Immobili
Veicoli

CANTONEIl 5G guadagna consensi nella Svizzera italiana

16.03.22 - 09:09
Se nel 2020 i favorevoli erano solo il 38%, quest'anno siamo arrivati al 54%.
Bonus.ch
Fonte Ats
Il 5G guadagna consensi nella Svizzera italiana
Se nel 2020 i favorevoli erano solo il 38%, quest'anno siamo arrivati al 54%.
Un trend, questo, che si riscontra anche a livello nazionale.

BELLINZONA - Dalla sua introduzione in Svizzera, negli ultimi due anni il 5G ha guadagnato popolarità. È quanto emerge da un sondaggio realizzato dal portale di raffronto online bonus.ch. Nella Svizzera italiana si osserva un cambiamento significativo: dal 38% di favorevoli nel 2020, si è passati al 54% nel 2022.

Attualmente solo il 19% degli intervistati, contro il 36% nel 2020, dichiara di essere contro il 5G nella Svizzera italiana, scrive oggi il portale in un comunicato.

A livello nazionale, nel 2022, il 49% di chi ha risposto al sondaggio indica di essere "totalmente favorevole" o "piuttosto favorevole" a questa nuova tecnologia, rispetto al 35% del 2020. Ormai solo il 27% si dichiara sfavorevole, rispetto al 44% di due anni fa, spiega bonus.ch, aggiungendo che comunque una parte significativa (pari al 24%) non ha ancora opinioni precise in merito.

Restringendo il campo unicamente alle persone che hanno effettivamente espresso un giudizio sulla questione, il parere favorevole prevale nettamente, con il 65% dei voti rispetto a un 35% di "contro". Nella Svizzera italiana tale quota di favorevoli si attesta a circa tre quarti degli intervistati.

Sulla base di un campione di oltre 1'300 persone, è inoltre emerso che le donne appaiono meno favorevoli al 5G rispetto agli uomini, così come nella Svizzera tedesca - e in quella italiana - prevale il consenso, mentre si dicono più dubbiosi gli intervistati provenienti dalla Romandia.

«La maggior parte di coloro che si oppongono al 5G indica come motivazione principale i rischi per la salute (47%, rispetto al 60% nel 2020). I timori per l'impatto ambientale (32%, contro il 28% in precedenza) e per la sicurezza informatica (12% contro 7%)», spiega bonus.ch, sottolineando che invece i favorevoli citano maggiormente il progresso tecnologico, l'impatto favorevole sull'uso personale (ad esempio il più rapido flusso dei dati sul cellulare) e la riduzione del consumo energetico.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO