Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (IAN LANGSDON)
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
8 ore
Baricco ha la leucemia, farà un trapianto di staminali
Avverrà tra un paio di giorni, ha annunciato lo scrittore sui social
ITALIA
11 ore
Matilde Gioli trasloca per amore: «Pronta per un figlio»
L’attrice si trasferisce da Milano a Roma per vivere con Alessandro Marcucci
STATI UNITI
13 ore
Incidente d'auto per Arnold Schwarzenegger
Quattro le auto interessate, una donna è rimasta leggermente ferita
STATI UNITI
1 gior
L'assalto a Capitol Hill diventerà un film
Si chiamerà "J6" e sarà diretto da Billy Ray, che subito dopo il 6 gennaio si recò a Washington per le interviste
ITALIA
1 gior
Bomba su Michelle Hunziker: dopo l’addio a Trussardi torna con Eros?
Il portale Dagospia ha lanciato una clamorosa indiscrezione sulla presentatrice
STATI UNITI
1 gior
È morto Meat Loaf
Il cantante e rocker americano aveva 74 anni e si è spento attorniato dai suoi cari
STATI UNITI
1 gior
Lo sgambetto del Covid ad Adele che all'ultimo annulla i suoi show a Las Vegas
«Metà della troupe è positiva, non siamo pronti», la notizia in lacrime su Instagram a 24 ore dall'inizio
FOTO
BRASILE
1 gior
È morta Elza Soares
La celeberrima cantante brasiliana aveva 91 anni e si è spenta per cause naturali in casa sua
ITALIA
2 gior
Belen, un post sembra confermare il ritorno con De Martino
«Non è mai troppo tardi per riprendere quel sogno», scrive l’argentina: parla di Stefano?
ITALIA
2 gior
Come reagire al catcalling? «Mi giro, guardo e me ne vado»
Cristina D'Avena ha illustrato in radio il suo modo di rispondere agli apprezzamenti non richiesti
ITALIA
2 gior
Fedez, doppio regalo extralusso alla Ferragni
Un bracciale da (almeno) 300mila euro e serata esclusiva al ristorante di Cracco i doni del rapper
ITALIA
2 gior
Gianni Morandi: «Nella vita ci vuole anche c...»
Lo sa bene il cantante, che oltre a decenni di popolarità ha sperimentato cosa significhi essere messo da parte
STATI UNITI
2 gior
Il rap è arte, «non un'arma per ottenere condanne in tribunale»
Proposto un disegno di legge perché i testi musicali non vengano utilizzati come prove penali. La scena rap alza la voce
STREAMING
CANTONE
2 gior
Le "altre velocità" firmate Moraen
Un EP dai contenuti sperimentali e fortemente autobiografici per la musicista bellinzonese
ITALIA
3 gior
Belen ha trascorso una notte a casa di Stefano De Martino?
Alcune foto si aggiungono agli indizi, i due sarebbero davvero tornati insieme
Francia
06.09.2021 - 16:430
Aggiornamento : 20:18

È morto Jean-Paul Belmondo

La leggenda del cinema francese aveva 88 anni, la sua legale: «Da tempo si sentiva stanco»

La Francia lo piange. Emmanuel Macron: «Resterà per sempre "Le Magnifique"». Alain Delon: «Sono completamente annientato». Charlese Michel: «Era un gigante». Claudia Cardinale: «Sono rimasta sola».

PARIGI - Il cinema francese piange Jean-Paul Belmondo. Si è spento a 88 anni, come comunicato dalla sua rappresentante legale, ripresa dall'agenzia stampa Afp. «Da qualche tempo si sentiva molto stanco», ha confermato, «si è spento nella tranquillità».

Nato nel 1933 a Neully Sur Seine, e di formazione classica, negli anni '60 è già richiestissimo dopo il successo avuto con Jean-Luc Godard, regista tra i principali esponenti della Nouvelle Vague, per il ruolo da protagonista nel seminale “Fino all'ultimo respiro” (1960). In quello stesso anno gira anche un altro film leggendario, “La Ciociara”, diretto da Vittorio De Sica.

Noto in patria con il soprannome canzonatorio di Bébel, Belmondo è stato un attore dai mille volti. Dal film d'autore a quello mainstream è infatti arrivato anche al poliziesco che ha - in parte - ridefinito grazie al suo carisma e la sua prestanza fisica.

Sempre attivo nel corso degli anni, fra cinema tv e teatro, nel 2001 non viene colpito da un'ischemia cerebrale, che lo tiene lontano dalla recitazione per sette anni. Pochi mesi fa il suo ultimo compleanno, in compagnia anche della sua figlia più giovane, Stella di 17 anni.

Lo piange tutta la Francia - La Francia piange naturalmente uno dei suoi simboli. «Resterà per sempre "Le Magnifique"», ha detto il presidente Emmanuel Macron, tra i primi a reagire su Twitter alla scomparsa di questo mostro sacro del cinema d'Oltralpe. «Belmondo - ha aggiunto il presidente - era un patrimonio nazionale, pieno di brio e risate, toni forti e fisico svelto, eroe sublime e figura famigliare, infaticabile temerario e mago delle parole. In lui, ci riconoscevamo tutti».

Il presidente dell'Assemblea Nazionale, Richard Ferrand, evoca un «monumento del cinema e del teatro. Assieme ai più grandi registi, Belmondo ha segnato la nostra cultura popolare, il nostro patrimonio, con il suo talento, il suo brio e il suo senso dell'umorismo leggendario. Pensieri commossi ai suoi cari e ai suoi amici». E il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, piange la scomparsa di «un gigante: tutti ricordiamo il suo sorriso, il suo carisma».

Nel fiume incessante di omaggi nazionali e internazionali, anche quello dello storico collega, Alain Delon. «Sono completamente annientato - ha dichiarato Delon - Adesso cercherò di reagire per non trovarmi nelle stesse condizioni tra cinque ore... Non sarebbe male se ce ne andassimo tutti e due, insieme». Belmondo, prosegue Delon, la voce spezzata dal cordoglio ai microfoni di CNews, «è una parte della mia vita, iniziammo insieme, 60 anni fa». Spesso dipinti, a torto, come rivali, i due colossi del cinema transalpino hanno recitato assieme in molti film.

«Sono rimasta sola»: fra le lacrime, anche Claudia Cardinale, nella sua casa di Parigi, ricorda l'amico, il collega, il complice di una vita. «Sono addoloratissima - dice all'ANSA l'attrice - per me è stato e rimarrà, come per tanti altri, l'immagine della vitalità. Nel mio cuore e nella mia memoria non cesserà mai di essere in movimento. Lui era il sorriso, la gioia di vivere, l'audacia e la semplicità». «Io ringrazio la vita - conclude Claudia Cardinale - per aver unito i nostri percorsi. Il mio affetto più profondo va ai suoi familiari e in particolari ai suoi figli. Addio Jean-Paul».

Sentito omaggio anche da parte del Festival di Cannes. «Merci, Jean-Paul», scrive in un tweet il delegato generale del Festival, Thierry Frémaux, salutando la «generosità dell'uomo e dell'attore». In allegato, due foto sulla Croisette di colui che tutti chiamavano "Bébel" e a cui nel 2011 venne assegnata la Palma d'Oro alla carriera. «Affetto e ammirazione» anche nell'omaggio della Biennale di Venezia, che tra l'altro premiò Belmondo nel 2016 con il Leone d'oro alla carriera.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 22:10:12 | 91.208.130.89