Immobili
Veicoli
tipress
CANTONE
12.10.2021 - 16:160
Aggiornamento : 20:23

Test Covid a pagamento: il Dss annuncia controlli

Il farmacista cantonale annuncia controlli sulle fatturazioni dei test Covid. Zanini: le scuse non reggono

BELLINZONA - Come diceva Andreotti: a pensar male si fa peccato, ma si indovina. Nelle farmacie ticinesi da questa settimana i test Covid sono a pagamento, eccezion fatta per i sintomatici e per i furbetti che, fatta la legge, non impiegheranno molto a trovare l'inganno.

Le autorità sanitarie se lo aspettano, e hanno preso delle precauzioni. «In passato abbiamo visto che esiste un grosso rischio di simulazione» ammette a tio.ch/minuti il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. «Chi non vuole pagare, tende a fingere di avere perso l'olfatto o il gusto. Una scusa già sentita nella scorsa ondata, e su cui non c'è modo di condurre verifiche da parte dell'operatore sanitario». 

Un'altra trovata a portata di furbetti: dichiarare di voler fare visita a un parente in ospedale o in casa anziani. Anche in questo caso, come in presenza di sintomi influenzali, a pagare il test sarebbe ancora la Confederazione. «Farmacisti e medici non hanno modo di verificare che poi la visita venga effettuata realmente, e la persona non si rechi piuttosto al ristorante».

Per questo, Berna ha previsto il rilascio del certificato solo in alcuni casi. Bambini sotto i 16 anni, persone in attesa della seconda dose di vaccino, o che non possono vaccinarsi per motivi medici. La casistica è illustrata chiaramente in una circolare inviata ieri dal Dss a farmacie e studi medici (vedi allegato). 

Problema risolto? Non del tutto. In realtà, per gli incorreggibili esiste ancora una possibilità di aggirare le regole: ma è necessaria la complicità del medico o del farmacista. «Chi effettua i tamponi potrebbe decidere di fatturare comunque la prestazione alla Confederazione, a un prezzo maggiore rispetto a quello di mercato, rilasciando il certificato».

L'Ufficio di sanità pubblica, ricordiamo, rimborsa i test a 47 franchi. Una cifra "ghiotta" considerando i costi del materiale (5-6 franchi). «Gli abusi sono in linea di massima possibili - osserva Zanini - si fa affidamento sull'etica del farmacista o del medico».

E se questi ultimi provassero a intascare furbescamente il rimborso pubblico, più magari qualcosa dal cliente per il favore? Il Dss preferisce "pensare male", che ritrovarsi gabbato: sono previsti «una serie di controlli a campione per verificare la condotta di chi effettua i test» conclude Zanini.  

Chi paga e chi no?

Per una serie di categorie la Confederazione ha previsto l'esenzione dal pagamento dei test Covid. Ma non per tutte è previsto il rilascio del certificato. Ecco una tabella esplicativa, divulgata ieri dal Dss tra le farmacie ticinesi. 


fonte DSS

fonte DSS
Ingrandisci l'immagine
Allegati
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-21 23:06:14 | 91.208.130.85