Cerca e trova immobili

ARGENTINAÈ guerra dei prezzi, la rivolta dei supermercati

19.12.23 - 20:13
Scaffali vuoti per gli aumenti «smisurati» applicati dai distributori all'ingrosso
Keystone
Fonte ats
È guerra dei prezzi, la rivolta dei supermercati
Scaffali vuoti per gli aumenti «smisurati» applicati dai distributori all'ingrosso

BUENOS AIRES - L'altissimo livello di inflazione che colpisce l'Argentina, arrivata al 162% annuo ad ottobre, sta provocando una forte distorsione nei prezzi delle merci tanto che le catene di supermercati si stanno ribellando ad aumenti definiti «smisurati» che applicano i distributori all'ingrosso.

Sui social è diventata virale nelle ultime ore la foto di un cartello apparso in una succursale di una grande catena di supermercati di origine francese in cui si avvertono i clienti che gli scaffali vuoti sono dovuti «ai problemi di approvvigionamento causati dagli aumenti smisurati applicati dai fornitori».

«Chiediamo scusa per l'inconveniente ma questo scaffale vuoto sta proteggendo il tuo portafogli», recita inoltre il cartello.

«C'è di tutto, è una situazione confusa. Alcuni fornitori direttamente non consegnano le merci mentre altri mandano liste con prezzi esagerati, con aumenti fino al 100% in alcuni prodotti», ha dichiarato all'agenzia di stampa italiana Ansa il direttore di un supermercato del quartiere di Caballito, a Buenos Aires. «C'è un riaccomodamento dei prezzi che probabilmente durerà ancora del tempo», ha aggiunto.

La società di consulting economico Ecolatina ha rilevato solo nella prima metà di dicembre un'inflazione del 18% e gli analisti stimano per l'ultimo mese dell'anno un salto dell'indice dei prezzi fino al 25% su mese tenendo conto anche della svalutazione del 54% del peso e dell'aumento della benzina del 40%.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

leobm 3 mesi fa su tio
Stranamente questo è arrivato quando l'Argentina si stava avvicinando ai BRICS poi una virata a 180 gradi, chissà chi sarà il mangiafuoco dietro a tutto questo?

Tirasass 3 mesi fa su tio
Milei ah ah ah...durerà poco senza l'esercito. Questione di mesi e le piazze saranno piene!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE