ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
30 min
Sean Penn non tornerà sul set finché tutti non saranno vaccinati
Braccio di ferro tra l'attore e la casa di produzione di "Gaslit".
ITALIA
19 ore
Ilary Blasi: «Il ritiro di Francesco ha influito sulla mia carriera»
La conduttrice televisiva si racconta in una lunga intervista
MILANO
21 ore
Yaman-Leotta: la storia è al capolinea?
Continuano le voci di rottura nella storia d’amore tra la giornalista di DAZN e l’attore turco
STATI UNITI
23 ore
Finalmente un Emmy anche per "Monica": «Non è quello che avrei voluto»
Courteney Cox è l'unica dei sei personaggi principali a non aver mai ricevuto una nomination per la serie TV.
ITALIA
1 gior
Al Bano: «I miei 21 anni di amore con Loredana»
Il cantante si racconta in una lunga intervista parlando della sua vita con la Lecciso: «Non lascio avvicinare nessuno»
STATI UNITI
1 gior
Tommy Dorfman di "Tredici" fa coming out: «Sono una donna, una donna trans»
«Con questa transizione medica si è parlato del mio corpo e la cosa iniziava a sopraffarmi», ha spiegato.
STREAMING
REGNO UNITO
1 gior
Amy Winehouse, che ci manca così tanto
10 anni fa moriva la cantante inglese, la cui voce ha segnato un'epoca
BELLINZONA
1 gior
«Mia figlia è più ribelle di me e mi critica pure»
Gianna Nannini è pronta a cantare in Ticino. Intanto si è rilassata al mare con la sua Penelope.
ITALIA
1 gior
Belen torna al lavoro, ma è colpita da un malore
La showgirl argentina è tornata a registrare le puntate di "Tu si que vales" ma è stata costretta a uscire dagli studi
ITALIA
1 gior
Anna Tatangelo: «Nessuna rivalità con la D’Urso»
La cantante sarà protagonista delle domeniche su Canale 5 e c’è chi vuol far nascere una polemica con la conduttrice
ITALIA
1 gior
Luciana Littizzetto di nuovo in ospedale: «E sono ancora qua. Eh già.»
La comica italiana è ancora alle prese con le conseguenze di una brutta caduta avvenuta due anni fa.
REGNO UNITO
1 gior
Eric Clapton boicotterà i concerti che richiederanno il certificato Covid
La presa di posizione del chitarrista, in netto contrasto con le misure del governo Johnson
REGNO UNITO
2 gior
Una nuovo foto del principe George per il suo compleanno
Oggi l'erede al trono compie otto anni
LOCARNO
2 gior
A Kasia Smutniak il Leopard Club Award
L'attrice italiana sarà premiata venerdì 6 agosto in Piazza Grande
STREAMING E VIDEO
SAN BERNARDINO (GR)
2 gior
Guardarsi allo specchio e vedere uno straniero
"Stranger" è il nuovo singolo di Chiara Dubey, ma è anche l'inno del Floating Notes Festival che avrà luogo nel weekend
LOCARNO / BERLINO
08.05.2014 - 07:000
Aggiornamento : 25.11.2014 - 09:34

La memoria di Elisa alla conquista di Berlino

Cresciuta a Locarno, 27 anni e una laurea in storia dell'arte, da settembre Elisa Rusca è a Berlino per curare mostre. Ha sbaragliato una concorrenza agguerrita per allestire "Oblivion", che si inaugura questo sabato.

LOCARNO / BERLINO - È arrivata a Berlino quasi per sfida. "Volevo provare a lavorare come curatrice indipendente", confessa Elisa Rusca, in procinto di inaugurare la sua prima mostra. Cresciuta a Locarno 27 anni, sette vissuti a Losanna per studiare storia dell’arte e fare da assistente alle collezioni del museo della fotografia Musée de l'Elysée, in realtà ha un curriculum già accattivante. Selezionata nell’estate del 2013 per un’esposizione in dicembre a Berlino, assieme ad altri nove giovani provenienti da tutto il mondo, ha lasciato il lavoro e la Svizzera per tentare il tutto per tutto. "Mentre ero lì, ho partecipato a un “call for curators” della galleria Zweigstelle. Ho inviato il mio progetto e ho vinto. Una sorpresa: questi concorsi sono molto difficili, la concorrenza è vasta e preparata". Invece eccola, a mettere a punto gli ultimi dettagli della mostra che si apre questo sabato, fino al 24 maggio.

Elisa, più orgogliosa, stanca o emozionata?
"Che dire… Non avevo però mai ideato un progetto da sola dalla A alla Z. Progetto che ho anche gestito, da sola, fino alla fine, e del quale ho pure scritto e strutturato il catalogo. Tutto questo nell'arco di quattro mesi: un vero tour de force!"

Di che cosa si tratta?
"La mostra si intitola Oblivion ed è basata sul tema della memoria che svanisce di fronte all'inarrestabile scorrere del tempo. Presento cinque artisti internazionali che lavorano su questa tematica attraverso media diversi: fotografia, video, scultura, suono, installazione. Anne Duk Hee Jordan, Corea; Jacob Kirkegaard, Danimarca; Luke Munn, Nuova Zelanda; Virginie Rebetez, Svizzera; Sam Smith, Australia. Tutti hanno meno di 39 anni, li ho cercati nel giro di giovani artisti che vivono a Berlino.."

C’è anche un’artista ticinese: dove si colloca?
"La performance di Elisa Storelli, in tandem con Constantin Engelmann, è prevista per il finissage. Si chiama Trillenium e ha lo scopo di straniare lo spettatore, portarlo in un luogo dove il tempo e lo spazio vengono percepiti in modo diverso grazie al suono. Si usa la meccanizzazione e l'elettronica per ricercare un'esperienza estetica".

Il catalogo della mostra ha un titolo differente. Che cosa significa?
"Non si tratta di un semplice catalogo. Si chiama Oblio e non solo presenta i lavori degli artisti, ma cinque testi e due interviste. Ho chiesto a un neurologo, a un'artista della parola, a un sociologo, a una studente e a un musicologo di scrivere sulla memoria. Le interviste invece sono le trascrizioni di due conversazioni che ho avuto con la net-artist russa Olia Lialina, a proposito della memoria digitale, e con il professor Piero Baglioni, chimico che ha sviluppato una nanotecnologia per restaurare gli affreschi del Rinascimento. Mostra e catalogo vogliono ricordare agli spettatori che tutto, un giorno, svanirà. Che nulla è certo, perché tutto è percezione soggettiva".

Che cos’è per te la memoria?
"Il mio progetto nasce perché sono ossessionata dalla memoria: è un concetto che mi affascina, mi spinge a riflessioni infinite. È relativo alla definizione stessa di realtà. Viviamo in tempi "smemorati", dove ci affidiamo alla tecnologia per ricordare e dove ci illudiamo che potremo vivere per sempre".

Dopo la mostra, tornerai in Svizzera?
"Il concorso di Zweigstelle mi permette di stare qui a Berlino fino a fine giugno. Poi passerò l'estate in Ticino. In settembre avrò un congresso a Seoul e dopo...dopo mi piacerebbe tornare a Berlino. Ho ancora tanti progetti per la testa".

Perché realizzarli a Berlino?
"Berlino è il centro vibrante della creazione contemporanea europea. Una grande quantità di eventi relativi all'arte contemporanea si susseguono a un ritmo serratissimo. Ma è anche una città dura, che ti ricorda che sei un immigrato quando meno te lo aspetti e che fa ancora i conti col suo passato. In ogni caso, anche se a volte non è facile, c'è ovunque una grande energia e si respira un'aria di possibilità che è difficile trovare altrove, soprattutto nel mio ramo".

Che cosa manca alla Svizzera per essere all’altezza?
"In Svizzera si tende, per diverse ragioni, a seguire e sostenere solamente i progetti "sicuri", magari un po' più tradizionali. L'arte contemporanea è quindi spesso sentita come qualcosa "fatto solo per gli addetti ai lavori". Ma questo è sempre stato il "problema" del contemporaneo. C'è chi considera Arte solo Michelangelo, senza ricordarsi che anche lui, quando affrescò la Cappella Sistina, fu spesso criticato per le donne troppo "mascoline" o la nudità e le pose "oscene" di personaggi religiosi. Purtroppo spesso non ci si rende conto che uno degli scopi dell'arte è il provocare una reazione e non solo essere decorativa o celebrativa".


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 15:24:08 | 91.208.130.87