AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
1 gior
La prima rete di trasporto autonomo al mondo
Si tratta di un corridoio autostradale di 1.100 miglia da Phoenix a Houston per i camion a guida autonoma
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Una “fionda orbitale” per osservare gli oggetti interstellari
Scienziati del MIT stanno sviluppando insieme alla NASA un’idea innovativa per studiare gli oggetti interstellari
STATI UNITI
1 sett
Titanato di litio per batterie a ricarica ultrarapida
Uno studio ha registrato il movimento esatto degli ioni di litio nel titanato aprendo nuove prospettive in questo campo
GIAPPONE
1 sett
Azienda giapponese testa un’auto volante con conducente
La giapponese SkyDrive ha condotto il primo test pubblico di un’auto volante con a bordo un pilota umano
MONDO
1 sett
Le incredibili piante modificate geneticamente che si illuminano
Un team di ricercatori ha creato delle piante luminose grazie al DNA di un fungo bioluminescente
ITALIA
1 sett
Scienziati decodificano il modo in cui il cervello distingue gli odori
Uno studio ha permesso di decodificare il linguaggio neurale degli odori riuscendo ad ingannare il cervello dei topi
FINLANDIA
2 sett
Idrogeno a basso costo grazie a un nuovo catalizzatore in nanotubi di grafene
Sviluppato un catalizzatore che consente le reazioni chimiche alla base della produzione dell’idrogeno a prezzi ridotti
STATI UNITI
2 sett
Elon Musk ha presentato i progressi di Neuralink
Mostrato su un maiale il funzionamento dell’impianto cerebrale in grado di connettere il cervello ad un computer
STATI UNITI
2 sett
Micrashell, la tuta tecnologica per proteggerci dai virus
Dagli Stati Uniti un progetto futuristico per tornare a socializzare senza distanziamento e al sicuro dal coronavirus
MONDO
06.08.2020 - 06:000

Quanto tempo rimane ancora alla civiltà prima che si giunga al collasso?

Secondo alcuni fisici teorici al 90% il crollo della civiltà umana avverrà entro pochi decenni

Se l’umanità continuerà verso questa direzione, la civiltà così come noi la conosciamo andrà incontro a un “irreversibile collasso” entro pochi decenni. È questa la conclusione a dir poco catastrofica, ma scientificamente fondata, a cui è giunto un recente studio pubblicato su Nature Scientific Reports da parte di un team di fisici teorici.

L’articolo, scritto da alcuni ricercatori dell’Alan Turing Institute di Londra e dell’Università di Tarapacá in Cile, presenta una sorta di “road map” del disastro in cui viene mostrato con chiarezza la forte probabilità del crollo della civiltà umana in poco tempo. Questo evento è stato messo in relazione al continuo consumo di risorse, al sovrappopolamento del pianeta e alla deforestazione.

La traiettoria indicata dallo studio, al quale hanno partecipato anche il dott. Gerardo Aquino, ricercatore associato presso l’Alan Turing Institute, e il professor Mauro Bologna del Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell’università cilena, restringe di molto i tempi delle più pessimistiche previsioni fatte fino ad oggi. Secondo Aquino, infatti, impegnato a studiare i modelli di complessi sistemi politici, economici e culturali per prevedere i conflitti, la fine della civiltà umana arriverà molto prima di quanto si possa immaginare, addirittura entro i prossimi 20-40 anni.

Le cause sono da rintracciare nel sempre crescente impatto della deforestazione sui sistemi planetari che sono alla base dei processi vitali e, quindi, sono indispensabili per la sopravvivenza umana. Tale fenomeno influisce su molti altri importanti fattori concatenati tra loro, come lo stoccaggio del carbonio, la produzione di ossigeno, la conservazione del suolo, la regolazione del ciclo dell’acqua, il sostegno alla natura, ai sistemi alimentari umani e all’habitat dell’uomo e di tante altre specie. Il sovrappopolamento del pianeta, poi, peggiora ulteriormente le cose.

Senza una forte riduzione di questi elementi, in particolare del tasso di deforestazione (che ai ritmi attuali potrebbe causare la perdita totale delle foreste nel giro di 100-200 anni), «è altamente improbabile immaginare la sopravvivenza di molte specie, compresa la nostra, sulla Terra», spiega lo studio. Inoltre, viene anche precisato che «il progressivo degrado dell’ambiente dovuto alla deforestazione influirebbe pesantemente sulla società umana e di conseguenza il collasso umano inizierebbe molto prima».

In sostanza, ciò che lo studio vorrebbe mettere in evidenza con i suoi calcoli riguarda innanzitutto le tempistiche di un probabile collasso irreversibile della nostra civiltà. «Il nostro modello mostra che un crollo catastrofico nella popolazione umana, a causa del consumo di risorse, è lo scenario più probabile dell’evoluzione dinamica basata sui parametri attuali. Da un punto di vista statistico la probabilità che la nostra civiltà sopravviva di per sé è meno del 10%. Nello scenario più ottimistico», concludono i ricercatori.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 10:02:37 | 91.208.130.87