessa cosa»

SOCHI (Russia) – Nella prossima stagione di Formula 1, al volante di una delle due Alfa Romeo Racing potrebbe esserci Mick Schumacher. Protagonista in F2, il tedesco ha infatti dimostrato di avere le qualità e il temperamento per provare a lasciare il segno tra i grandi delle quattro ruote.

Un'eventuale promozione è stata confermata proprio dal 20enne in un'intervista concessa a Sky: «Il mio futuro sarà deciso nelle prossime settimane: al momento niente è ancora stato discusso. Vediamo come andranno le prossime gare e poi diremo con sicurezza cosa succederà. Il mio sogno è ovviamente quello di guidare la Ferrari in Formula 1».

Mick ha poi raccontato di papà Michael, al quale sarà sempre paragonato una volta salito al massimo livello. «I paragoni non mi disturbano: io e lui facciamo la stessa cosa, con la stessa passione. Lui è il mio eroe».

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
palagione 3 sett fa su tio
A me sembra che mick sia 12esimo con 51 punti, rispetto al primo che ne ha 266.....
tazgana 3 sett fa su tio
tutti team manager qua....................
seo56 3 sett fa su tio
Cala dü dit!!
Bayron 3 sett fa su tio
Figlio di papà!!!
bluwind 3 sett fa su tio
Ragazzino super raccomandato, in F2 non sta combinando praticamente niente(12mo a 210 punti dal primo) eppure per lui si sta gia parlando di F1! Non avesse avuto quel cognome sarebbe rimasto a vita un dilettante
streciadalbüter 3 sett fa su tio
Se guidare una macchina da corsa formula 1 si é eroi,quelli che muoiono per difendere la loro Patria,cosa sono?
Zarco 3 sett fa su tio
@streciadalbüter Presumo, intendesse dire eroe in un senso da figlio a genitore
tazgana 3 sett fa su tio
@streciadalbüter Militari
marcopolo13 3 sett fa su tio
@streciadalbüter Rimbambiti. Dovremmo vivere in un mondo in cui non c'è bisogno di morire per la propria patria, ma siccome siamo idioti (e abbiamo delle patrie) ci ritroviamo a dover morire per la patria. Quindi rispondo nuovamente: quelli che muoiono per la propria patria sono rimbambiti. Se non muoiono tornano e vengono dimenticati dal loro governo perché proprio a loro della patria e dei patrioti non importa niente.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-21 15:24:45 | 91.208.130.86