«Abbiamo bisogno di aiuti subito, non tra un mese o due»
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
In Ticino ci sono 9’827 aziende fantasma
A livello nazionale, quasi il 30% di tutte le aziende iscritte nel registro di commercio risultano essere inattive
CANTONE
1 ora
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
1 ora
I test anche alla Clinica Moncucco
È stata riattivata una check-line che consente l'esecuzione di test-Covid senza appuntamento
LUGANO
2 ore
Trent'anni contro gli abusi sui minori
La missione della fondazione è la protezione dei bambini da qualsiasi forma di violenza.
ASCONA / BRISSAGO
2 ore
Frana in zona Moscia, al via tre mesi di lavori
Verranno posate delle nuove reti di protezione. Sono però da prevedere disagi alla circolazione stradale.
LUGANO
3 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
4 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
5 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
CANTONE
13 ore
Pareggio dei conti entro il 2025, vince (di poco) la destra
Un Gran Consiglio spaccato in due ha approvato di misura l'iniziativa di Sergio Morisoli.
CANTONE
15 ore
Quella fattura piena che delude alcuni esercenti
Tasse sulla vendita di alcolici e per il promovimento turistico: niente sconti pandemici nel 2021. E c'è chi si sfoga.
CANTONE
13.01.2021 - 18:170
Aggiornamento : 19:27

«Abbiamo bisogno di aiuti subito, non tra un mese o due»

Claudia Pagliari e Rupen Nacaroglu, rappresentanti dei commercianti, invocano un sostegno pubblico rapido. Il video.

Berna decide di chiudere i "negozi non essenziali" fino alla fine di febbraio. Guarda la doppia intervista su Piazza Ticino.

BELLINZONA/ LUGANO - Gran parte dei negozi che non trattano beni essenziali dovranno restare chiusi fino a fine febbraio. Lo ha deciso il Consiglio federale. Si tratta di una delle ulteriori misure anti Covid-19 comunicate nel pomeriggio di mercoledì a Berna. Su piazzaticino.ch, la piazza virtuale di Tio/20Minuti, ne abbiamo discusso con Claudia Pagliari, presidente dell'Associazione commercianti di Bellinzona e con Rupen Nacaroglu, presidente della Società dei commercianti di Lugano. 

Una decisione attesa, ma ora... – «Ci aspettavamo una simile presa di posizione – ammette Pagliari –. Coi ristoranti e i bar chiusi non c'era affluenza in città. Era quasi come essere già chiusi». «Da una parte c'è sconforto per le prossime settimane – aggiunge Nacaroglu –. Dall'altra si taglia la testa al toro. Questo equilibrismo tra le misure non era più sostenibile. La chiusura dei negozi è dannosissima. Ma adesso bisogna concentrarsi affinché l'autorità sia in grado di elargire gli aiuti economici per fare in modo che a inizio marzo tutti possano riaprire».

Paura per i possibili licenziamenti – Pagliari, raccogliendo le voci di molti colleghi, è preoccupata per i possibili licenziamenti. «Bisogna cercare di non ritrovarsi con una valanga di disoccupati. Ci sono negozianti che hanno del personale da mantenere. Noi indipendenti, inoltre, vorremmo arrivare al post pandemia ancora in vita». «Quando si fa un fatturato pari a zero per un paio di mesi – riprende Nacaroglu – significa che poi devi fare il massimo per altrettanto tempo. Praticamente impossibile. Ecco perché gli aiuti saranno vitali. Il Cantone e la Confederazione dovranno dimostrarsi veramente reattivi».

La vita è adesso – I piccoli negozi spesso sono aziende di famiglia. In cui sovente i componenti sono soci delle stesse Sagl o sono indipendenti. «E in cui – precisa Nacaroglu – non si ha neanche diritto al lavoro ridotto. Gli aiuti devono arrivare adesso. Non tra un mese o due». «Dobbiamo pagare anche i nostri fornitori – sostiene Pagliari –. Pur non potendo vendere la merce. I clienti potranno ordinare un prodotto da noi e venire a ritirarlo. Ma questo non è paragonabile alla normalità». 

Una lunga attesa – Nacaroglu torna a battere il chiodo nell'ottica di un rilancio da marzo in poi. «Al momento è importante essere uniti. Sappiamo che ci sono 100.000 richieste per casi di rigore in tutta la Svizzera. Conosco imprenditori che hanno avanzato richieste a ottobre e non hanno ancora ricevuto risposte adesso, a metà gennaio». «Anche dalle nostre parti è così – dice Pagliari –. Sento commercianti convinti che non riceveranno mai un soldo. O che riceveranno un aiuto quando sarà troppo tardi».

«Il numero degli impiegati che smaltiscono le pratiche va potenziato» – Perché questi ritardi? «Immagino che, essendo cambiate delle misure, si sono dovute riesaminare tante domande», ipotizza Pagliari. «Ho troppi soci che non hanno ancora visto un soldo – conclude Nacaroglu –. Dopo le ultime decisioni, le autorità devono veramente potenziare il numero degli impiegati che smaltiscono queste pratiche».  

GUARDA LA DOPPIA INTERVISTA VIDEO COMPLETA

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 11:41:20 | 91.208.130.89