Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 min
L'elettricità di 150'000 famiglie per il secondo tubo del San Gottardo
L'energia necessaria per la realizzazione del traforo sarà fornita da un consorzio che unisce AET ed EWA-energieuri
LOCARNO
44 min
Compleanno d'eccezione, 101 candeline a Locarno
La signora Mariuccia Croce è autonoma e risiede ancora nella sua casa.
CANTONE
55 min
L'intelligenza artificiale che tiene sotto controllo il cuore
Ecco un progetto “made in Ticino” pensato per i pazienti affetti da disturbo del ritmo cardiaco su base genetica
CANTONE
2 ore
Covid in Ticino: 21 nuovi casi, stabili i ricoverati
Non si contano nuove vittime della malattia. Sette le classi tuttora in quarantena.
CANTONE
3 ore
È scontro politico sulle ispettrici contro la disparità di genere
Iniziativa contro il dumping, la Commissione propone lo stralcio del concorso al femminile: «Sarebbe discriminatorio»
CANTONE
5 ore
Insetti nel piatto? Ai ticinesi è passato l'appetito
Da Migros saranno tolti dall'assortimento. Nei negozi Coop le vendite restano stabili
BOLOGNA/LUGANO
6 ore
«Io, madre di un terrorista cerco la pace nel dolore»
È una mamma forte e coraggiosa, il cui figlio ha preso parte a un attentato dove hanno perso la vita 8 persone.
CANTONE
6 ore
Vaccinazione indotta dal Pass: «La fiammata si è già spenta»
L'obbligo di certificato per numerose attività ha spinto molti ad annunciarsi per farsi vaccinare.
CONFINE
13 ore
L'accoltellatore in Svizzera? È subito polemica
Dalla Lega si alzano voci di protesta, dopo la richiesta italiana. Quadri interpella il Consiglio federale
CASTIONE-ARBEDO
15 ore
La palestra dei non vaccinati è fuori legge
Lo confermano, interpellate sul caso del centro fitness Gymnasium, le autorità cantonali.
CANTONE
17 ore
Ecco il contratto dello scandalo
In anteprima il Ccl che Nando Ceruso non ha voluto mostrare alla stampa
CANTONE
19 ore
«Nessun essere umano può essere costretto a vivere sottoterra»
La campagna, che chiede la chiusura del bunker di Camorino come centro per richiedenti asilo, ha raccolto 1'580 firme.
CANTONE
12.01.2021 - 10:460
Aggiornamento : 14:54

UBS: saranno Gordola, Giubiasco e Melide a chiudere

Le filiali ticinesi toccate dalla riorganizzazione della principale banca svizzera sono tre.

A queste si aggiunge anche quella di Poschiavo.

LUGANO - Saranno le filiali di Gordola, Giubiasco e Melide a essere toccate dal ridimensionamento annunciato nelle scorse ore da UBS. A chiedere i battenti nei prossimi mesi, oltre alle tre sedi ticinesi, ci sarà anche quella di Poschiavo. 

La notizia positiva è invece quella che non sono previsti licenziamenti, come anticipa la Rsi. Le 15 persone attualmente impiegate a Gordola, Giubiasco e Melide verranno trasferite nelle filiali principali di Locarno, Bellinzona e Lugano.

A livello svizzero saranno invece in tutto 44 (su 240) le succursali toccate dal provvedimento. Le quali si aggiungono alle 28 unità già soppresse lo scorso anno. Lo ha confermato oggi alla "Neue Zürcher Zeitung" Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera della grande banca.

A sparire, come preannunciato, saranno piccole filiali. Stando alla NZZ, le chiusure avverranno in tempi brevi e saranno ripartite su tutto il territorio.

Consumatori verso servizi digitali - Il manager ha spiegato tramite una similitudine perchè l'istituto abbia optato per tale provvedimento. Non è possibile continuare a mantenere un negozietto di paese se i clienti fanno acquisti online o preferiscono recarsi presso i supermercati, ha affermato Lehmann, che lascerà la sua carica a Sabine Keller-Busse da febbraio. Insomma, le abitudini dei consumatori si stanno spostando verso i servizi digitali e la pandemia non ha fatto altro che accelerare questo cambiamento.

La misura era nell'aria da tempo. Ieri, le testate di CH Media hanno riferito di come l'istituto fosse pronto a far scomparire quaranta filiali. Già a novembre invece, il sito web Inside Paradeplatz aveva parlato di una cinquantina di chiusure.

La scorsa estate un provvedimento simile è stato annunciato anche da Credit Suisse. Il numero due bancario svizzero è intenzionato a ridurre da 146 a 109 le proprie succursali nella Confederazione.

Decisione «incomprensibile» - Nell'ambito dell'adattamento della sua rete, UBS vuole concentrarsi maggiormente sui suoi siti più grandi. Nella misura del possibile e d'intesa con i rappresentanti del personale, UBS prevede di trasferire i dipendenti interessati in altre filiali o in altri settori di attività.

Le reazioni non si sono fatte attendere. Criticando la decisione di UBS, l'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) la giudica «irragionevole» visto il contesto attuale della pandemia di Covid-19 e di un eventuale giro di vite delle misure di lotta da parte del Consiglio federale. Ciò provocherà una grande incertezza, anzitutto per i dipendenti, ma anche per la piazza finanziaria e avrà conseguenze sull'insieme dell'economia, scrive l'ASIB in una nota odierna, nella quale chiede all'istituto bancario di sospendere la decisione.

L'ASIB osserva che il numero uno bancario elvetico ha «guadagnato molto durante e a causa della pandemia, non solo grazie alla concessione di prestiti, ma anche grazie alla garanzia statale accordata a numerose PMI», di cui UBS beneficia indirettamente. Il fenomeno dovrebbe riflettersi sui risultati del quarto trimestre 2020 «sotto forma di un utile supplementare, il che rende la decisione di chiudere le filiali ancor più incomprensibile e testimonia una mancanza di solidarietà e di responsabilità sociale».

Densità elevata - In generale la densità della rete bancaria, che rimane forte in Svizzera, si riduce da diversi anni a questa parte. Stando alle statistiche della Banca nazionale svizzera (BNS), il numero di succursali è diminuito del 18% tra il 2009 e il 2019, a 2'448. Soltanto le due grandi banche elvetiche ne hanno chiuse non meno di 80 nell'arco di un decennio.

L'anno scorso, la Svizzera contava 39 agenzie bancarie per 100'000 abitanti, secondo la BNS. A titolo di paragone, nell'UE si hanno 23,5 agenzie per 100'000 abitanti.

Se taluni istituti razionalizzano la loro rete sul territorio, altri proseguono lo sviluppo delle loro filiali. Un anno fa il gruppo Valiant, attualmente presente in 97 località svizzere e tredici cantoni, si è fissato quale obiettivo di aprire 14 nuove succursali. Con 71 filiali, anche la Banca Migros si trova in una fase di espansione. Con 847 "agenzie bancarie" il gruppo Raiffeisen può vantare la rete più densa in Svizzera.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-16 12:42:08 | 91.208.130.89