Depositphotos (Tinieder)
Un rapporto svela quali sono i principali inquinatori di prodotti di plastica al mondo.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
31 min
La corsa per salvare il Natale
La maggior parte dei problemi sono legati alla pandemia, e toccano principalmente i settori della produzione e trasporti
Stati Uniti
8 ore
Sparatoria in un liceo: tre morti e sei feriti
La polizia ha fermato il killer, si tratterebbe di un ragazzo di 15 anni
Unione Europea
10 ore
La Commissione fa un passo indietro, Natale è di nuovo valido
Un documento trapelato ieri aveva alzato un gran polverone. La Santa Sede: «Le discriminazioni non si combattono così»
Stati Uniti
10 ore
La moglie di "El Chapo" è stata condannata
La pena è stata alleviata. Per il giudice: «Era solo una teenager quando sposò il boss»
FOTO
STATI UNITI
12 ore
«Sul quell'aereo ho trasportato diverse volte anche Bill Clinton»
Secondo giorno di processo per la vice di Epstein, alla sbarra il pilota della coppia: «Lei era chiaramente il numero 2»
AUSTRALIA
14 ore
In Parlamento, un dipendente su tre vittima di abusi sessuali
Il premier Scott Morrison ha commentato il rapporto: «Statistiche spaventose»
AUSTRALIA
14 ore
Svolta nella ricerca dei campeggiatori, emergono resti umani
Potrebbero essere quelli di Russell Hill e Carol Clay, scomparsi nel marzo del 2020
NORVEGIA
17 ore
A 10 anni dalla strage, Breivik continua a perseguitare i sopravvissuti
Anche le famiglie delle vittime continuano a ricevere lettere di minacce e di propaganda
FOTO
STATI UNITI
17 ore
Il primo Natale di Jill Biden alla Casa Bianca
La first lady ha mostrato i suoi addobbi, decisamente differenti da quelli di Melania Trump
MONDO
25.10.2021 - 14:350

I più grandi inquinatori di prodotti plastici al mondo? Coca-Cola Company e PepsiCo

Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé

Lo indica "Branded", rapporto realizzato dal movimento Break Free From Plastic

AMSTERDAM - Coca-Cola, Pepsi, Unilever e Nestlé sono i più grandi inquinatori di prodotti di plastica al mondo. Lo afferma il rapporto "Branded" del movimento Break Free From Plastic e pubblicato da Greenpeace.

In cosa consiste il rapporto - L'edizione 2021 di "Branded" si basa su 440 audit da parte del movimento di cui l'organizzazione ambientalista fa parte. La raccolta di dati ha visto inoltre in azione oltre 11mila volontari in 45 paesi, che hanno raccolto 330'493 rifiuti di plastica - per lo più imballaggi monouso - su spiagge e lungolaghi e li hanno abbinati ai rispettivi marchi.

Secondo “Branded”, Coca-Cola Company e PepsiCo sono i maggiori inquinatori di plastica al mondo per il quarto anno consecutivo. I volontari hanno trovato quasi 20mila rifiuti di plastica con il marchio Coca-Cola quest'anno, più dei due maggiori inquinatori messi insieme. «Ciò suggerisce» afferma Greenpeace «che la promessa di Coca-Cola di raccogliere una bottiglia per ogni bottiglia venduta ha un impatto minimo sull'inquinamento da plastica dell'azienda».

Al terzo posto lo sponsor della COP26 - Per la prima volta dall'inizio degli audit globali del marchio nel 2018, Unilever compare tra i primi tre inquinatori - sebbene l'azienda sia il partner principale del vertice sul clima delle Nazioni Unite COP26 a Glasgow. Amaro il giudizio contenuto nel rapporto: «Dato che il 99% della plastica è prodotta da combustibili fossili e le compagnie petrolifere stanno attivamente spostando la loro attenzione sulla plastica come fonte di reddito crescente, il ruolo di Unilever nella COP26 è particolarmente cinico».

Con oltre 6mila prodotti raccolti, Unilever ha addirittura superato il colosso alimentare svizzero Nestlé, che si piazza in quarta posizione. L'appello che viene rivolto al colosso elvetico è di «ridurre urgentemente la sua impronta di plastica e passare in modo coerente da imballaggi monouso a soluzioni riutilizzabili».

Gli imballaggi in plastica intensificano la crisi climatica - In vista della COP26, il Brand Audit di quest'anno fa luce su come l'industria della plastica stia alimentando la crisi climatica, ovvero come le multinazionali dei beni di consumo stiano promuovendo l'espansione della produzione di plastica da parte dell'industria petrolifera. Quasi 300 organizzazioni di 76 paesi hanno firmato una lettera aperta ai delegati della COP26 chiedendo un allontanamento dalla produzione di combustibili fossili e plastica e, nel contempo, investimenti in alternative prive di rifiuti.

«Nonostante le loro promesse di miglioramento, gli stessi inquinatori compaiono negli audit anno dopo anno. Queste aziende fingono di combattere la crisi della plastica ma continuano a investire in soluzioni sbagliate e lavorano con le compagnie petrolifere per produrne ancora di più. Per porre fine alla crisi della plastica e combattere il cambiamento climatico, aziende come Nestlé e Coca-Cola devono porre fine alla loro dipendenza dagli imballaggi in plastica monouso e abbandonare i prodotti petroliferi», afferma Matthias Wüthrich, esperto di rifiuti zero di Greenpeace Svizzera.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 07:01:45 | 91.208.130.86