Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
55 min
Le vendite di cioccolato tornano ai livelli pre-Covid
Nel 2021 i ricavi di Lindt & Sprüngli hanno raggiunto i 4,6 miliardi di franchi
SVIZZERA
2 ore
Oltre 200 milioni di pacchi in un solo anno, è record
Il gigante giallo ha pur creato 809 nuovi impieghi a tempo pieno nel 2021
SVIZZERA
4 ore
La prima intervista ad Axel Lehmann: «Io un presidente di transizione? Lasciatemi lavorare»
Le parole del nuovo “boss” del Cda di Credit Suisse in un'intervista: «La strategia non cambierà»
ASIA
6 ore
Tornano a circolare i treni tra Cina e Corea del Nord
È dall'inizio della pandemia che Pyongyang aveva chiuso del tutto i propri confini
LE FOTO
EMIRATI ARABI UNITI
18 ore
"Enigma", il misterioso diamante nero va all'asta
Le sue origini? Ancora enigmatiche, potrebbe essersi formato quando un meteorite ha colpito la Terra
SVIZZERA
20 ore
Una commessa fino a quattro miliardi di euro per Stadler Rail
È la più importante degli 80 anni di storia del costruttore ferroviario elvetico
SVIZZERA
23 ore
Un purosangue zurighese al timone di Credit Suisse
La scelta di Axel Lehmann suona di ultima chiamata per il colosso bancario, secondo Inside Paradeplatz
SVIZZERA
1 gior
Credit Suisse, reazioni negative in Borsa
Le dimissioni di António Horta-Osório sono un altro evento negativo dopo gli scandali del 2021
MONDO
1 gior
«Dall'inizio della pandemia, ogni 26 ore è nato un nuovo miliardario»
Un rapporto dell'Oxfam mette a nudo «la pandemia delle disuguaglianze», più super-ricchi e più persone cadute in povertà
SVIZZERA
1 gior
Violò due volte la quarantena, il presidente del CdA di Credit Suisse lascia e si scusa
António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, si è dimesso dopo un'indagine interna
KOSOVO
1 gior
Kosovo in tackle sul Bitcoin, svendita e fuga dei "minatori"
Lo stato balcanico ha annunciato un blocco delle criptovalute per alleviare la crisi energetica
REGNO UNITO
2 gior
Unilever offre 50 miliardi di sterline per GSK Consumer Healthcare
Se dovesse andare in porto si tratterebbe di una delle operazioni più grandi per la piazza di Londra
SVIZZERA
3 gior
Denner aumenta gli stipendi
Nuovo record di fatturato nel 2021. La catena premia i dipendenti
MONDO
3 gior
Là dove il Bitcoin non è il benvenuto
La controversa regina delle cripto è valuta "non grata" in alcune nazioni. Vediamo quali.
SVIZZERA
16.09.2021 - 09:450

A picco il rapporto di fiducia tra datori di lavoro e dipendenti, in Svizzera

Uno studio svolto da von Rundstedt e HR Today ha analizzato il mercato del lavoro elvetico

In particolare, sono stati analizzati i licenziamenti: tra quelli collettivi, ci sono «diversi cattivi esempi» di condotta

ZURIGO - Il forte rapporto di fiducia tra datori di lavoro e dipendenti in Svizzera «si sta sgretolando». Anche poiché sono in aumento le riserve dei datori di lavoro nei confronti delle nuove generazioni, «ritenute troppo esigenti». Inoltre, «licenziare un dipendente poco prima della pensione non è più considerato un tabù».

È quanto è emerso da un'ampia indagine sul mercato del lavoro svizzero, svolta consultando 950 aziende tra aprile e agosto di quest'anno da von Rundstedt, in collaborazione con HR Today.

I risultati dell'analisi hanno mostrato che «la maggioranza delle aziende sta scoprendo che i propri dipendenti si fidano sempre meno». D'altra parte, secondo le aziende, «sempre più spesso i nuovi lavoratori hanno una forte fiducia in sé stessi e un livello di aspettative molto elevato, a fronte di una disponibilità e una capacità lavorativa relativamente modesta» e «questi aspetti mettono a dura prova le relazioni con i datori di lavoro».

L'indagine si è poi focalizzata sul tema del licenziamento, toccando i profili delle persone licenziate, le ragioni, e la professionalità e il comportamento delle aziende.

Motivo principale? «Riorganizzazione»
Anche negli anni caratterizzati dalla pandemia di coronavirus, la maggior parte dei licenziamenti «è riconducibile a interventi di riorganizzazione (44%) e non a ridimensionamenti (14%)». Secondo l'analisi, «l'ondata di licenziamenti da Covid non ha portato a tagli indiscriminati di posti di lavoro». I licenziamenti individuali derivano invece soprattutto «da prestazioni insoddisfacenti o comportamenti indesiderati, piuttosto che da competenze insufficienti».

Inoltre, «sempre più spesso i dipendenti over 60 sono licenziati poco prima del pensionamento (38%)». Una quota che è addirittura al 47% in Romandia, e al 23% in Ticino. In questi casi, però, circa un terzo delle aziende prevede il prepensionamento. «Contrariamente a quanto crede l’opinione pubblica, secondo il 66% degli intervistati, i dipendenti con più di 50 anni non sono svantaggiati nelle scelte di licenziamento. Vi è parità di trattamento», secondo gli autori dello studio.

Dal sondaggio è poi emerso che le aziende svizzere sono generalmente generose quando si tratta di sostenere le persone licenziate. Tra le misure più utilizzate, il congedo anticipato (79%), il sostegno al ricollocamento (63%) e altre indennità finanziarie (48%). Più della metà degli intervistati, inoltre, ritiene che la propria azienda offra buoni servizi di supporto.

Licenziamenti...professionali? 
I licenziamenti in Svizzera sono di buona qualità? Beh, non sempre. 

In primis, bisogna distinguere tra licenziamenti individuali e di massa. Nel primo caso, il termine del rapporto di lavoro è solitamente «professionale e di buona qualità», con molte aziende che «si comportano in modo esemplare: comunicazione, trasparenza e coerenza nei rapporti con le persone sono ben gestiti».

Per quel che concerne i licenziamenti collettivi, invece, «dipende fortemente dall'azienda». Ci sono infatti «numerosi buoni esempi e numerosi cattivi esempi». Di conseguenza, le opinioni degli intervistati differiscono ampiamente: «nella Svizzera tedesca, la pratica è percepita molto più positivamente che nella Svizzera romanda o in Ticino».

Anche in tempi di lavoro da casa, comunque, solo una piccola minoranza di imprese (12%) ricorre regolarmente a una forma virtuale di licenziamento. «Non è stata confermata l’accusa che le aziende stiano giustificando i licenziamenti con il pretesto del Covid», viene infine chiarito, «solo l'11% delle aziende è sospettata di questa pratica».

Referenze, tutto da rifare
Circa il 50% dei responsabili delle risorse umane intervistati non è inoltre soddisfatto della normativa sulle referenze. Di conseguenza, molte aziende (46%) non attribuiscono grande attenzione alla qualità e alla personalizzazione delle referenze lavorative, con molti manager (63%) che non accettano - o accettano con riluttanza - di dare referenze.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 4 mesi fa su tio
Difficile prendere posizione in merito. Ognuno ha le sue ragioni e i propri interessi.
demon631 4 mesi fa su tio
Poi quando arrivi a 60 anni pretendono che corri come un 20enne
Dalu 4 mesi fa su tio
Certo, perché da risorsa saggia con esperienza siamo diventati solo un costo! Questa società fa sempre più schifo…
Blobloblo 4 mesi fa su tio
E vogliono ancora aumentare l’età di pensionamento? A questo punto abbassiamola e facciamo lavorare i giovani!
demon631 4 mesi fa su tio
@Blobloblo Ben detto sono con il tuo pensiero
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 12:35:30 | 91.208.130.85