Immobili
Veicoli

SVIZZERAMa se sono svizzere, perché noi le paghiamo di più?

30.07.22 - 21:07
Scarpe, equipaggiamento outdoor e... caquelons di marchi svizzeri da noi sono più cari. Ecco come mai.
Reuters
Ma se sono svizzere, perché noi le paghiamo di più?
Scarpe, equipaggiamento outdoor e... caquelons di marchi svizzeri da noi sono più cari. Ecco come mai.

ZURIGO - Da lungo tempo sul mercato, apprezzate in patria e all'estero tanto da fare il botto al momento della quotazione in borsa a Wall Street. Di sicuro avrete già sentito parlare (e avrete già visto nei negozi) le scarpe dell'azienda zurighese On, nel quale sviluppo è coinvolto anche il basilese Roger Federer.

Senza dubbio si tratta di uno dei fiori all'occhiello dell'industria elvetica, ma com'è che per acquistarne un paio dobbiamo pagare di più, rispetto a quasi tutti i Paesi al mondo? Basta una rapida ricerca sugli shop online per scoprire che, per accaparrarci un paio di On, noi svizzeri spendiamo fino al 40% in più rispetto a tedeschi, britannici e americani. 

E, stando a una recente ricerca svolta dai giornalisti del gruppo Tamedia, il marchio di calzature non è l'unico ad applicare un "sovrapprezzo elvetico".

Anche i prodotti sportivi di Mammut, le macchine da caffè Jura e le borracce Sigg, infatti, sono più cari se acquistati in Svizzera. Non fa eccezione nemmeno... il caquelon da fondue - così come le pentole - realizzate dalla lucernese Kuhn Rikon. Secondo i listini di queste aziende si va da una maggiorazione che va dal 20 a quasi il 50%.

Stando a quanto spiegato da Mammut il motivo riguarderebbe perlopiù il cambio, i prezzi di listino vengono aggiornati regolarmente tenendo conto del valore del franco, con un'aggiunta del 10%. «Se nella moda si fa ogni stagione, con l'outdoor questo capita solo due volte l'anno, e il risultato è un sistema meno dinamico», spiega Michael Portmann di Mammut svizzera.

Spiegazioni analoghe arrivano anche da Kuh Rikon: «Da noi i listini vengono aggiornati annualmente, facendo riferimento a un tasso di cambio mediano. Per questo possono risultare differenze anche importanti. In questo scenario di rincaro c'entra anche la crisi delle materie prime e dell'energia. In genere gli aumenti di prezzo subentrano a scaglioni e per aree, in questo modo è possibile che - in alcuni mesi dell'anno - le differenze con il prezzo svizzero siano ancora più nette».

Quei prodotti che da noi costano (un po') meno

Fortunatamente non tutto quello che producono le aziende svizzere costa di più qui da noi. Paghiamo meno rispetto al resto del mondo per alcuni prodotti davvero tipici come gli orologi (Swatch e Omega) così come i coltellini Victorinox. Il risparmio qui può andare dal 3 al 19%. Costano fino al 24% in meno le matite colorate di un'altra istituzione elvetica, Caran d'Ache.

COMMENTI
 
fama 1 sett fa su tio
Svizzeri pecoroni? Sempre puntuali, corretti all'eccesso, assicurati persino alla perdita delle mutande accettiamo senza battere ciglio qualsiasi cosa sia dettata dalla CH! Noi nel paese, paghiamo tutto più caro, i carburanti, orologi, le pentole e il coltellino svizzero. Magari si potrebbe andare all'estero o ... rinunciare per un'alternativa. Visto che .... sotto sotto moltissimo è prodotto all'estero !!
Brontolo pensionato 1 sett fa su tio
Perchè siamo tutti delle Milka: mucche da mungere... semplice.
Monolite 1 sett fa su tio
Basta comprare on line , e per fortuna la gente comincia a svegliarsi , spiace ma é l unica soluzione.
Anna 74 1 sett fa su tio
infatti è per questo che la gente va in Italia a fare la spesa e altro sono dei barlafus quelli ai piani alti
Elveg 1 sett fa su tio
Siamo proprio dei pagliacci!! É che non siamo mai stati in grado di ribellarci altrimenti quelli ai piani alti, dove ci sono le grandi cadreghe nutrite dal popolo, si sarebbero svegliati!!! Poi si lamentano che non si acquista in Svizzera, bé grazie al ca..o!!!!
Busca 1 sett fa su tio
La scusa del cambio non tiene: se coi fosse, la merce svizzera in Svizzera dovrebbe costare meno e non di più. I prezzi svizzeri sono calcolati sulla base del salario medio che in Svizzera supera i CHF 6,000.— (media statistica dei polli, che dice che se uno mangia 2 polli e un altro 0, mediamente ognuno ne mangia 1!) mentre all’estero si situa tra EUR 1,000.-- / EUR 2,000.--.Far pagare la merce in Svizzera il 50% in più rispetto all’estero è quindi, per gli importatori, “giustificato” fino al momento in cui la gente, stufa, comincerà a comperare sempre di più all’estero!
Andy 82 1 sett fa su tio
NÓ COMMENT
cle72 1 sett fa su tio
Basta comprarle on line su portali esteri. Niente di più semplice.
Aurelio6802 1 sett fa su tio
Si vede che non hai provato. Se si accede a un portale estero, quando si immette l'indirizzo si viene reindirizzati sul portale CH
Coerente 1 sett fa su tio
Che scusa del C…o, siam proprio dei burattini!
emibr 1 sett fa su tio
Quasi tutto in Svizzera costa molto di più che all'estero, non solo i prodotti svizzeri, e ciò da sempre.
Pati 1 sett fa su tio
Pazzesco
Güglielmo 1 sett fa su tio
perchè siamo dei piloni ecco perché....
Thinks 1 sett fa su tio
... Fosse solo quello, perfino i medicinali prodotti da noi costano meno all'estero! Con la sanità fra le più care al mondo, continuano allegramente a prendere per i fondelli la popolazione! Beh se nessuno dice niente andate pure avanti così...
dan007 1 sett fa su tio
Lasciamo stare tutto costa meno all’estero perché facciamo il taxi free più sconto
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA