keystone-sda.ch
BIELORUSSIA
01.06.2021 - 18:210
Aggiornamento : 20:31

Oppositore si pugnala in tribunale

Stepan Latypov ha dichiarato di essere stato «pressato» per «dichiararsi colpevole»

Nel frattempo, il Governo ha vietato temporaneamente ai cittadini bielorussi di lasciare il paese

MINSK - L'attivista bielorusso Stepan Latypov si è pugnalato oggi alla gola con una penna durante un'udienza in tribunale, perdendo i sensi, molto sangue, e venendo portato fuori tra le urla dei presenti. 

Lo riporta il Guardian, indicando come prima di pugnalarsi, Latypov è salito su una panchina del tribunale affermando: «Se non mi dichiaro colpevole, apriranno un procedimento penale contro la mia famiglia e i miei vicini». 

L'attivista è detenuto dal settembre 2020 per frode e altre accuse «politicamente motivate», e come riporta il quotidiano britannico, si tratta solo dell'ultimo episodio che mostra la pressione sugli oppositori da parte del Governo di Lukashenko.

Nell'ultima settimana, anche un altro politico contrario alle politiche del Governo è morto in circostanze misteriose in prigione. «Questo è il risultato del terrore di stato, delle repressioni, della tortura in Bielorussia», ha intanto denunciato Sviatlana Tsikhanouskaya, leader dell'opposizione: «Va immediatamente fermato».

La Bielorussia ha nel frattempo vietato a buona parte dei suoi cittadini di lasciare il Paese, compresi coloro che detengono un permesso di soggiorno straniero temporaneo.

Lo riferisce la BBC, sulla base delle informazioni fornite dal Comitato per le frontiere dello Stato. Le uniche eccezioni riguardano i dipendenti bielorussi che devono sdoganare per dei viaggi ufficiali e il personale dei trasporti statali.

In una dichiarazione, il Comitato ha dichiarato di aver ricevuto «molte richieste di lasciare la Bielorussia, sulla base di permessi di soggiorno rilasciati da paesi stranieri». Tuttavia, solo chi ha una residenza permanente (e non temporanea) in un paese straniero «è autorizzato» per il momento «a lasciare la Bielorussia». Il motivo? «Le misure in risposta alla pandemia di coronavirus».

Valery Kovalevsky, consigliere dell'oppositrice Svetlana Tikhanovskaya, ha postato un tweet tuonando come il Presidente Lukashenko stia «limitando il diritto dei bielorussi a viaggiare», criticando come «determinati motivi (residenza all'estero) non siano sufficienti per lasciare la Bielorussia». «Eppure la Costituzione non prevede alcuna condizione. Una chiara violazione della legge» ha scritto Kovalevsky.

Molti dissidenti hanno lasciato la Bielorussia dopo le elezioni contestate dell'anno scorso, che hanno portato un duro giro di vite sugli oppositori attivi nell'organizzazione di manifestazioni contro la «farsa elettorale». La già citata Svetlana Tikhanovskaya, lo ricordiamo, si è trasferita in Lituania, e anche la Polonia ospita molti bielorussi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-12 17:21:02 | 91.208.130.86