Immobili
Veicoli
Ti Press (archivio)
SAVOSA
08.09.2021 - 18:110
Aggiornamento : 20:05

«Un peso sopportabile, ma la scadenza già fissata ci metterà in difficoltà»

L'obbligo del certificato Covid per poter accedere ai centri fitness viene visto in modo controverso.

«Da un lato potrebbe dare maggior sicurezza ai clienti vaccinati», spiega la direttrice dell'A-club di Savosa. Dall'altro l'aver fissato già oggi una scadenza potrebbe spingere molte persone a non rinnovare l'abbonamento.

SAVOSA - «Il certificato va bene, ma ci occorrono informazioni chiare. Ad esempio ogni quanto va fatto un tampone per poter ottenere il certificato, oppure se verranno a cadere le altre restrizioni come i limiti alla capienza». Reagisce così Simona Malagoni, direttrice del centro fitness e wellness A-Club di Savosa, all'odierna decisione del Consiglio federale d'introdurre l'obbligo del Covid Pass per poter accedere all'interno delle strutture sportive e per il tempo libero.

Malagoni sottolinea come si parli spesso delle persone che non vogliono vaccinarsi, ma raramente di quelle vaccinate. Le quali «finché non hanno un ambiente sicuro non tornano in palestra». «In questo senso - aggiunge- con il Covid Pass l'affluenza alle palestre potrebbe anche crescere, a patto però che ci siano direttive chiare». Insomma, meglio il certificato che dover chiudere tutta la struttura. Anche se l'incertezza rimane: «Purtroppo, come ormai da due anni a questa parte, le conferenza stampa sono poco trasparenti e noi per due giorni dobbiamo capire dove andare a reperire le informazioni», lamenta Malagoni.

Un altro punto critico, secondo Malagoni, è l'aver dato una scadenza precisa al provvedimento: il 24 gennaio 2022. Il settore delle palestre è infatti confrontato con un aspetto che non tocca invece, ad esempio, la ristorazione: gli abbonamenti. «Ci sarà sicuramente chi attenderà fino a quella data per fare o rinnovare l'abbonamento. Per questo il nostro settore, ancora una volta, è certamente fra i più colpiti».

I centri fitness - ricordiamo - sono rimasti chiusi da gennaio ad aprile. Hanno potuto riaprire durante i mesi estivi, quando la gente predilige però le attività all'aria aperta. Ora che arrivano i mesi cruciali, ecco nuovi ostacoli. «E più grande sei, più problemi ci sono», conclude la direttrice di A-Club, che conta quasi 5'000 iscritti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Jianghua 4 mesi fa su tio
vaccinarsi ecco l'unica vera e corretta soluzione
Jianghua 4 mesi fa su tio
Semplice, vaccinarsi!!!!
Cane93 4 mesi fa su tio
Ho fatto un abbonamento il mese scorso, siccome non sono vaccinato da lunedì non ci potrò più andare vuol dire che perderò tutti i soldi o sarò rimborsato?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 18:19:18 | 91.208.130.89