Keystone
Joshua Wong, il più noto attivista politico di Hong Kong, anche lui escluso dalle elezioni di settembre.
HONG KONG
30.07.2020 - 12:350

Diversi candidati pro-democrazia esclusi dalle elezioni di Hong Kong

Tra le persone escluse dalle elezioni anche Joshua Wong, uno degli attivisti più noti nella Città-Stato

HONG KONG - Un consistente numero di attivisti pro democrazia di Hong Kong ha ricevuto la lettera di squalifica dai funzionari elettorali e non potrà correre alle elezioni di settembre per il rinnovo della LegCo, il parlamentino locale, ancora in bilico a causa della fiammata di casi di Covid-19.

Lo riporta il network pubblico Rthk, secondo cui tra gli esclusi ci sono Dennis Kwok, Alvin Yeung e Tat Cheng del Civic Party; il localista Ventus Lau e Tiffany Yuen, membro di Demosisto, il partito co-fondato da Joshua Wong e ora sciolto; il consigliere distrettuale Lester Shum, Cheng Kam-mun del Civic Passion e l'ex giornalista Gwyneth Ho.

Colpito anche Wong - Lo stop ai candidati pro democrazia dalle elezioni mostra «un totale disprezzo» per Hong Kong: lo scrive su Twitter Joshua Wong, uno degli attivisti più noti, annunciando di essere tra i 12 che il Governo locale ha squalificato per «mancanza di requisiti».

La Cina segnala «un totale disprezzo per la volontà degli abitanti di Hong Kong, calpesta l'autonomia della città e tenta di mantenere il potere legislativo della città sotto il suo controllo», sostiene Wong.

La squalifica di «quasi tutti i candidati democratici», afferma, è «la più grande repressione di sempre» sul movimento democratico della città.

Gli arresti - La polizia di Hong Kong ha eseguito ieri l'arresto di quattro attivisti studenteschi di età compresa tra i 16 e 21 anni con l'accusa di incitamento alla secessione, in violazione della controversa legge sulla sicurezza nazionale.

La persona più rappresentativa è Tony Chung, ex leader di Student Localism, gruppo che il 30 giugno, nell'imminenza dell'entrata in vigore della stretta imposta da Pechino, ha deciso lo scioglimento delle attività, continuando il lavoro all'estero.

Gli arresti sono i primi di un certo profilo da parte della polizia per effetto di un lavoro investigativo, a differenza di quelli precedenti collegati a manifestazioni non autorizzate, tra slogan scanditi e sventolio di bandiere illegali.

Il sovrintendente senior Steve Li, del nuovo Dipartimento per la tutela della sicurezza nazionale, ha riferito nella conferenza stampa tenuta in tarda serata e trasmessa in streaming che nell'operazione non sono state coinvolte altre istituzioni, a partire dagli agenti d'intelligence di Pechino.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
centauro 1 anno fa su tio
Mikhail Nikitin, dopo il tuo commento e le affermazioni che hai esposto viene da pensare che saresti tu da deportare in Cina e sottometterti alle regole della loro dittatura, magari col tempo cambierai idea. Forse ancora non hai capito che i cittadini di Hong Kong sotto il dominio Britannico hanno vissuto in democrazia e prosperità.
klich69 1 anno fa su tio
Chi compra tecnologia cinese si dà la zappa sui piedi.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 21:14:51 | 91.208.130.86