KEYSTONE
Un'immagine scattata di recente a San Gallo.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
21 min
Il 144 ha traslocato
Dopo oltre un ventennio di attività nel Luganese, la FCTSA si è spostata alla CECAL
CANTONE / GRIGIONI
1 ora
Dalla Mesolcina un'interrogazione per salvare le carte giornaliere
Anche il Granconsigliere retico Samuele Censi si oppone alla decisione di abolirle presa da Alliance Swisspass.
LUGANO
1 ora
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
1 ora
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
4 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
5 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
12 ore
Un'alternativa per l'autogestione? «Nel Luganese non c'è»
La risposta del Consiglio di Stato a un'interpellanza della Lega
CANTONE
13 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
14 ore
Una marea di volantini per ritrovare Penny
Dopo quattordici giorni, il cane è stato ritrovato. Ora si tratta di rimuovere tutti i manifesti
CANTONE
15 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
CANTONE
08.04.2021 - 19:500
Aggiornamento : 21:51

«Quella tristezza profonda si sta trasformando in aggressività»

Timori per le masse che non rispettano più le norme anti Covid. Intervista alla psicoterapeuta Giulia Raiteri.

La specialista è stata ospite di Piazza Ticino: «Parlare di disordini mi fa sorridere. La popolazione trasgredisce come se non avesse altra soluzione, come se fosse arrivata a un limite di sopportazione».

LUGANO - Preoccupazione un po' in tutta la Svizzera per le norme anti Covid-19 che non vengono più rispettate. Da Lugano a San Gallo, passando per Zurigo, la situazione è più o meno la stessa. La polizia è costretta a scendere a compromessi con la massa. In vista dei prossimi weekend la tensione è alta. Così come la paura di disordini. «Parlare di disordini mi fa sorridere – sostiene Giulia Raiteri, psicoterapeuta intervenuta su piazzaticino.ch –. "Disordini" è un termine da associare a situazioni di protesta puntuali. La gente, dal mio punto di vista, trasgredisce come se non avesse altra soluzione, come se fosse arrivata a un limite di sopportazione». 

Quando c'è una parte così grande della popolazione che ignora la legge, ci si trova in difficoltà. Così si è espressa la polizia di Lugano di recente. Cosa ne pensa?
«La pandemia va avanti da più di un anno. C'è un'aggressività che sale progressivamente. Per un lungo periodo la gente è stata scioccata, spaventata, sbalordita di fronte a quello che stava succedendo. Si è poi innestata una sorta di tristezza profonda, mai sfogata, che ora si sta trasformando in aggressività». 

Tutto questo si poteva prevedere?
«In questi mesi si è parlato tanto della salute fisica. Troppo poco degli effetti psicologici di questa condizione. Noi psicoterapeuti non abbiamo più buchi nelle nostre agende. Siamo molto sollecitati. Aumentano gli aspetti di matrice depressiva, ansiosa. Chi aveva disagio psichico in precedenza si è aggravato».

Secondo molti c'è troppo caos. E questo farebbe innescare ulteriore frustrazione e rabbia.
«A livello di comunicazione c'è davvero tanta confusione. Si dice tutto e il contrario di tutto. Siamo in difficoltà nel capire quello che sta accadendo. Si è creato uno stato di paura, dovuto anche al fatto di non avere una prospettiva».  

L'invito delle autorità sanitarie è quello di tenere duro ancora un po'. Ha un senso?
«A questo punto si devono cercare le vie di mezzo. "Non fare" sarebbe problematico. Si può "fare", ma nel modo giusto. Ad esempio ci si può vedere, facendo prima il tampone rapido. Non vorrei comunque essere nei politici che devono prendere determinate decisioni. Quello che sta capitando è qualcosa di non prevedibile». 

C'è chi accusa di egoismo le persone che si assembrano...
«No, non è egoismo. È una necessità. I giovani sono sicuramente quelli più in crisi. Non solo per le esperienze che non stanno facendo. Per un adolescente spesso il "bisogno" è qualcosa d'impellente. E in questo periodo non si può fare ciò che si vuole». 

Dal punto di vista della salute mentale il conto che dovremo pagare sarà salato?
«Da questa esperienza potremo trarre un'occasione di crescita personale e sociale. Però si notano anche altri aspetti. Il senso di solitudine di molte persone, coppie che scoppiano, ragazzi senza relazioni. Queste sono ferite che ci porteremo dietro. Poi arriveranno anche le cicatrici, certo». 

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA COMPLETA

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 11:59:43 | 91.208.130.86