keystone-sda.ch / STF (IAN LANGSDON)
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
5 ore
Serena Grandi: «Io, martoriata dalla chirurgia estetica»
L’attrice ha pubblicato un’autobiografia in cui si pente di aver fatto ricorso al bisturi
ITALIA
7 ore
Claudio Santamaria: «Pensavo che Francesca fosse troppo bella per me»
L’attore ha parlato di come è nato il rapporto con la moglie
SVIZZERA
9 ore
"Loving Highsmith" apre le Giornate di Soletta
Il documentario sulla scrittrice è diretto da Eva Vitija
STATI UNITI
11 ore
Quella volta che Bradley Cooper si trovò un coltello puntato nella metro: «Una cosa da matti»
L'attore ha ricordato in un'intervista podcast quanto successogli nel 2019: «Ho fatto quello che non si dovrebbe fare»
STATI UNITI
13 ore
Raid della polizia a casa di Marilyn Manson
Il motivo riguarda le indagini per presunti abusi su diverse ex-fidanzate, sequestrati diversi supporti di dati
CANTONE
14 ore
Racconti fantastici, premiato "Solo testa" al concorso Altroquando
Mike Papa di Anagni, convincendo anche Giona A. Nazzaro, ha ottenuto il primo posto
ITALIA
16 ore
Fedez: «Io e Chiara facciamo terapia di coppia»
La confessione in tv del rapper che però minimizza: «È una cosa normale»
AUSTRALIA
18 ore
È morto Dalaithngu, l'aborigeno di "Crocodile Dundee"
«Scompare un artista iconico, che ha segnato la storia del cinema australiano»
FOTO
CANTONE
20 ore
Due fiabe ticinesi da mettere sotto l'albero
“La fuga di margherita” e “Misha, il re dei trovatelli” sono due carinissime idee regalo nostrane per i più piccoli
ITALIA
1 gior
Modà, Kekko Silvestre ha sposato due volte la sua Laura
Il cantante ha raccontato la sua particolare scelta dopo 23 anni di fidanzamento
STATI UNITI
1 gior
Tom Holland sarà Spider-Man per (almeno) altri tre film
L'annuncio oggi in intervista da parte di Sony e che parla di una nuova trilogia con il giovane attore britannico
FOTO
LUGANO
1 gior
“Clifford il Grande Cane Rosso”, l'anteprima è un successo
Una domenica già in odore di Natale quella al Cinestar di diversi fortunati lettori di tio.ch e 20minuti
STATI UNITI
1 gior
Matthew McConaughey ha deciso: non si candiderà a governatore del Texas
L'attore preferisce concentrarsi, per il momento, solo sul settore privato
STATI UNITI
2 gior
Addio allo stilista Virgil Abloh
Era il direttore della collezione Uomo di Luis Vuitton. Da anni lottano contro il cancro
EMIRATI ARABI UNITI
2 gior
Lindsay Lohan e quel matrimonio in vista... «È il mio futuro»
Anello di fidanzamento in vista, la coppia ha annunciato la bella notizia su Instagram
Francia
06.09.2021 - 16:430
Aggiornamento : 20:18

È morto Jean-Paul Belmondo

La leggenda del cinema francese aveva 88 anni, la sua legale: «Da tempo si sentiva stanco»

La Francia lo piange. Emmanuel Macron: «Resterà per sempre "Le Magnifique"». Alain Delon: «Sono completamente annientato». Charlese Michel: «Era un gigante». Claudia Cardinale: «Sono rimasta sola».

PARIGI - Il cinema francese piange Jean-Paul Belmondo. Si è spento a 88 anni, come comunicato dalla sua rappresentante legale, ripresa dall'agenzia stampa Afp. «Da qualche tempo si sentiva molto stanco», ha confermato, «si è spento nella tranquillità».

Nato nel 1933 a Neully Sur Seine, e di formazione classica, negli anni '60 è già richiestissimo dopo il successo avuto con Jean-Luc Godard, regista tra i principali esponenti della Nouvelle Vague, per il ruolo da protagonista nel seminale “Fino all'ultimo respiro” (1960). In quello stesso anno gira anche un altro film leggendario, “La Ciociara”, diretto da Vittorio De Sica.

Noto in patria con il soprannome canzonatorio di Bébel, Belmondo è stato un attore dai mille volti. Dal film d'autore a quello mainstream è infatti arrivato anche al poliziesco che ha - in parte - ridefinito grazie al suo carisma e la sua prestanza fisica.

Sempre attivo nel corso degli anni, fra cinema tv e teatro, nel 2001 non viene colpito da un'ischemia cerebrale, che lo tiene lontano dalla recitazione per sette anni. Pochi mesi fa il suo ultimo compleanno, in compagnia anche della sua figlia più giovane, Stella di 17 anni.

Lo piange tutta la Francia - La Francia piange naturalmente uno dei suoi simboli. «Resterà per sempre "Le Magnifique"», ha detto il presidente Emmanuel Macron, tra i primi a reagire su Twitter alla scomparsa di questo mostro sacro del cinema d'Oltralpe. «Belmondo - ha aggiunto il presidente - era un patrimonio nazionale, pieno di brio e risate, toni forti e fisico svelto, eroe sublime e figura famigliare, infaticabile temerario e mago delle parole. In lui, ci riconoscevamo tutti».

Il presidente dell'Assemblea Nazionale, Richard Ferrand, evoca un «monumento del cinema e del teatro. Assieme ai più grandi registi, Belmondo ha segnato la nostra cultura popolare, il nostro patrimonio, con il suo talento, il suo brio e il suo senso dell'umorismo leggendario. Pensieri commossi ai suoi cari e ai suoi amici». E il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, piange la scomparsa di «un gigante: tutti ricordiamo il suo sorriso, il suo carisma».

Nel fiume incessante di omaggi nazionali e internazionali, anche quello dello storico collega, Alain Delon. «Sono completamente annientato - ha dichiarato Delon - Adesso cercherò di reagire per non trovarmi nelle stesse condizioni tra cinque ore... Non sarebbe male se ce ne andassimo tutti e due, insieme». Belmondo, prosegue Delon, la voce spezzata dal cordoglio ai microfoni di CNews, «è una parte della mia vita, iniziammo insieme, 60 anni fa». Spesso dipinti, a torto, come rivali, i due colossi del cinema transalpino hanno recitato assieme in molti film.

«Sono rimasta sola»: fra le lacrime, anche Claudia Cardinale, nella sua casa di Parigi, ricorda l'amico, il collega, il complice di una vita. «Sono addoloratissima - dice all'ANSA l'attrice - per me è stato e rimarrà, come per tanti altri, l'immagine della vitalità. Nel mio cuore e nella mia memoria non cesserà mai di essere in movimento. Lui era il sorriso, la gioia di vivere, l'audacia e la semplicità». «Io ringrazio la vita - conclude Claudia Cardinale - per aver unito i nostri percorsi. Il mio affetto più profondo va ai suoi familiari e in particolari ai suoi figli. Addio Jean-Paul».

Sentito omaggio anche da parte del Festival di Cannes. «Merci, Jean-Paul», scrive in un tweet il delegato generale del Festival, Thierry Frémaux, salutando la «generosità dell'uomo e dell'attore». In allegato, due foto sulla Croisette di colui che tutti chiamavano "Bébel" e a cui nel 2011 venne assegnata la Palma d'Oro alla carriera. «Affetto e ammirazione» anche nell'omaggio della Biennale di Venezia, che tra l'altro premiò Belmondo nel 2016 con il Leone d'oro alla carriera.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 02:29:59 | 91.208.130.86