Immobili
Veicoli
Unicef
+1
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
SRI LANKA
32 min
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
5 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
STATI UNITI
6 ore
Biden conferma Kamala Harris: «Insieme anche nel 2024»
Polemiche spente. Il presidente, nel bilancio del suo primo anno, ha speso parole positive per la vicepresidente
KAZAKISTAN
12 ore
Disordini in Kazakistan, i morti sono stati 225
Il bilancio delle violente proteste di inizio gennaio. Oltre mille persone si trovano agli arresti
ITALIA
12 ore
Un cristiano su sette è perseguitato. Nel 2021 uccisi in seimila
La Word Watch List 2022 mette al primo posto l'Afghanistan. Altre sette nazioni ritenute pericolose sono tutte in Africa
STATI UNITI
12 ore
Spaccio di droga tramite Snapchat: il social corre ai ripari
Le ultime modifiche dovrebbero rendere la vita più difficile ai pusher che vogliono contattare gli adolescenti
GERMANIA
12 ore
Zara è quasi a casa, dopo cinque mesi e un giorno atterrerà in Belgio
Domani sarà ufficialmente la donna più giovane al mondo ad aver fatto il giro del globo volando in solitaria
STATI UNITI / PAESI BASSI
14 ore
Anna Frank, i dubbi degli esperti sulla nuova tesi
Le conclusioni «offrono informazioni che meritano approfondimento, ma nessuna base per l'accusa centrale»
REGNO UNITO
16 ore
«Niente più obbligo di mascherine o Covid pass»
A partire da giovedì 27 gennaio in Inghilterra saranno revocate quasi tutte le restrizioni Covid
SPAGNA
18 ore
Cosa farsene della lava e della cenere del vulcano di La Palma?
Vigneti? Materiale da costruzione? Gli studiosi sono al lavoro e cercano risposte anche dal passato
Svizzera
06.10.2021 - 06:000

Fra quelli che vogliono vaccinarsi e quelli che no, ci sono quelli che non possono

Più di miliardo di persone al mondo non ha accesso al vaccino, la missione di Covax e di Unicef è portarglielo

LUGANO - Il dibattito sui vaccini ha visto nell'ultimo periodo l'entrata in causa di una nuova voce. Tra vax e no-vax è andato a inserirsi l'Unicef, con un messaggio che richiama in una politica mondiale il fronte comune che le singole nazioni hanno usato per portare avanti la lotta alla pandemia. L'iniziativa Covax vuole garantire «un accesso globale ai vaccini salvavita contro il Covid-19».

Il Fondo delle nazioni unite per l'infanzia ha attivato un sistema di raccolta per poter fornire due miliardi di dosi a 92 Paesi a medio-basso reddito entro il primo trimestre del 2022.

Ce lo spiega Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia che sarà presente alla serata di gala di Unicef a Lugano di mercoledì 6 ottobre: «Non possono permettersi di pagare da soli i vaccini, ma è importante che abbiano lo stesso accesso e le stesse tempistiche rispetto ai Paesi a più alto reddito che si autofinanziano. Perché non esiste sicurezza senza equità».

Il numero di persone che hanno bisogno di ricevere le due dosi del vaccino supera il miliardo e non vive solo in condizioni di estrema povertà, dove è difficile avere accesso alla sanità, ma anche in situazioni di conflitto.

«In Afghanistan non abbiamo fermato le vaccinazioni durante la crisi di agosto, sono soltanto diminuite per via della crisi politica. Allo stesso modo anche in Siria e Yemen, dove è in corso il conflitto più complesso del momento, siamo riusciti a stoccare vaccini».

Secondo il portavoce «è una rivoluzione culturale perché consente anche a Paesi che si guardano in cagnesco di capire che la sicurezza della sanità di uno dipende anche dall'altro».

Per arrivare alle due miliardi di dosi sperate servono 750 milioni di dollari, «dove 500 coprono la somministrazione di 1,5 miliardi di vaccini, 100 per test diagnostici e terapie di cura e altri 50 per spiegare alle popolazioni tramite campagna pubblicitaria che cosa sta facendo Covax». Tra le altre spese rientrano anche la formazione di personale sanitario e il trasporto dei materiali: «Ogni euro che viene dato viene utilizzato per questo tipo di attività».

Inoltre uno degli obiettivi è «abbattere i costi dei vaccini per queste 92 nazioni perché se un Paese è estremamente povero non gli si può chiedere di costruirsi una fabbrica e prodursi da solo il vaccino. Milioni di bambini non vanno più a scuola, le curve di natalità e morti sono preoccupanti e sta crescendo la fame».

Il messaggio che Covax vuole veicolare è che «non possiamo sentirci sicuri finché il nostro vicino non sarà vaccinato, che non è soltanto quello di casa, o l'abitante del nostro paese, ma anche il confinante e più lontano ancora». Per portare a termine l'iniziativa è necessario un obiettivo comune. Esattamente come le singole nazioni hanno chiesto alle popolazioni di lavorare insieme verso l'uscita dalla pandemia, Covax chiede al mondo intero di unirsi in un unico fronte.

«Ci siamo ripiegati su noi stessi. È difficile far passare il nostro messaggio a una cittadinanza impaurita, impoverita e che a causa della pandemia ha subito delle grandi perdite. È chiaro che sui primi mesi siamo tutti rimasti fermi e chiusi». Inoltre il gruppo sta trovando difficoltà soprattutto nell'inserirsi del dibattito a causa del conflitto tra vax e no vax.

Unicef
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 06:32:31 | 91.208.130.89