Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Strage nella scuola in Texas, le reazioni si concentrano sulla questione delle armi
Da Barack Obama a Joe Biden, dal Papa fino a Matthew McConaughey, originario proprio di Uvalde
RUSSIA / SVIZZERA
1 ora
«Temo per la mia vita»
Boris Bondarev aveva rassegnato le sue dimissioni in segno di protesta contro l'aggressione all'Ucraina voluta da Putin.
STATI UNITI
2 ore
Pesante sconfitta in Georgia per Trump
Nelle primarie per la carica di governatore, il candidato sostenuto dall'ex presidente è stato sonoramente sconfitto.
SEGUI IL LIVE
UCRAINA
LIVE
Zelensky al WEF: «L'occidente è diviso di fronte alla Russia»
Nel frattempo Mosca ha annunciato di essere pronta al dialogo sulle forniture di grano dall'Ucraina
STATI UNITI
6 ore
Sparatoria alle elementari: almeno 19 i bambini morti
Si contano inoltre anche due vittime adulte. Il killer, il 18enne Salvador Ramos, era un ex allievo.
RUSSIA
6 ore
La sorte di chi ha deluso Putin
Spariti, silurati, arrestati: sono diversi i comandanti e politici al fianco dello "zar" che non si sono più visti
UNIONE EUROPEA
6 ore
Sempre più pesticidi pericolosi nella frutta europea
La denuncia arriva da un rapporto del Pesticide Action Network che ha analizzato quasi 100'000 campioni
STATI UNITI
14 ore
Sparatoria alle elementari: morti 14 bambini
School shooting in Texas. La strage è tra le più gravi nella storia recente degli Stati Uniti
SVIZZERA/MONDO
14 ore
«Parlare con Putin? Non vale la pena discutere con un malato»
Il sindaco di Kiev era ospite in remoto del Wef: «Ogni euro dato alla Russia è sporco di sangue ucraino»
ITALIA
15 ore
Vaiolo delle scimmie, un caso in Lombardia
È il primo, ed è stato diagnosticato all'ospedale Sacco di Milano
GERMANIA
15 ore
Schroeder è uscito da Gazprom
L'ex cancelliere lo ha annunciato tramite Linkedin
MONDO
17 ore
Chi c'è dietro il volto dell'OMS: «Sono un figlio della guerra»
Il volto della risposta globale alla pandemia è stato rieletto: «La guerra mi segue da sempre»
STATI UNITI
07.01.2021 - 11:220
Aggiornamento : 14:54

«Ci sono stati degli spari!», la cronaca dell'attacco dall'interno del Congresso

Alcuni giornalisti erano all'interno dell'edificio nel momento dell'irruzione, tra panico e incertezze

Nonostante tutto, i senatori hanno deciso di non farsi intimorire dall'assalto e di voler concludere il proprio lavoro

WASHINGTON - Ad un certo punto, gli agenti di sicurezza hanno preso il vicepresidente Mike Pence e l'hanno scortato fuori dall'aula, mentre si udivano le grida della folla fuori dal portone. Era quello il momento in cui un folto gruppo di manifestanti ha sfondato le barricate e fatto irruzione a Capitol Hill.

Lo hanno raccontato alcuni giornalisti del New York Times, che hanno assistito dal vivo all'attacco della folla pro-Trump al Congresso e hanno spiegato come si è svolto il caos a Washington, dall'interno dell'aula del Senato e della Camera.

Aveva parlato da poco il senatore repubblicano Mitch McConnell, e aveva proprio spiegato come i tentativi di rovesciare quest'elezione siano molto pericolosi per la democrazia statunitense.

Attimi di paura - I giornalisti si trovavano sopra il piano del Senato, all'interno della galleria dedicata ai media, quando è iniziato il finimondo. Tra chi cercava di scorgere cosa stesse succedendo, e chi non sapeva cosa fare, gli agenti hanno intimato a tutti con urgenza di precipitarsi nell'aula: «Dentro o fuori!», urlavano, mentre si agitavano per mettere in sicurezza le porte contro gli intrusi. «Chiudete tutte le porte a chiave», gridava il senatore repubblicano Todd Young.

A quel punto c'era chi cercava notizie, o di capire cosa stesse succedendo, consultando il proprio cellulare: «Ci sono stati degli spari!» ha esclamato la senatrice democratica Amy Klobuchar, con il panico che si è presto esteso a tutti i presenti, sia politici che giornalisti.

Fuori dall'aula - Dopo qualche momento, quando iniziava a sembrare chiaro che l'aula del Senato non sarebbe presto stata sicura, gli agenti di sicurezza hanno scortato tutti fuori, verso un'altra ala dell'edificio. 

Fortunatamente, in quegli attimi concitati, lo staff del Senato ha afferrato le scatole contenenti i certificati di voto del Collegio Elettorale: la folla avrebbe potuto effettivamente prendere o distruggere i risultati delle elezioni.

Le maschere a gas - Dall'altra parte del palazzo, alla Camera dei rappresentanti, un agente stava informando tutti di ciò che stava succedendo: «degli individui hanno fatto irruzione nell'edificio», chiedendo ai presenti di stare pronti a muoversi rapidamente fuori dall'aula. «Chiamate Trump», ha urlato ad un certo punto il rappresentante Steve Cohen, democratico del Tennessee, mentre iniziava ad espandersi il panico. 

Gli agenti presenti hanno quindi distribuito maschere antigas ai giornalisti, mentre i rappresentanti venivano invitati ad indossare quelle in loro dotazione. L'avvertimento era uno: erano stati sparati gas lacrimogeni all'interno dell'edificio. 

Tra le grida e il caos delle maschere, con alcune persone in difficoltà ad indossarle correttamente, la polizia ha esortato tutti ad allontanarsi e uscire dalle porte superiori.

Fuori le pistole - Una cassa di legno è stata messa invece davanti alla porta principale della Camera, con gli agenti di sicurezza che hanno estratto le loro pistole puntando verso i pannelli di vetro che erano appena stati frantumati. Un momento che è stato immortalato in uno scatto che ha fatto presto il giro del mondo. Tutto questo mentre politici e giornalisti si nascondevano ai piani alti della Camera.

All'improvviso uno scoppio, e l'evacuazione si è fermata momentaneamente. A tutti è stato detto nuovamente di scendere e nascondersi dietro sedie e tavoli. Poco dopo, è ripresa la fuga: «Tutto ok? Tutto ok?» si sentivano ripetere i presenti, mentre scendevano di corsa per le scale e i corridoi, con i telefoni che vibravano di messaggi e chiamate.

Messa in sicurezza - Infine, i senatori sono stati portati al sicuro in un altro edificio del complesso, mentre ai giornalisti è stato chiesto di restare fuori. Mentre l'FBI metteva sotto controllo l'area, i senatori hanno poi discusso su come procedere.

«Questi teppisti non ci faranno scappare», ha qui dichiarato il senatore Joe Manchin III, democratico del West Virginia, come racconta il giornale: «Non ce ne andiamo, finiremo questa sera». 

Al calar della notte, dall'altoparlante presente a Capitol Hill si annunciava il coprifuoco, mentre in lontananza si sentivano le sirene rimbombare per tutta la capitale.  

Keystone
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 12:43:10 | 91.208.130.87