Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Seth Wenig)
REGNO UNITO
16.01.2022 - 12:000

Harry vuole pagarsi una scorta di polizia quando si trova nel Regno Unito: il ministero dell'Interno dice no

Il duca di Sussex ha fatto domanda di riesame giudiziario lo scorso settembre

LONDRA - Il principe Harry sta cercando di ottenere un riesame giudiziario dopo il rifiuto del ministero dell'Interno britannico di consentirgli di pagare di tasca propria per avere protezione dalla polizia per sé e la sua famiglia quando si trova nel Regno Unito. Lo riferisce la Bbc.

Il duca di Sussex vorrebbe finanziare personalmente la protezione per la sua famiglia piuttosto che chiedere ai sudditi di pagare il conto dopo la frattura con la Royal Family, ottenendo così una scorta privata come quella di cui lui Meghan, Archie e Lilibet godono negli Stati Uniti.

Con l'avvicinarsi del Giubileo di platino della regina Elisabetta II, la richiesta del principe Harry viene letta come l'intenzione di cogliere l'occasione dei festeggiamenti per i 70 anni del regno, per far conoscere alla nonna l'ultima nata Lilibet che proprio a giugno compirà un anno.

La domanda di riesame giudiziario avanzata dal principe Harry a settembre fa seguito a un incidente di sicurezza avvenuto a Londra nel luglio 2021 quando l'auto del duca è stata inseguita dai fotografi mentre lasciava un evento di beneficenza, come spiegato da un suo rappresentante legale.

In una dichiarazione si legge: «Il principe Harry ha ereditato un rischio per la sicurezza alla nascita, per tutta la vita. Rimane il sesto in linea di successione al trono, ha servito due turni di combattimento in Afghanistan e negli ultimi anni la sua famiglia è stata sottoposta a ben documentate minacce neonaziste ed estremiste».

«Il Regno Unito - prosegue - sarà sempre la casa del principe Harry e un Paese in cui vuole che sua moglie e i suoi figli siano al sicuro. Con la mancanza di protezione della polizia, c'è un rischio personale troppo grande».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-29 07:46:37 | 91.208.130.86