keystone-sda.ch / STR
IRAN
05.01.2021 - 13:030
Aggiornamento : 15:11

Vascello sudcoreano sequestrato, l'Iran risponde: «Seul tiene in ostaggio i nostri soldi»

La replica di Teheran alla contesta azione avvenuta nel Golfo e che ha interessato una petroliera

TEHERAN - L'Iran respinge le affermazioni secondo cui avrebbe preso in "ostaggio" il cargo sudcoreano Hankuk Chemi, sequestrato ieri dai Pasdaran nel Golfo Persico con l'accusa di "inquinamento petrolifero".

Lo ha dichiarato il portavoce del governo di Teheran, Ali Rabiei, sostenendo che il mercantile era stato avvertito prima del blocco e che si tratta di un sequestro di natura "tecnica" ordinato dalla magistratura.

«Noi non prendiamo in ostaggio. Siamo abituati a queste accuse. Ma è il governo della Corea del Sud che ha preso in ostaggio oltre 7 miliardi di dollari nostri senza fondamento», ha aggiunto Rabiei, riferendosi alle somme congelate in banche del Paese asiatico per via delle sanzioni americane, ma negando ogni collegamento con il sequestro del cargo.

Secondo il portavoce iraniano, Seul ha rifiutato «anche di fornire beni non sottoposti a sanzioni» attraverso il denaro congelato.

La questione verrà discussa la prossima settimana in una visita già programmata nella Repubblica islamica del viceministro degli Esteri sudcoreano, Choi Jong-kun.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 22:47:36 | 91.208.130.89