Depositphotos - foto d'archivio
CANTONE
31.07.2020 - 08:420
Aggiornamento : 13:47

«Ho il coronavirus, mi servono soldi per curarmi»

La truffa del falso nipote passa anche dal Covid-19. E colpisce ancora, questa volta nel Luganese.

La polizia: «Diffidate da questo tipo di telefonate. Valutate con calma la situazione e avvisate le autorità».

BELLINZONA - «Sono ricoverato in cure intense. Ho il coronavirus. Ho bisogno di soldi per curarmi». La nuova frontiera della "truffa del falso nipote" ha a che fare con il Covid-19. E, purtroppo, qualcuno ci è già cascato.

A comunicarlo è la polizia cantonale, che riferisce di una truffa messa a segno mercoledì 29 luglio nel Luganese. La vittima è stata contattata telefonicamente. Messa sotto pressione dalle notizie legate allo stato di salute del suo interlocutore, "membro della famiglia", è quindi andata in banca a prelevare «diverse migliaia di franchi». La somma è stata poi consegnata a un uomo che si è presentato come "dipendente dell'ospedale".

Le autorità colgono perciò l'occasione, ancora una volta, per sensibilizzare la popolazione. «Prestate attenzione e diffidate da questo tipo di telefonate. Non fatevi mettere fretta nel prendere decisioni e valutate attentamente la situazione». E ancora: «Non fatevi scrupoli a mostrarvi dubbiosi in merito alla situazione con l'interlocutore e non accettate che siano terze persone a ritirare il denaro». È importante inoltre avvisare tempestivamente la polizia cantonale al 117.

Infine, un ripasso dei consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro.
  • Non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d'emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni.
  • Non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti!
  • Non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca.
  • Se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d'emergenza).
  • Informate i vostri parenti e conoscenti dell'esistenza di questo tipo di truffa.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 05:03:57 | 91.208.130.89