Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
ITALIA
1 ora
"No green pass", nervi tesi a Milano
Cortei, proteste, slogan e qualche scontro con le forze dell'ordine. Migliaia di persone in piazza
ITALIA
1 ora
Parte un colpo di fucile, uccide la figlia
La tragedia a San Felice del Benaco, nel Bresciano. La giovane aveva 15 anni
STATI UNITI
2 ore
No vax, metà degli agenti di Chicago rischia lo stipendio
La disputa nata tra la linea dura promossa dalla sindaca e i sindacati contrari all'obbligo di mostrare il certificato
AFGHANISTAN
4 ore
In Afghanistan le ragazze torneranno a scuola?
I talebani starebbero per annunciare un piano per il loro rientro
REGNO UNITO
6 ore
CoP26, a Glasgow ci sarà Obama con Biden
Al vertice non prenderà molto probabilmente parte, stando alle anticipazioni, il presidente cinese Xi Jinping
FOTO
Italia
7 ore
Proteste contro il fascismo, «è un attacco alla dignità di tutto il Paese»
Centro-sinistra e sindacati chiedono che venga rivista la Costituzione italiana con nuove riforme
Regno Unito
8 ore
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
STATI UNITI
10 ore
Un viaggio di dodici anni a caccia di asteroidi
È stata lanciata la sonda Lucy che osserverà da vicino otto asteroidi
Indonesia
14 ore
Un terremoto a Bali fa tre morti
Diversi anche i feriti. La scossa si è verificata a 10 chilometri di profondità
STATI UNITI
15 ore
No, l'ivermectina non cura il Covid. Ecco il perché
L'Infectious Diseases Society of America ha pubblicato un'infografica per far chiarezza. E il verdetto non lascia dubbi
ITALIA/ISRAELE
1 gior
Eitan, ora la nonna denuncia la zia
Aya Biran Nirko accusata di «uso illegale» dei cellulari dei genitori di Eitan e di furto.
REGNO UNITO
1 gior
L'antiterrorismo guida le indagini sul deputato ucciso
Il killer avrebbe 25 anni e sarebbe, secondo il Daily Telegraph, «di origini somale».
STATI UNITI
07.01.2021 - 11:220
Aggiornamento : 14:54

«Ci sono stati degli spari!», la cronaca dell'attacco dall'interno del Congresso

Alcuni giornalisti erano all'interno dell'edificio nel momento dell'irruzione, tra panico e incertezze

Nonostante tutto, i senatori hanno deciso di non farsi intimorire dall'assalto e di voler concludere il proprio lavoro

WASHINGTON - Ad un certo punto, gli agenti di sicurezza hanno preso il vicepresidente Mike Pence e l'hanno scortato fuori dall'aula, mentre si udivano le grida della folla fuori dal portone. Era quello il momento in cui un folto gruppo di manifestanti ha sfondato le barricate e fatto irruzione a Capitol Hill.

Lo hanno raccontato alcuni giornalisti del New York Times, che hanno assistito dal vivo all'attacco della folla pro-Trump al Congresso e hanno spiegato come si è svolto il caos a Washington, dall'interno dell'aula del Senato e della Camera.

Aveva parlato da poco il senatore repubblicano Mitch McConnell, e aveva proprio spiegato come i tentativi di rovesciare quest'elezione siano molto pericolosi per la democrazia statunitense.

Attimi di paura - I giornalisti si trovavano sopra il piano del Senato, all'interno della galleria dedicata ai media, quando è iniziato il finimondo. Tra chi cercava di scorgere cosa stesse succedendo, e chi non sapeva cosa fare, gli agenti hanno intimato a tutti con urgenza di precipitarsi nell'aula: «Dentro o fuori!», urlavano, mentre si agitavano per mettere in sicurezza le porte contro gli intrusi. «Chiudete tutte le porte a chiave», gridava il senatore repubblicano Todd Young.

A quel punto c'era chi cercava notizie, o di capire cosa stesse succedendo, consultando il proprio cellulare: «Ci sono stati degli spari!» ha esclamato la senatrice democratica Amy Klobuchar, con il panico che si è presto esteso a tutti i presenti, sia politici che giornalisti.

Fuori dall'aula - Dopo qualche momento, quando iniziava a sembrare chiaro che l'aula del Senato non sarebbe presto stata sicura, gli agenti di sicurezza hanno scortato tutti fuori, verso un'altra ala dell'edificio. 

Fortunatamente, in quegli attimi concitati, lo staff del Senato ha afferrato le scatole contenenti i certificati di voto del Collegio Elettorale: la folla avrebbe potuto effettivamente prendere o distruggere i risultati delle elezioni.

Le maschere a gas - Dall'altra parte del palazzo, alla Camera dei rappresentanti, un agente stava informando tutti di ciò che stava succedendo: «degli individui hanno fatto irruzione nell'edificio», chiedendo ai presenti di stare pronti a muoversi rapidamente fuori dall'aula. «Chiamate Trump», ha urlato ad un certo punto il rappresentante Steve Cohen, democratico del Tennessee, mentre iniziava ad espandersi il panico. 

Gli agenti presenti hanno quindi distribuito maschere antigas ai giornalisti, mentre i rappresentanti venivano invitati ad indossare quelle in loro dotazione. L'avvertimento era uno: erano stati sparati gas lacrimogeni all'interno dell'edificio. 

Tra le grida e il caos delle maschere, con alcune persone in difficoltà ad indossarle correttamente, la polizia ha esortato tutti ad allontanarsi e uscire dalle porte superiori.

Fuori le pistole - Una cassa di legno è stata messa invece davanti alla porta principale della Camera, con gli agenti di sicurezza che hanno estratto le loro pistole puntando verso i pannelli di vetro che erano appena stati frantumati. Un momento che è stato immortalato in uno scatto che ha fatto presto il giro del mondo. Tutto questo mentre politici e giornalisti si nascondevano ai piani alti della Camera.

All'improvviso uno scoppio, e l'evacuazione si è fermata momentaneamente. A tutti è stato detto nuovamente di scendere e nascondersi dietro sedie e tavoli. Poco dopo, è ripresa la fuga: «Tutto ok? Tutto ok?» si sentivano ripetere i presenti, mentre scendevano di corsa per le scale e i corridoi, con i telefoni che vibravano di messaggi e chiamate.

Messa in sicurezza - Infine, i senatori sono stati portati al sicuro in un altro edificio del complesso, mentre ai giornalisti è stato chiesto di restare fuori. Mentre l'FBI metteva sotto controllo l'area, i senatori hanno poi discusso su come procedere.

«Questi teppisti non ci faranno scappare», ha qui dichiarato il senatore Joe Manchin III, democratico del West Virginia, come racconta il giornale: «Non ce ne andiamo, finiremo questa sera». 

Al calar della notte, dall'altoparlante presente a Capitol Hill si annunciava il coprifuoco, mentre in lontananza si sentivano le sirene rimbombare per tutta la capitale.  

Keystone
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 22:50:59 | 91.208.130.85