Keystone
GERMANIA
30.03.2021 - 14:380
Aggiornamento : 15:54

AstraZeneca: a Berlino stop alla somministrazione alle donne più giovani

29 dei 31 casi di trombosi registrati in Germania interessano questa categoria di persone.

BERLINO - Altra battuta d'arresto per AstraZeneca in Germania. Il Land di Berlino ha temporaneamente sospeso la somministrazione del vaccino alle donne di meno di 60 anni. La decisione arriva in seguito a una serie di casi di trombosi venosa cerebrale in questa categoria di persone.

Come reso noto dalla direttrice del Dipartimento della sanità della capitale tedesca, Dilek Kalayci, i relativi appuntamenti nei centri vaccinali sono stati annullati in attesa delle consultazioni a livello federale e con gli esperti. La misura, ha sottolineato, è «precauzionale».

A Berlino si sono aggiunti nel corso di martedì anche il Brandeburgo e la Città di Monaco.

Come riporta la Welt, le cliniche berlinesi della Charité e Vivantes avevano già sospeso le vaccinazioni con Astrazeneca del loro personale di sesso femminile di meno di 55 anni. Anche nel Nordreno-Vestfalia cinque delle sei cliniche universitarie del Land si sono espresse a favore di uno stop alle immunizzazioni con questo siero per le donne più giovani. 

Finora in Germania sono stati segnalati 31 casi di trombosi del seno venoso cerebrale avvenuti in concomitanza con la vaccinazione con il preparato di AstraZeneca. 19 di essi erano associati a trombocitopenia. Nove sono risultati letali. 29 interessavano donne di età compresa fra i 20 e i 63 anni.     

Nelle scorse settimane il vaccino di AstraZeneca è stato sospeso da diversi Paesi europei in seguito a casi di trombosi avvenuti in concomitanza temporale con la somministrazione del preparato. Dopo un'analisi urgente, l'Agenzia europea per i medicinali, EMA, ha stabilito che l'utilizzo di questo siero non è legato a un aumentato rischio di trombosi.

L'organismo europeo ha tuttavia ammesso l'esistenza di casi «molto rari» e «inusuali» di combinazioni di tipi diversi di trombosi per i quali non è possibile escludere un nesso di causa-effetto con il vaccino. Considerato che, comunque, i benefici del siero superano i suoi possibili effetti collaterali, ha raccomandato di continuare a usarlo rafforzando l'informazione, gli avvertimenti e il monitoraggio per i candidati alla sua somministrazione e per il personale sanitario impegnato nelle campagne vaccinali.  

 

  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 2 mesi fa su tio
Ho sentito parlare di una iniezione che si prende da dietro con un’ampolla la piena di un intruglio che potrebbe risolvere il problema COVID, dicono che funziona abbastanza bene ma sopratutto provoca sollievo ai permanentemente costipati. Non so cosa vuol dire di preciso ma c’è da crederci perché l’ho letto in internett.
Tato50 2 mesi fa su tio
Per fortuna io ho fatto quello della Mobili Pfister di Contone ;)))
pillola rossa 2 mesi fa su tio
Nessun nesso
vulpus 2 mesi fa su tio
Passeranno alcuni giorni e poi diranno che non c'entra niente. Tra alcuni anni diranno che le statistiche mostrano effettivamente una incidenza di questo siero sulle trombosi.
seo56 2 mesi fa su tio
Ma toglietelo definitivamente dal mercato sta porcheria.. altro che cambiargli il nome 😡😡😡
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 05:17:03 | 91.208.130.89