Imago
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
52 min
Quella fattura piena che delude alcuni esercenti
Tasse sulla vendita di alcolici e per il promovimento turistico: niente sconti pandemici nel 2021. E c'è chi si sfoga.
FOTO
LUGANO
1 ora
Il sentiero del Cassarate è stato tirato a lucido
È stata un successo la terza Giornata ecologica organizzata dalla Commissione di quartiere di Pregassona.
Lugano
2 ore
Dalla Corea con clamore, ma non è pericolosa quanto la zanzara tigre
Per la senior researcher all'Istituto di microbiologia Supsi, Eleonora Flacio, «non comporta alcun problema»
LUGANO
4 ore
Wicht più prosciolto che condannato
Si è chiusa (per ora) con un decreto di abbandono e una piccola multa l'inchiesta sull'ex Udc
FOTO
BELLINZONA
4 ore
La ristrutturazione del Liceo non piace agli studenti
La petizione lanciata dal Comitato studentesco ha raccolto ben 548 firme.
CANTONE
5 ore
Aperto il bando per disegnare la locandina del Pardo 2022
Designer, grafici, artisti (e aspiranti tali) avranno fino al 6 gennaio per inviare le opere. In palio 5'000 franchi
CANTONE
5 ore
Milioni di aiuti per gli impianti di risalita
Approvato quasi all'unanimità il credito di 5,6 milioni per Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara.
FOTO
MESOCCO (GR)
6 ore
Le gallerie sull'A13 ora sono più sicure
Ultimati oggi i lavori per le uscite di sicurezza delle gallerie Brusei e il cunicolo di sicurezza per il tunnel Land
CANTONE
6 ore
Certificato a chi si testa in azienda, non c'è urgenza
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta avanzata la scorsa settimana dal Gruppo UDC.
STABIO
8 ore
Andiamo a pulire i boschi di Stabio
Il Comune propone un pomeriggio dedicato alla lotta contro il littering
MENDRISIO
8 ore
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
BELLINZONA
8 ore
«Non toccate le settimane bianche»
A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Boom dei camping TCS, anche in Ticino
Nonostante il tempo poco favorevole e il Coronavirus l'affluenza è aumentata del 30% rispetto al 2020.
CANTONE
11 ore
Coronavirus in Ticino: 18 positivi e ricoverati stabili
Nelle strutture ospedaliere rimangono 7 le persone affette dalla malattia.
BREGGIA
11 ore
A Breggia si posa l'asfalto
Lavori previsti dal 25 ottobre al 19 novembre a Morbio Superiore
BELLINZONA
12 ore
Li richiami e il loro numero "non esiste"
Telefonate che arrivano da normalissimi 079, 078 o 076. Boom di recapiti "fantasma". Cosa c'è dietro?
CONFINE
14 ore
Intercettati oltre 256mila euro non dichiarati
È il bilancio delle ultime settimane stilato dalla Guardia di Finanza che opera a Ponte Chiasso.
CANTONE / GINEVRA
15 ore
Vegana in ospedale: «Mi hanno portato dal salmone alla polenta col formaggio»
Un'esperienza da dimenticare quella di P., ricoverata per quattro giorni a Ginevra.
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Merlot ticinesi sugli scudi al Grand Prix du Vin Suisse
Nella categoria legata a questo vitigno si sono imposti il Quattromani 2018 davanti alla Tenuta San Rocco - Porza 2018.
CANTONE
23 ore
«Una brutta faccenda di sfruttamento salariale alla ticinese»
Ghisletta punta il dito contro quei benzinai «ostili» al contratto collettivo di lavoro per chi è impegnato negli shop.
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Scontro tra due veicoli su via San Gottardo
L'incidente, avvenuto questa sera, ha provocato solo danni materiali.
LUGANO
1 gior
Morta la vedova Zappa, appello ai creditori
Si è spenta a 67 anni una delle protagoniste della cronaca giudiziaria ticinese
MENDRISIO
1 gior
A Ligornetto «non facciamo favoritismi»
Il blocco del traffico nel quartiere ha intasato il Mendrisiotto. E innescato polemiche
FOTO
CHIASSO
1 gior
Il favoloso compleanno di Amelia
Lo scorso 9 ottobre la signora Amelia Rottenmanner ha spento cento candeline presso la Casa anziani Giardino.
CANTONE
1 gior
Stop al certificato in biblioteca, al via la petizione
La motivazione: «In alcuni casi la biblioteca è l'unico luogo che garantisce le condizioni adeguate allo studio».
LUGANO
1 gior
La Posta del centro si rifà il look
La succursale di Lugano 1 è la più grande del cantone.
CANTONE
1 gior
Oltre duemila firme contro il taglio delle pensioni
Le ha raccolte il sindacato VPOD per dire “no” alla misura prevista per il 2023
FOTO
BRISSAGO
1 gior
In battello alle Isole di Brissago per un autunno speciale
La stagione turistica sul bacino svizzero del Lago Maggiore si conclude il prossimo 7 novembre
FOTO
MENDRISIO
1 gior
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
FOTO
VALLE VERZASCA
1 gior
La Verzasca sale a bordo di minibus elettrici condivisi
È scattata la fase pilota del servizio Verzasca Mobile. L'obiettivo è di offrire un trasporto pubblico più flessibile
LUGANO
17.09.2021 - 06:000
Aggiornamento : 11:06

Tra killer, boss e televisione. Una chiacchierata con Michele Santoro

Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.

LUGANO - Di vite blindate Michele Santoro ne ha conosciute e raccontate, la sua però di fatto non lo è mai stata. Neppure in quegli anni, i primissimi Novanta, in cui le minacce, in una triste consuetudine, erano spesso il prologo del sangue. «Non ho mai avuto una scorta, pur essendo uno dei principali obiettivi della mafia fin dal periodo delle stragi», ci racconta infatti il famoso giornalista italiano, che questa sera aprirà l’edizione 2021 dell'Endorfine Festival al Boschetto Ciani di Lugano.

Perché Michele Santoro non ha mai avuto una scorta?
«L’unica volta che mi è stata proposta l’ho rifiutata. Diciamo che non mi piacciono le vite blindate. Ovviamente quando è necessaria le autorità di polizia devono valutarla. Quando intravedono dei pericoli reali. Ma in Italia c’è anche un abuso delle scorte, che diventano quasi una forma di esibizione del potere. Quindi se tu hai la scorta diventi quasi un’istituzione intoccabile. Ed essendo stato io sempre un giornalista controcorrente, non l’ho mai voluta. Ma nemmeno le autorità hanno mai voluto darmela».

A parte quell’unica volta in cui l’ha rifiutata…
«Quella mi fu offerta dopo una circostanza occasionale. In quel caso subii una rapina a mano armata che fece molto clamore. Finì su tutti i giornali, sui telegiornali. E a quel punto il capo della polizia dell’epoca mi chiamo e mi disse: “Guarda, tu assolutamente devi avere la scorta, perché se ti capita qualcosa noi ci facciamo una figuraccia”. E io risposi in breve: “Ma che me ne importa della figuraccia che fate voi. Si tratta della mia vita e quindi decido io cosa farne”. Tanto era evidente che la mafia in quel periodo, quando decideva di ammazzare qualcuno, non è che si faceva intimorire dalle scorte, come si è poi ben visto».

Parlando di mafia che uccide, parliamo di Maurizio Avola. Nel suo ultimo libro - “Nient’altro che la verità” - lei racconta di lui, ma anche di sé stesso. È stato scomodo vestire i panni di “confidente” di un killer di mafia?
«L’approccio è stato difficile. Io mi stavo occupando al tempo di un’inchiesta su Matteo Messina Denaro, l’ultimo padrino conosciuto della mafia, che mi interessava perché la sua sparizione, secondo me, potrebbe racchiudere più di una risposta all’interrogativo di come si sia trasformata Cosa nostra in quella che è oggi. E così sono arrivato a conoscere Avola, che testimoniava in un processo a Firenze sulle stragi in cui raccontava di aver partecipato all’uccisione del magistrato Antonino Scopelliti insieme a Messina Denaro. È una persona che ha ammesso almeno ottanta omicidi. E inizialmente avevo anche una certa diffidenza. Perché in fondo, mi dicevo, cosa mi può dire di importante un killer come lui? Perché le domande che avevo in testa riguardavano quello che è Cosa nostra oggi. Poi però c’è un altro elemento: Avola ha partecipato anche all’uccisione di Pippo Fava. Parliamo di un altro giornalista come me. Quindi, per dire, avrebbe tranquillamente potuto partecipare alla mia uccisione o di miei colleghi. Quindi c’era anche questo sentimento di distanza e di repulsione immediata. Quello che io chiamo “l’odore del sangue”, che sentivo avvicinandomi a lui. Però una volta superata questa sensazione mi sono trovato di fronte a un personaggio sempre più sorprendente».

Sorprendente in che senso?
«È un personaggio dotato di una logica ferrea. È vero che era un esecutore di piani che probabilmente non erano, se non nella fase esecutiva, progettati da lui. Ma era un esecutore molto attento nel cogliere i particolari. Come gli erano stati dati questi ordini, in quale modo. E quindi, in primo luogo, utilissimo nel ricostruire l’esatto funzionamento dell’organizzazione. E in secondo luogo, quando superato il senso di repulsione inizi a guardare le cose con gli occhi di un mafioso ecco che la storia ti appare anche da un altro punto di vista. E riesci a leggere da un’altra prospettiva, ovvero quella di Cosa nostra».

Alcune delle parole di Avola però hanno alzato un polverone. E così lui, lei e il libro siete finiti al centro di un inedito fuoco incrociato, tra mafia e antimafia...
«Sì. Mafia, antimafia, destra, sinistra. Non si capiva più nulla. L’antimafia cosiddetta militante si è ribellata anche ad alcune affermazioni che faccio nel libro. Che io arrivi ad affermare che Berlusconi non può aver dato ordini a Cosa nostra, proprio io che sono stato un avversario famoso di Berlusconi e delle sue politiche dell’informazione, è stata per loro un’affermazione scandalosa. Che però sono molto viziati dall’ideologia e vedono le cose come, secondo me, non sono andate. Diciamo che i casi sono due: o Cosa nostra è stata la grande organizzazione che è stata, e che probabilmente è ancora in forme diverse, oppure questa diventa quasi una sorta di appendice dei servizi segreti deviati in Italia. E questa secondo me è una versione ridicola, perché Cosa nostra non è quello. È stata una grande organizzazione e Riina non è un personaggio minore della storia o un killer da strapazzo. Né uno a cui un poliziotto o un carabiniere, per quanto deviato, potesse dare degli ordini. L’altra affermazione “scandalosa” è stata poi quella che fa Avola sul fatto che non c’erano esponenti dei servizi segreti nel momento in cui si portava a compimento la strage di Via D’Amelio. Però Avola non ha mai detto che i servizi segreti non hanno avuto ruoli nella strage».

Che spiegazione si è dato per queste reazioni?
«In Italia queste istituzioni, chiamiamole “emergenziali”, tendono a trasformarsi in organismi di potere e a riprodursi in eterno. E questa è la situazione che aveva denunciato Sciascia. Devo dire che nell’immediatezza dei fatti, che riguardavano Falcone e Borsellino, Sciascia poteva aver torto perché eravamo veramente nel pieno di una guerra. Ma a distanza di tanti anni Sciascia aveva ragione nel dire che i tribunali dovevano poi tornare a funzionare normalmente. Cosa che in Italia ancora oggi non avviene. E così abbiamo questi magistrati che sono più magistrati degli altri».

Tornando alla figura di Avola, che rapporto è nato con questa persona?
«Devo dire che avrei approfondito ulteriormente questa conoscenza, ma a un certo punto mi è scattato un elemento di paura. Non per me ma per lui, paradossalmente. Perché queste campagna di delegittimazione così profonde sono pericolose. Ed è già successo che altri venissero ammazzati dopo essere stati definiti pazzi o mitomani. Quindi bisogna stare molto attenti. E poi c’è la questione del segreto istruttorio, perché l’inchiesta su ciò che lui ha detto è ancora aperta. Quindi l’avvocato, Avola e io stesso siamo praticamente diffidati e dobbiamo stare attenti a non commettere errori. E devo dire che questo scrupolo con lui me lo pongo. Altrimenti sarei andato più avanti nella conoscenza e nel percorso».

E lui invece che percorso sta affrontando?
«Lui è un personaggio che sembra completamente chiuso rispetto a un’ipotesi di redenzione. Io ho conosciuto molto bene Tommaso Buscetta. E Buscetta era un uomo convinto di essere ormai passato dalla parte dello Stato. Di essere una pedina ormai importante in quella lotta che lo Stato conduceva contro la mafia. Invece Avola non ha questo tipo di visione di sé stesso. Si sente in una terra di nessuno, che non appartiene né alla mafia né allo Stato, in cui lui cerca una strada per ridefinire una propria identità. Non dice sono diventato un testimone né tantomeno un pentito, ma perché lui dice di non riuscire a perdonarsi per ciò che ha fatto. E io so che lui sta combattendo per trovare questa sua nuova strada».

Prima ha fatto anche il nome di Matteo Messina Denaro. Che viene considerato l’ultimo tassello nell’oscuro puzzle delle stragi. Quello che, a detta di molti, dovrebbe consentire di fare finalmente luce. Quasi dando per scontato che il giorno in cui dovessero catturarlo lui si metterà a collaborare…
«Se ci si fa caso, fra tutti i collaboratori di giustizia - con l’eccezione di Buscetta, che avrebbe avuto la statura per essere un capo ma che, per note vicissitudini, non è mai stato un capo - non ce n’è nessuno che è stato un padrino. I padrini non si sono mai pentiti. Non esiste un Santapaola che si pente, un Graviano che si pente, un Riina che si pente o un Provenzano che si pente. Non è mai avvenuta una cosa del genere. Alcuni di questi sono in carcere all’ergastolo ostativo. I Graviano hanno sessant’anni, avrebbero tutti i motivi per pentirsi, collaborare e uscire dal carcere. Perché non lo fanno? Perché secondo me l’organizzazione esiste ancora all’esterno e quindi questi, che condividono i segreti strategici più grandi della mafia, non si pentono».

Santoro, prima di concludere non posso però non farle almeno una domanda sulla televisione. Ne sente la nostalgia e sarebbe pronto a tornarci?
(ride) «Io sarei pronto a tornarci, ma non so se la televisione è pronta ad accogliermi. In questo momento c’è una coltre conformistica che copre la televisione in Italia. I programmi sono tutti uguali. Non è che i miei colleghi manchino di qualità. Ho massima stima di quelli che sono rimasti e sono ottimi professionisti. E che forse sono anche più bravi di me. Però sanno benissimo che in questo momento c’è un confine che non si può superare e loro non lo superano. Dopo la caduta di Berlusconi pensavamo che si sarebbe aperta una fase nuova anche per i mezzi di comunicazione e invece c’è stato solo un continuo declino del sistema dei media. E coinvolge tutti. La Rai, Mediaset, ora anche Sky. Questi hanno iniziato a subire il colpo già con l’ingresso di Netflix sul mercato. Mi sembra che, sempre di più, l’Italia si possa configurare come una piccola provincia in cui le multinazionali vengono a fare il bello e il cattivo tempo, trattandoci come uno di quei Paesi non troppo evoluti. Per esempio, in Inghilterra tu puoi realizzare un prodotto come The Crown dove puoi mettere alla berlina e criticare i reali inglesi. In Italia invece no. È un atteggiamento. Non è che Netflix o Amazon si possono preoccupare di essere fermati dalla censura. No, è un modo di adattarsi a una situazione che in Italia c’è. È il conformismo di cui dicevo prima. In Francia hanno fatto un documentario su Strauss-Kahn e le sue avventure “sentimentali”. Ma noi dovremo probabilmente aspettare quaranta o cinquanta anni per vedere una serie sul “bunga bunga” firmata da Netflix».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 21:14:20 | 91.208.130.87