keystone-sda.ch / STF (Andrew Medichini)
Il Senato italiano ha dato il via libera definitivo al processo a carico di Matteo Salvini.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
6 min
Coronavirus, un vaccino pronto per i test
Il primo lotto prodotto dall'azienda Moderna è stato spedito. La sperimentazione avverrà su 20-25 persone
EGITTO
15 min
È morto Hosni Mubarak
L'ex presidente egiziano era stato destituito nel 2011 dopo 30 anni al potere
FOTO
INDIA
32 min
«Questa visita in India resterà indimenticabile»
Anche la seconda giornata del presidente e della first lady è stata estremamente positiva
ITALIA
46 min
«Focolaio nato perché un ospedale non ha rispettato i protocolli»
Scontro tra il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte e i governatori delle regioni del Nord
GIAPPONE
1 ora
È morto l'uomo più vecchio del mondo
Chitetsu Watanabe aveva vinto il Guinness dei primati lo scorso 12 febbraio compiendo 112 anni
STATI UNITI
2 ore
«Niente panico», lo consiglia Warren Buffett
Il Ceo di Berkshire Hathaway ha invitato a considerare le azioni alla stregua di imprese
ITALIA
2 ore
Coronavirus: racconto di una epidemia ai tempi dei social
Piccole storie quotidiane di disagi ed emergenza dall'epicentro della crisi in Lombardia e Veneto
ITALIA
2 ore
Il coronavirus arriva anche nel Sud Italia
Una turista di Bergamo, in vacanza a Palermo, è stata trovata positiva ai test. Un caso anche a Firenze
SPAGNA
3 ore
Tenerife, turista italiano positivo al coronavirus
L'uomo si trova ora in isolamento, in attesa di nuovi test
ITALIA
4 ore
Mafia: 23 omicidi in 20 anni, 23 arresti a Catania
Tra i casi anche un triplice omicidio, tre casi di "lupara bianca" e due duplici omicidi
CINA / ITALIA
4 ore
Coronavirus, calano i decessi in Cina
La paura del contagio, intanto, ferma le riprese a Venezia del nuovo film di Tom Cruise
ITALIA
12.02.2020 - 19:400
Aggiornamento : 21:21

Salvini va a processo: «Si vive una volta sola»

La Lega non ha partecipato al voto. Ecco quale sarà l'iter

ROMA - Il Senato italiano ha dato il via libera definitivo al processo contro il leader della Lega, nonché ex ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

La votazione sul caso della nave Gregoretti, iniziata nel pomeriggio, si è conclusa intorno alle 19. L'aula ha respinto, con 76 voti favorevoli, 152 contrari e nessuna astensione, l'ordine del giorno presentato da Fratelli d'Italia e Forza Italia che chiedeva di non concedere l'autorizzazione - richiesta dal Tribunale dei ministri - a processare Salvini.

La Lega non ha partecipato al voto, obbedendo alla decisione del leader: «Usciamo da quest'aula e facciamolo decidere a un giudice se sono un pericoloso criminale. Ormai il re è nudo, il governo può andare avanti qualche mese o settimana ma in democrazia il giudizio lo dà il popolo».

Dal canto suo Salvini, ospite di Radio Radio, ha dichiarato: «Di solito i politici scappano dai processi. Magari sono un cretino, ma sono abituato ad affrontare la vita di petto. Non ho paura di non essere più candidabile. Si vive una volta sola». L'ex ministro ha aggiunto: «Penso che in quel Tribunale qualcuno sarà chiamato a rispondere di quello che ha fatto e di quello che non ha fatto».

Come funziona il processo - Il processo a Matteo Salvini per sequestro di persona nell'ambito dell'inchiesta sui migranti bloccati sulla nave Gregoretti sarà celebrato davanti al Tribunale ordinario di Catania. La sezione sarà determinata dal tipo di reato contestato: quella che tratta i sequestri di persona.

Del collegio giudicante non potranno fare parte i magistrati del Tribunale dei ministri che hanno chiesto l'autorizzazione a procedere nei confronti dell'allora ministro dell'Interno. L'iter sarà ordinario, con tre gradi di giudizio. L'accusa sarà sostenuta in aula dalla Procura distrettuale di Catania, che aveva chiesto l'archiviazione dell'inchiesta.

È quanto prevede la legge Costituzionale italiana del 16 gennaio 1989, n.1. Composta da 14 articoli, porta la firma degli allora Guardasigilli Giuliano Vassalli e presidente del Consiglio dei ministri Ciriaco De Mita. È stata emanata dall'allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga.

In particolare l'art. 11 afferma che «per i reati commessi dal presidente del Consiglio dei ministri e da uno dei ministri nell'esercizio delle sue funzioni» la «competenza appartiene in primo grado al Tribunale del capoluogo del distretto di Corte d'appello competente per territorio». Lo stesso articolo spiega che «non possono partecipare al procedimento i magistrati che hanno fatto parte del collegio» del Tribunale dei ministri «nel tempo in cui questo ha svolto indagini sui fatti oggetto dello stesso procedimento». Il comma 2, sempre dell'art.11, prevede che per il processo «si applicano per le impugnazioni e gli ulteriori gradi di giudizio le norme del codice di procedura penale».

Un processo ordinario, con tre gradi di giudizio, ma col rischio di una condanna più alta se dovesse ricorrere il caso previsto dall'articolo 4 della norma: «per i reati commessi nell'esercizio delle loro funzioni dal presidente del Consiglio dei ministri o dai ministri la pena è aumentata fino a un terzo in presenza di circostanze l'eccezionale gravità del reato».

Il rischio per Salvini è che in caso di condanna in primo grado scatti la legge Severino, con conseguente sospensione o decadenza dalla carica di senatore. La normativa prevede infatti la sospensione e l'incandidabilità per le cariche politiche condannate per alcuni reati. È stata applicata per Silvio Berlusconi, decaduto e poi riabilitato a maggio 2018.

La legge prevede la sospensione degli amministratori pubblici in caso di condanna, anche solo in primo grado, per un periodo di almeno 18 mesi. Il reintegro è possibile solo in caso di sentenza di appello favorevole. L'incognita sulla sospensione, però, resta per deputati e senatori e per gli incarichi di governo. Salvini potrebbe, in caso di condanna in primo grado, essere ugualmente eletto, perché non sarebbe incandidabile in caso di nuove elezioni. Poi però rischierebbe di essere sospeso dalla carica.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 12:16:40 | 91.208.130.87