TiPress - foto d'archivio
CANTONE
24.02.2021 - 12:070

L'UDC chiede meno disparità sui casi di rigore

Con una mozione si chiede di aprire a chi ha costituito azienda dopo il 1. marzo 2020 ma era già intenzionato a farlo

BELLINZONA - La Confederazione ha sviluppato lo strumento dei casi di rigore per sostenere le imprese attive nei settori più colpiti della pandemia. L’impresa - per accedere ai casi di rigore - deve, tra le altre cose, essere iscritta al registro di commercio o essere stata costituita prima del 1. marzo 2020. Un dettaglio che l'UDC considera di non poca rilevanza: «Ci sono infatti diversi imprenditori che prima di questo termine avevano già avviato le pratiche burocratiche tese alla costituzione della propria ditta, ma che per questioni amministrative essa non ha potuto essere iscritta a registro di commercio prima, oppure, altri imprenditori che già mesi prima avevano concluso dei contratti di locazione, acquistato inventari e merce o assunto personale, per poter avviare la propria attività in concomitanza con l'inizio della stagione turistica». 

Roberta Soldati e Daniele Pinoja (primi firmatari) hanno quindi presentato una mozione al Consiglio di Stato affinché queste attività non siano vittime di «una disparità di trattamento» e non siano così destinate a chiudere.

Al Governo viene chiesto di attivarsi al più presto presso le autorità federali per fare implementare immediatamente delle deroghe al termine del 1. marzo 2020 per avere accesso agli aiuti previsti per i casi di rigore laddove l'attività economica era già stata pianificata, fatti investimenti e/o concluso dei contratti da parte di imprenditori residenti in Ticino prima di questa data. Come pure di prevedere delle deroghe per le attività economiche rientranti nella lista dei casi di rigore avviate ex novo dopo il 1 marzo 2020 da parte di persone già residenti in^Ticino (con permesso di soggiorno valido) prima di questa data, che abbiano effettuato importanti investimenti personali, prelevato averi pensionistici LPP, e contratto debiti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-22 19:24:58 | 91.208.130.86