youtube/ciaotenerife
ULTIME NOTIZIE Ticino
Mendrisio
6 ore
Mendrisiotto contro Ustra, anche il Plr si schiera
Il partito dice no alla corsia per la sosta dei camion lungo l'autostrada A2. «I camion vanno dosati prima»
LUGANO
8 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
9 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
Politica
11 ore
Partito comunista, eletto un nuovo Comitato Centrale di venti persone
Riconfermata la fiducia a Massimiliano Ay, rieletto segretario politico
CANTONE
12 ore
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
Il cuoco Diego Della Schiava è un nuovo talento
È attivo al The View di Lugano. È invece di Vals (GR) Mitja Birlo, il cuoco dell'anno
CADENAZZO
14 ore
Cento candeline per Carlo Giovanora
Il neo centenario è stato festeggiato dai famigliari e da una delegazione del Municipio di Cadenazzo.
CANTONE
15 ore
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
15 ore
Roberta Pantani Tettamanti nel CdA di AET
Prenderà il posto di Ronald Ogna, membro del Consiglio d'Amministrazione dal 2009.
CANTONE
15 ore
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
CANTONE / CANARIE
21.08.2021 - 22:530

A El Tancón 6 vittime in 4 anni: «Il pericolo viene ignorato»

La grotta è un "bufadero", una cavità generata dall'erosione delle onde con un'apertura verso il cielo.

Qui ha perso la vita una ticinese. Ma non è la sola. L'esperto: «Sono luoghi pericolosi, ma fin troppo pubblicizzati»

LUGANO - Negli ultimi quattro anni sono sei le persone che hanno perso la vita nei pressi della grotta di El Tancón, a Tenerife. L'ultima è stata Jasmine Ben Ali, la 33enne ticinese attiva tra le file della Lega dei Ticinesi.

Una grotta pericolosa - El Tancón è un "bufadero", una grotta generata dall'erosione delle onde con un'apertura verso il cielo attraverso la quale entra ed esce aria e acqua in pressione. La grotta è un autentico paradiso naturale, tanto da essere molto frequentata dai turisti nonostante vi sia vietata la balneazione, come ricordano i vari cartelloni presenti agli accessi dello scorcio roccioso.

E tuttavia sono numerosissimi i bagnanti che, attratti dall'esperienza data dall'acqua cristallina, dal contrasto di luci e ombre e dalla bellezza selvaggia di questo angolo popolarissimo sui social network, si recano lì quotidianamente per un tuffo e un selfie.

Vittime e negligenza - Sebastián Quintana, promotore dei 1.500 chilometri di costa delle Isole Canarie, spiega a 20 Minutos come El Tancón e lo stagno di La Laja, a San Juan de La Rambla, siano forse i due luoghi più popolari per fare un tuffo selvaggio, e allo stesso tempo tra i più pericolosi delle Isole Canarie. Solo nel 2018, quattro persone sono morte in quelle due pozze, due in ciascuna.

Quintana indica che nell'80% degli incidenti, il denominatore comune è la «negligenza» del bagnante, conscia o inconsapevole, dovuta all'ignoranza del pericolo rappresentato dall'ambiente.

Troppa pubblicità - Sostiene che vi sia «un errore concettuale di fondo», poiché «la meravigliosa orografia della costa» delle Isole Canarie non è di per sé pericolosa. «Il pericolo abbonda, invece, quando qualcuno decide di avvicinarsi troppo a un dirupo o a un bufadero». Inoltre, considera «un errore» che tali posti siano così pubblicizzati.

Il tema è caldo. Tanto che di recente si è riacceso il dibattito sul piano del Ministero del Turismo del Governo delle Isole Canarie per migliorare l'accessibilità e la segnalazione di 117 pozze e renderle più attrattive per turisti e visitatori. Un piano al quale si sono opposti scienziati e ambientalisti.

Per Quintana, oltre ai possibili danni ambientali dovuti al sovraffollamento dato turisti, c'è «un fattore chiave» che viene ignorato: il «pericolo».

Sottolinea che nella maggior parte delle pozze, piscine naturali e simili non ci sono servizi di sorveglianza, il che significa che maggiore è il numero di bagnanti, maggiore è la probabilità di incidenti.

Decine di vittime ogni anno - Solo nelle Canarie, nel 2020 si sono verificati 192 incidenti in acqua con be 43 morti; nel 2019, 127 incidenti e 57 morti; e nel 2018 165 incidenti e 59 morti.

Finora nel 2021 si registrano 32 morti. Con un cambiamento nel profilo delle vittime in acqua: maschi tra i 55 e i 70 anni, quando prima della pandemia oscillavano tra i 65 e gli 85 anni.

Un altro mutamento viene notato nella loro origine: prima del Covid-19 e dei suoi effetti sul settore turistico, otto su 10 erano stranieri, e ora il 70% degli incidenti vede protagonista la gente del posto.

Sebastián Quintana richiama l'attenzione su un fatto: le Isole Canarie sono l'unica comunità autonoma in cui la principale causa di morte accidentale è l'annegamento, ben al di sopra degli incidenti stradali.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 03:10:56 | 91.208.130.89