Keystone
ITALIA
02.12.2020 - 06:300

Ospedali italiani allo stremo: «Natale senza allentamenti»

La richiesta dei medici, per il timore di una terza ondata ancora più devastante

di Redazione
Irene Panighetti

MILANO - Nelle regioni italiane che da zone rosse diventano arancioni (o gialle) in questi giorni si sta vivendo una situazione schizofrenica: da un lato i commercianti (ma non i ristoratori cui sono consentiti solo asporto e consegne a domicilio) esultano per la riapertura, affiancati da quei cittadini che si sentono limitati nelle loro libertà dalle misure anticontagio.

In tutt’altra posizione il mondo sanitario, che già a fine ottobre invocava un lockdown totale e nazionale. Il presidente dell’Ordine dei medici di Milano Roberto Carlo Rossi aveva lanciato l’allarme: «Con un'altra settimana così andiamo a sbattere. Non abbiamo più posti dove mettere le persone che si ammalano».

Da allora in Lombardia (e non solo) qualche misura più restrittiva è stata presa, ma non è servita a evitare il crollo di un sistema già minato all’interno dalla mancanza di programmazione e organizzazione in vista della, prevista, seconda ondata.

Di nuovo tutto il personale sanitario è allo stremo e lo denuncia ogni giorno, tramite iniziative dimostrative negli ospedali e nelle città, per stigmatizzare la continua improvvisazione, le mancate assunzioni e l'assenza di una vera medicina del territorio. E poi il numero dei medici morti causa Covid: dal primo ottobre sono stati 22, come scrive il portale della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici e, dall’inizio dell’epidemia, i decessi sono stati oltre 200.

Nessun allentamento delle misure, nemmeno in vista del Natale, è insomma quello che i medici continuano a ripetere perché i numeri vanno letti in prospettiva: se oggi gli indici di contagiosità migliorano è proprio per le restrizioni e allentarle significa, statistica docet, condannare l’Italia delle prossime settimane a una terza ondata.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 6 mesi fa su tio
Effettivamente i suicidi convengono perché non intasano gli ospedali...
seo56 6 mesi fa su tio
E fanno bene
Heinz 6 mesi fa su tio
Ospedali italiani in affanno! Perchè in Svizzera non sono sotto pressione uguale? O nonc'è nessun problema in Svizzera? Decisioni schizofrechiche! Usi questo linguaggio anche quando parla delle contraddizioni dei suoi amaticonaigli federali odei cantoni!!! Dove sono le manifestazioni di piazza tutti i giorni dei medici inIn Italia in tutte le città? Ma avete l'input politico di scrivere queste cose o veramente è farina del vostro sacco?? P.S. il sistema sanitario italiano non è crollato, prenda un trenino e vada a Como, Varese o Milano e vedrà che gli ospedali sono aperti e fanno il loro servizio come sempre: Di minata è solo la sua credibilità come giornalista!
Heinz 6 mesi fa su tio
@Heinz Typo: consiglio federale
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 01:03:43 | 91.208.130.85