Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Fernando Vergara)
Oggi è il giorno del Nobel per la pace.
NORVEGIA
09.10.2020 - 10:270
Aggiornamento : 11:31

È il giorno del Nobel per la pace: Greta Thunberg, l'OMS e i gruppi di attivisti tra i favoriti

Sarà un premio "politico" o incentrato sulla pandemia che ha segnato il 2020?

OSLO - Tra poche ore a Oslo verrà assegnato il Premio Nobel per la pace.

Sono 318 i candidati in lizza per il prestigioso riconoscimento, 107 organizzazioni e 211 individui: per conoscerli tutti bisognerà però aspettare il 2070, dato che la Fondazione Nobel non svelerà la lista per i prossimi 50 anni.

Premio "politico" o "sanitario"? - Quale sarà il criterio tenuto dai giurati in questo difficile 2020, contrassegnato dalla pandemia di coronavirus? Il premio potrebbe essere assegnato proprio a chi si è trovato a dover contrastare l'emergenza Covid-19, come ad esempio l'Organizzazione mondiale dalla sanità (OMS) o altri enti che si sono trovati (e si trovano) in prima linea da mesi, salvando vite e combattendo il diffondersi del virus.

Il premio all'OMS viene ritenuto poco probabile dagli esperti, alla luce delle critiche piovute da più parti sull'organizzazione guidata da Tedros Adhanom Ghebreyesus. Oltre a quelle di Donald Trump, che la considera "filocinese" e complice nel presunto occultamento delle fasi iniziali della pandemia, ci sono quelle legate alle indicazioni poco chiare e contraddittorie date specialmente nei primi mesi dell'emergenza.

Attivismo e leader - Se il premio non sarà legato al coronavirus, sarà probabilmente di segno politico. Tra i candidati ci sono capi di Stato e aspiranti tali (ad esempio Donald Trump e Joe Biden) ma anche oppositori a governi e regimi (il russo Alexei Navalny e i bielorussi Sergey Tikhanovsky e Svetlana Tikhanovskaya). Oppure potrebbe essere andare all'attivismo ambientale e sociale: tra i grandi favoriti ci sarebbero Greta Thunberg, i giovani pro-democrazia di Hong Kong, i manifestanti di Black Lives Matter negli Usa o il movimento di rivolta popolare in Sudan, che ha provocato un cambio di leadership incruento nel Paese africano.

Libertà d'informazione - Altri pensano che sarà l'anno del riconoscimento alla libertà d'informazione. Potrebbe essere premiata un'organizzazione come Reporter senza frontiere, oppure singoli individui che hanno messo il diritto all'informazione davanti a tutto come Edward Snowden, Chelsea Manning e Julian Assange.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 21:50:50 | 91.208.130.86