Immobili
Veicoli
Ti Press
L'interrogazione è stata presentata da Anna Biscossa e co-firmatari
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
1348 nuovi positivi e un decesso in Ticino
Sono 158 i pazienti ricoverati, 16 dei quali si trovano in cure intense
AIROLO
17 ore
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
18 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
19 ore
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
20 ore
Cardiocentro nell'EOC: «È stato un primo anno positivo»
L'integrazione è pienamente riuscita e da quest'anno la cardiologia dell'Ente sarà gestita totalmente dal Cardiocentro.
CANTONE
20 ore
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
22 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
1 gior
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
1 gior
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
1 gior
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
1 gior
Rinnovato il CCL dell'Autolinea Mendrisiense
Si tratta di un contratto collettivo «solido e garante di buone condizioni di lavoro», sottolineano i sindacati.
CANTONE
1 gior
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CADENAZZO
1 gior
Due mesi di cantiere sulla strada del Monte Ceneri
Il risanamento della pavimentazione della strada cantonale si svolgerà tra il 31 gennaio e fine marzo.
CANTONE
1 gior
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
CANTONE
1 gior
Figlio in ospedale? C'è chi ti porta da mangiare gratis
Questo lo scopo dell'associazione che, ora, cerca volontari nel Bellinzonese: «Abbiamo delle famiglie da aiutare»
CANTONE
1 gior
Il «bellissimo gioco» che ti fa perdere 1300 franchi
Il meccanismo è quello del noto "schema Ponzi": piramidale e senza reale possibilità di vincere
CANTONE/CONFINE
1 gior
Senza peli sulla lingua: «Il Green Pass avrà un impatto»
La testimonianza di uno storico parrucchiere e il parere del sindaco Mastromarino
LUGANO
1 gior
Pugni al Parco Ciani, in due in ospedale
La colluttazione è avvenuta attorno alle 18.30. Sconosciute per il momento le cause e la dinamica dei fatti
CANTONE
27.12.2021 - 15:330

Il caso di India, i casi di rigore e lo "strano caso" ticinese

Anna Biscossa (e cofirmatari) hanno presentato un'interrogazione sui permessi di dimora rilasciati in Ticino.

India e la sua famiglia avrebbero tutti i requisiti per restare in Ticino. Eppure (salvo interventi urgenti) verranno rimpatriati. Una pratica che sembra essere sempre più diffusa e per la quale ora vengono chieste spiegazioni.

BELLINZONA - Il caso di India e della sua famiglia finisce sul tavolo del Consiglio di Stato grazie a un'interrogazione presentata da Anna Biscossa (e cofirmatari). Che chiede al Governo non solo d'intervenire presso la Segreteria di Stato per la migrazione (SEM), ma anche chiarimenti sui cambiamenti in senso restrittivo dello strumento dei casi di rigore a favore di migranti in difficoltà presenti nel nostro Cantone. 

La vicenda di India - La giovane India, ora diciannovenne, è stata allieva presso le scuole medie di Morbio Inferiore. Si tratta di una giovane originaria della fascia di confine tra l’Etiopia e l’Eritrea, in attesa da dieci anni di un permesso di asilo, unitamente a suo fratello e alla loro madre. La sua ex docente, nei giorni scorsi, ha lanciato un appello dopo che a India, sua fratello e la loro madre, è stata rifiutata la domanda di asilo, presentata come detto ben dieci anni fa.

In questi anni la famiglia ha vissuto in Ticino tra Biasca, Cadro e Morbio Inferiore. E nonostante i molti spostamenti a loro imposti, si è sempre integrata molto bene. Tuttavia, a causa dello statuto in attesa di una decisione sulla loro richiesta d’asilo, il fratello Nur, pur avendo concluso con successo il suo apprendistato, non ha mai avuto il permesso di lavorare. Anche India concluderà quest’anno la sua formazione, acquisendo così quelle nozioni che le permetterebbe d'inserirsi con successo nel mondo del lavoro, senza più dipendere dagli aiuti sociali.

Non possedendo documenti, di fatto sono apolidi perché sia l’Etiopia che l’Eritrea non li riconoscono come loro cittadini. Per la SEM invece sono da considerarsi etiopi e vanno rimpatriati, perché l’Etiopia è valutato essere un paese sicuro. Ma come detto diverse persone sono insorte a seguito della decisione. Persone alle quali ora si aggiungono anche alcuni parlamentari - Anna Biscossa in testa - che chiedono al Consiglio di Stato di intervenire sul caso di India e della sua famiglia all’indirizzo della SEM, dando un seguito positivo all’istanza che chiede di mettere in campo lo strumento “casi di rigore” (vedi box in fondo all'articolo).

Casi di rigore in picchiata. Perché? - Oltre al caso specifico di India, è proprio su questi "casi di rigore" che l'atto parlamentare intende far luce. I dati dimostrano infatti in modo chiaro come dal 2017 ci sia stato un deciso cambiamento, in senso restrittivo, sull’entrata in materia rispetto all’uso di questo strumento a favore di migranti in difficoltà presenti nel nostro Cantone. Questo cambiamento è ben evidenziato sia dall’andamento dei dati dal 2014 a oggi - nei primi tre anni sono stati accolti 99 casi, negli ultimi tre solo 24 - sia dal raffronto tra i Cantoni per le richieste presentate nel 2020: in Ticino sono state accolte 13 richieste e ne sono state respinte due, in Svizzera ne sono state accolte 2'835 e respinte otto). Al Governo viene quindi chiesta una spiegazione di questo giro di vite.

La Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrI) e la Legge sull’asilo (LAsi) prevedono, a determinate condizioni, la possibilità di rilasciare un permesso di dimora a favore di un cittadino straniero qualora un suo allontanamento lo posizionasse in una situazione personale d’estrema gravità.

Secondo l’articolo 14 capoverso 2 LAsi, un richiedente l’asilo può, su proposta del Cantone dove risiede, ottenere un permesso di dimora se si trova in Svizzera da almeno cinque anni e se si è in presenza di un grave caso di rigore personale, il tutto tenendo conto del grado di integrazione dell’interessato.

Questa procedura vale a prescindere dallo stadio della procedura, quindi anche per le persone con decisione d’asilo negativa passata in giudicato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
cle72 3 sett fa su tio
Faccio notare che il ragazzo ha finito l'apprendistato e potrebbe lavorare, ma non gli viene dato il permesso. La sorella avrà la stessa sorte. Sicuramente giovani volenterosi e riconoscenti e pronti a lavorare subito, per non gravare sullo stato. Altri giovani svizzeri, stanno bene in disoccupazione o in assistenza, perché non hanno voglia di lavorare e sono aiutati in tutto. Vero aiutiamo anche un certo Carlos in prigione o istituto a palanche di soldi per mantenerlo e mandiamo via persone come queste. Viva la coerenza. Viva la giustizia. Viva l'umanità. A tra l'altro mettere il tutto su un piano politico è la chicca sulla torta, complimenti!
Evry 3 sett fa su tio
che se li mantengono loro SOCIALISTI LAGNATORI cosi potete una volta tanto fare qualcosa di concreto ! grazie
Princi 3 sett fa su tio
la PS non ha 2 camere a casa sua ?? se hanno deciso il rimpatrio ci sarà un motivo !!!!!
Andy 82 3 sett fa su tio
non si può aiutare tutti...
Mirketto 3 sett fa su tio
Iniziate a sostenere i nostri, poi se c‘è la possibilità anche altri…..
Suissefarmer 3 sett fa su tio
lascerei io la svizzera, per dare spazio a gente che merita tranquillità.
gigipippa 3 sett fa su tio
Dalla foto pensavo che fosse una nuova mutazione del coronavirus.
F/A-19 3 sett fa su tio
@gigipippa 😂
seo56 3 sett fa su tio
Rimpatriare…. Punto!
Dex 3 sett fa su tio
@seo56 Seo56 sei razzista? Se lo sei e non lo ammetti sei solo un CODARDO
Andy 82 3 sett fa su tio
@seo56 seo concordo in pieno....se ne aiuta già abbastanza di gente adesso BASTA...
Suissefarmer 3 sett fa su tio
@Dex razzista? questo fa parte della feccia della società.
Andy 82 3 sett fa su tio
@Suissefarmer suissefarmer a volte si trova Altra gente che ragiona... GRANDE. concordo al 1000x1000
Andy 82 3 sett fa su tio
@Suissefarmer oops errore mio concordo con seo .. basta. ne abbiamo già troppi di stranieri.adesso cominciano ad essere troppi compresi frontalieri....
Andy 82 3 sett fa su tio
@Suissefarmer trovate posto a Casa di qualche bontempone che tanto felice di aiutarli ....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 14:01:44 | 91.208.130.86