STATI UNITI
21.09.2016 - 14:080

Bimba tirata per i capelli dal padre, scoppia il caso

Una coppia ha denunciato l'uomo che ha deciso di punire così la figlia mentre faceva la spesa

CLEVELAND - Una coppia texana ha assistito a una scena inquietante, martedì, in un supermercato di Cleveland. Erika e Robert Burch stavano facendo la spesa quando sono stati allertati dalle urla di una ragazzina. «Per favore, fermati. Ti prometto che non lo farò più. Ti prego, fermati!», gridava. La bambina camminava accanto al padre, che teneva i capelli della figlia fra la sua mano e il carrello, come se nulla fosse accaduto.

Scioccati, i Burch hanno chiamato la polizia prima di interpellare il padre, il quale ha detto loro di non farsi gli affari suoi e di allontanarsi. «Alcune persone mi dicono che ho sbagliato a difendere questa bambina, ma si può punire un bambino senza trascinarlo per i capelli», ha detto Erika Burch al canale KTRK. L'americana ha raccontato questa storia su Facebook e il post è stato condiviso più di 100.000 volte, generato un fiume di reazioni indignate.

Erika ha spiegato anche che, una volta arrivata sulla scena, la polizia ha detto che un padre «ha il diritto di punire i suoi figli». La questione però non finisce qui perché il capo della polizia di Cleveland Darrel Broussard ha annunciato l'apertura di un'indagine: «Siamo preoccupati per i bambini che possono trovarsi in casa con questo padre, così tanto aggressivo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
siska 3 anni fa su tio
A mio parere questo uomo é già un cattivo esempio di padre. Non oso immaginare cosa potrebbe fare ai suoi figli dentro casa! A me sembra una persona con la propensione a perdere le staffe......
sedelin 3 anni fa su tio
beh, farsi i propri affari é giusto, ma non intervenire in caso di violenza sui minori significa rendersi complici dell'autore del misfatto. é di ieri la notizia della madre incosciente ed egoista che ha abbandonato il figlio di due anni in macchina per andare in discoteca: se i giovani di oggi sono il frutto dell'educazione di ieri, bisogna EDUCARE i giovanissimi futuri genitori per - si spera - un domani migliore.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 12:55:03 | 91.208.130.87