Cerca e trova immobili

CAROLA BARCHILa lotta alle violenze sulle donne è una priorità

25.11.23 - 08:00
Carola Barchi, presidente di "Pane e Rose"
Carola Barchi
Fonte Carola Barchi
La lotta alle violenze sulle donne è una priorità
Carola Barchi, presidente di "Pane e Rose"

Sabato 25 novembre ricorre la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. La ricorrenza cade quest’anno due settimane dopo la tragica morte di Giulia Cecchetin, uccisa dal suo ex fidanzato Filippo Turetta, caso a cui anche i media ticinesi hanno dato grande risalto. Da mesi i media italiani e di riflesso del nostro Cantone, riportano notizie di femminicidi, di stupri a giovani donne, a volte minorenni, ad opera di branchi di giovani maschi e di violenze perpetrate contro donne, che giustamente creano indignazione e dibattito nella società. Ormai è chiaro: la violenza contro le donne, dagli abusi fisici e psicologici, fino all'omicidio, passando per gli stupri, riguarda tutti i ceti sociali e i gradi d’istruzione - tanto che in Italia negli ultimi anni anche figli di politici di primo piano come Grillo e La Russa sono stati denunciati - e non solo, come ci veniva raccontato qualche anno fa da una destra xenofoba, ambienti d'immigrazione di cittadini provenienti dai Paesi a maggioranza musulmana.

Non va mai dimenticato che i casi che vengono trattati dai media, italiani quanto ticinesi, sono solo la punta dell'iceberg delle violenze che quotidianamente le donne subiscono. La Casa delle Donne di Lugano assiste molte donne, le cui storie ovviamente non vengono trattate dai media, ma non per questo il loro vissuto di violenza e sopraffazione deve essere banalizzato.
Ci indigniamo per la violenza sulle donne, ma l'indignazione non basta!
Se si vuol debellare questo fenomeno, bisogna mettere in campo una strategia articolata, che sappia intervenire sulla prevenzione e su un cambiamento dei paradigmi culturali, su modifiche legislative e del codice penale, e soprattutto sulla presa a carico di tutte le donne che hanno bisogno di assistenza e ascolto per le violenze subite.

Credo che l'aiuto alle donne vittime di violenza non sia un semplice bisogno, ma un diritto insindacabile! Se a un bisogno sociale può essere corrisposta una prestazione o dei servizi, un Diritto è un principio che lo Stato deve applicare. I tagli preannunciati dal Cantone, anche in materia di assistenza alle donne vittime di violenza, denotano ancora una volta che in Ticino prevale la mentalità del bisogno, invece che quella dei diritti.

Ecco perché è importante scendere in piazza sabato 25 novembre a Bellinzona: per rivendicare, ancora una volta, che è un diritto delle donne non essere più vittime di violenza. Nel 2023 l'assistenza alle donne vittime di violenza non è una voce di spesa dello Stato che può essere tagliata! La società civile, con il volontariato, con donazioni e con un lavoro immenso, fa già la sua parte e sicuramente si impegnerà ancora maggiormente per mettere in cantiere iniziative di supporto all'aiuto alle donne vittime di violenza. Questo maggior impegno nella ricerca di risorse umane e finanziarie non deve supplire a un arretramento dell'impegno dello Stato, ma semmai essere complementare, per un adeguata lotta contro le violenze sulle donne. L'obiettivo, che credo tutti condividiamo, è che in una società realmente democratica ed evoluta questa piaga sociale sia debellata.

Come "Pane e Rose”, associazione costituita quest'anno per supportare il lavoro della Casa delle Donne, la nostra parte la faremo, con impegno e dedizione, ma lo Stato non deve tagliare su chi opera con abnegazione sul campo.

COMMENTI
 

vulpus 2 mesi fa su tio
Nell'ambito di queste ricorrenze appaiono striscioni, messaggi, slogan e tutti a dire che bisogna fare qualcosa, ma poi il tutto finisce lì. Sono i politici che in primis devono far si che la società venga aiutata a cambiare questo concetto di padre-padrone, ma purtroppo non accade. Si vede la giustizia quando è chiamata a giudicare, emette certe sentenze che sono ridicole. Riceve condanne ben più pesanti chi si fa beccare da un radar rispetto a chi uccide una donna. Oppure pensiamo a quelle donne vittime di pressioni e minacce e che si potrebbe aiutare a difendersi con i famosi braccialetti da applicare a quegli uomini che fanno stalking,ma che la nostra polizia non vuole usare preventivamente.Ce nè di strada da fare

John Wayne 2 mesi fa su tio
Mo tutti sul carro della violenza sulle donne per campagna elettorale? Essere femminista vuol dire maltrattare chi non è donna, ma non è violenza secondo le signore, per è solo pro sacoccia e quota rosa! Il caso Turetta come certe frasi dette, fanno comodo a tante donne ticinesi perché in Ticino i casi, anche uno è di troppo, ve ne sono pochi ma se guardiamo la donna gettata dal terrazzo o le due donne uccise (una mentre passeggiava a Galbisio, l'altra mentre lavorava al bar a Giubiasco) avevano segnalato i disagi, ma poi se si fosse andati a processo, scommettiamo che l'avvocato (anche se fosse una donna) avrebbe minimizzato i fatti pur di salvare chi gli paga la parcella? Tutte contro la violenza ma poi si dimenticano del caso Unitas durato 25 anni, o il caso ex-DSS durato altrettanto, ed in entrambi i casi ci sono donne che hanno taciuto e non dato ascolto alle vittime, perché andar contro era sconveniente, ma poi perché nessuno si è rivolto alla polizia ma a chi ha voluto nascondere la polvere sotto il tappeto per interessi, e le varie inchieste fatte da Falò, hanno fatto vedere il sottobosco di protezionismo messo in atto.

saijon 2 mesi fa su tio
Per ogni 2 vittime donne, esiste una vittima di violenza domestica maschio. inoltre quando si parla di violenza sui bambino, le donne la esercitamo statisticamente in egual misura agli uomini. Perchè fare la femmimista se potrebbe fare a buon rendere la matriarca?
NOTIZIE PIÙ LETTE