Immobili
Veicoli
tipress (Archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
CANTONE
1 ora
Figlio in ospedale? C'è chi ti porta da mangiare gratis
Questo lo scopo dell'associazione che, ora, cerca volontari nel Bellinzonese: «Abbiamo delle famiglie da aiutare»
CANTONE
7 ore
Il «bellissimo gioco» che ti fa perdere 1300 franchi
Il meccanismo è quello del noto "schema Ponzi": piramidale e senza reale possibilità di vincere
CANTONE/CONFINE
9 ore
Senza peli sulla lingua: «Il Green Pass avrà un impatto»
La testimonianza di uno storico parrucchiere e il parere del sindaco Mastromarino
LUGANO
10 ore
Pugni al Parco Ciani, in due in ospedale
La colluttazione è avvenuta attorno alle 18.30. Sconosciute per il momento le cause e la dinamica dei fatti
BELLINZONA
12 ore
Cade dalla scala a chiocciola, operaio in fin di vita
Il 40enne italiano stava lavorando presso una casa in ristrutturazione in via Tamporì a Bellinzona.
CANTONE
14 ore
Il Ticino torna in curva
Abolito il divieto di accedere agli spalti durante le partite di hockey e calcio. I tifosi festeggiano
FOTO
CANTONE
14 ore
Provvedimenti coercitivi, ecco la nuova Giudice supplente (a tempo)
L'avvocatessa Krizia Kono-Genini è stata nominata oggi dal Consiglio di Stato. Resterà in carica fino al 31 marzo
CANTONE
15 ore
L’Ambasciatrice della Polonia fa visita al Ticino
Il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli ha ricevuto oggi a Palazzo delle Orsoline Iwona Kozlowska
LUGANO
16 ore
Nasce il Caffè Amélie, spazio di convivialità per adulti
Ogni venerdì verranno proposte diverse attività dalle 14 alle 16.30
LOCARNO
16 ore
Completato l’Ufficio presidenziale del PLR cittadino
Tre i neoeletti: Orlando Bianchetti, Franca Antognini e Daniel Mitric
CANTONE
16 ore
«Il Conservatorio è una scuola, non attività da tempo libero»
Una mozione chiede che gli over 16 possano accedere alle lezioni senza Certificato 2G
LUGANO
17 ore
Nuova sede per il SAS
Dal primo febbraio il Servizio accompagnamento sociale di Lugano verrà trasferito a Molino Nuovo.
LUGANO
18 ore
Tutto bene sui percorsi casa-scuola di Lugano
Lo studio relativo al piano di mobilità scolastica non ha riscontrato lacune gravi, ma qualche miglioramento è possibile
QUINTO
18 ore
Assist del Cantone per la Valascia SA
Il Consiglio di Stato ha dato via libera al denaro per la realizzazione delle strutture protette della Protezione civile
CANTONE / CONFINE
19 ore
Regolazione del Lago Maggiore: un pericolo per le Bolle di Magadino
Il Dipartimento del territorio ha esternato i propri timori anche all'Ufficio federale dell’ambiente.
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Puntualità (quasi) da record per i treni FFS
Nel 2021 il 91,9% dei convogli è arrivato in orario. È il secondo miglior risultato della storia (dopo quello del 2020)
CANTONE
19 ore
Ecco dove farsi testare il prossimo weekend
Check Point, farmacie ma non solo. Domenica 23 gennaio verrà infatti riproposto anche il Drive-In di Rivera.
CANTONE
07.03.2021 - 15:410
Aggiornamento : 17:52

I giochi sono quasi fatti, le prime reazioni

Giovani UDC: «Una vittoria della libertà». Ghiringhelli: «Missione compiuta». I Verdi: «Ha vinto il populismo»

LUGANO - I giochi sembrano ormai fatti. E non tardano ad arrivare le prime reazioni.

UDC: «Vittoria della libertà» - I Giovani UDC prendono atto «con soddisfazione» della decisione popolare odierna di accettare l’iniziativa denominata “Per il divieto di dissimulare il proprio viso”.

«Anche se il sostegno al testo da parte del Ticino era dato per scontato - sottolineano in una nota -, non si poteva essere altrettanto sicuri dell’esito delle urne negli altri cantoni». «Ad aver vinto oggi però non è l’UDC, ma la libertà», aggiungono. «In un paese libero e democratico come il nostro, le persone libere mostrano il viso, per comunicare, per ridere, per difendere la propria opinione, per piangere, per arrabbiarsi, per condividere la gioia o il dolore, e, per farla breve, per vivere. Queste libertà saranno da oggi garantite in Svizzera a tutte quelle donne che erano obbligate ad indossare burqa e il niqab».

I Giovani UDC si felicitano pure del sì popolare giunto sull’Accordo di Partenariato con l’Indonesia. «Ancora una volta la lungimiranza del popolo svizzero è saputa andare oltre gli slogan populisti e le preoccupazioni infondate riguardo l’olio di palma della sinistra, permettendo così alla nostra nazione di siglare un accordo che non solo porterà vantaggi economici ad entrambi i partner, ma che risulta essere unico nel suo genere per la esclusività e la sua forma, estremamente innovativa sul piano giuridico internazionale».

La bocciatura della legge sui servizi d’identificazione elettronica rappresenta invece pe l'UDC «un duro colpo per una sicura ed affidabile navigazione in internet garantita dallo stato in collaborazione con i privati, rimandando l’implementazione di un e-id di ancora diversi anni».

Ghiringhelli: «Missione compiuta» - Non poteva mancare la reazione di Giorgio Ghiringhelli che, a 10 anni dal lascio dell'iniziativa "antiburqa" in Ticino, esordisce con un «Missione compiuta». «Il popolo e i Cantoni - aggiunge il "Guastafeste" - hanno dato un chiaro segnale di resistenza contro l’islamizzazione della Svizzera e allo stesso tempo hanno dato una tirata d’orecchi al Governo, al Parlamento e a quella maggioranza di partiti che si erano opposti all’iniziativa con il pretesto che le donne con il velo integrale in Svizzera erano solo poche decine, dimostrando così di non aver capito che in ballo vi era una questione di principio e non di numeri, e che la posta in palio era ben più importante della semplice identificazione dei visi, dal momento che si trattava di scegliere il tipo di società in cui vogliamo vivere e che vogliamo trasmettere alle future generazioni».

I Verdi: «Ha vinto il populismo» - I Verdi del Ticino esprimono «grande soddisfazione» per la bocciatura della legge sulla carta di identità elettronica. Nel contempo sono delusi per l'accettazione di misura sia dell'accordo di libero scambio con l'Indonesia che della legge che proibisce la dissimulazione del volto. «Il compito ora è quello di concentrarsi sulla creazione di una E-ID per la quale lo Stato abbia la piena responsabilità», sottolineano.

Quindi sull'adozione di misura dell'accordo commerciale con l'Indonesia: «Il risultato risicato non può essere interpretato come un assegno in bianco al Consiglio federale per concludere altri accordi di libero scambio senza riguardo per i diritti umani e la protezione dell'ambiente. Questa questione si porrà infatti già con l'accordo del Mercosur. I Verdi hanno già deciso di indire un referendum se l'accordo non conterrà un capitolo vincolante sulla sostenibilità con meccanismi di controllo e sanzione».

Infine per i Verdi del Ticino è assai «deludente che l'UDC assieme alla Lega sia riuscito ancora una volta a incitare una seppur risicata maggioranza della popolazione svizzera contro una minoranza con argomenti populisti». «Il divieto costituzionale di velare le donne emargina le donne interessate e penalizza le donne che sono state costrette a portare il velo», concludono.

Lega: «Ha vinto il nostro modello di società» - Entusiasta, invece, la Lega dei Ticinesi che parla di un «vittoria della Svizzera e del nostro modello di società» che «sconfessa (per l’ennesima volta) la partitocrazia immigrazionista».

«Un mercato prezioso» - Per il Coordinatore del comitato interpartitico cantonale, Marco Martino, il sì all'accordo con l'Indonesia è «una grande opportunità che fortunatamente il nostro paese ha deciso di cogliere». «L’accordo con l’Indonesia, paese da 270 milioni di abitanti destinato a diventare la 4° potenza economica a livello mondiale entro il 2050 - sottolilnea -, garantirà alla Svizzera l’accesso a un mercato prezioso per alleviare la profonda crisi che stiamo vivendo in questo periodo. Questi partenariati sono fondamentali per un paese come il nostro con un tessuto economico composto principalmente da PMI fortemente vocate all’esportazione».

«No ai simboli di sottomissione» - Per quanto riguarda l’iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso”, il PPD prende atto «con soddisfazione» del risultato ottenuto. «La Svizzera si batte per la parità dei sessi, la libertà individuale e la dignità di ogni persona, per queste ragioni non è ragionevole accettare simboli di sottomissione della donna come sono burqa e niqab nelle società arabe», sottolinea.

Il Partito Popolare Democratico prende atto della bocciatura della legge federale sui servizi d’identificazione elettronica. «Il progetto di legge presentato per il trattamento dei dati personali in rete avrebbe permesso un’identificazione più sicura dell’utente e semplificato le operazioni in internet, tuttavia la popolazione probabilmente anche considerato il periodo particolare che sta vivendo ha preferito una linea più prudente» aggiunge.

Sull’Accordo di partenariato economico con l’Indonesia, il PPD conclude: «Garantirà un commercio rispettoso dell’ambiente e delle persone, e allo stesso tempo permetterà di migliorare l’accesso al mercato indonesiano da parte delle nostre aziende».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 07:03:44 | 91.208.130.89