Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
38 min
Cinquanta milioni in più per i casi di rigore
Il Governo ha presentato il messaggio per l’aumento della dotazione finanziaria a sostegno delle aziende.
CANTONE
50 min
Consuntivo influenzato dalla pandemia
Il 2020 si chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi
MELIDE
56 min
Allenarsi e divertirsi sognando il Milan
A Melide torna il Milan Academy Junior Camp, aperto ai bambini/ragazzi dai 6 ai 15 anni
CANTONE
1 ora
Il 144 ha traslocato
Dopo oltre un ventennio di attività nel Luganese, la FCTSA si è spostata alla CECAL
CANTONE / GRIGIONI
2 ore
Dalla Mesolcina un'interrogazione per salvare le carte giornaliere
Anche il Granconsigliere retico Samuele Censi si oppone alla decisione di abolirle presa da Alliance Swisspass.
LUGANO
2 ore
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
3 ore
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
6 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
7 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
13 ore
Un'alternativa per l'autogestione? «Nel Luganese non c'è»
La risposta del Consiglio di Stato a un'interpellanza della Lega
CANTONE
15 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
11.01.2021 - 06:050
Aggiornamento : 11:27

«SanPa? Uscire da una dipendenza per entrare in un'altra»

I ricordi critici di due operatori sociali ticinesi sulla comunità di Muccioli al centro di un docufilm di Netflix

Patrizio Broggi, fondatore di Antenna Icaro: «Era un mondo a parte da cui molti non uscivano più». Gerri Beretta Piccoli: «Una fabbrica. Preferivo un approccio più a misura d'uomo»

LUGANO - Per qualcuno un santo a cui affidarsi, ma per molti di più «una fabbrica» e «un mondo a parte» da cui era meglio stare lontani. Anche vista dal Ticino la San Patrignano degli anni ‘80, la famosa comunità di recupero per tossicodipendenti fondata da Vincenzo Muccioli a Coriano, provincia di Rimini, mantiene intatta la sua cappa di ombre. Ombre che un docufilm di Netflix ha da poco riportato d'attualità.  

Il metodo Muccioli - Una diffidenza, ricordano due operatori sociali attivi allora in Ticino, che precede le gravi vicende riesumate dal documentario. Di fatto la ricetta di Muccioli da noi non convinceva già prima dell’emergere dei maltrattamenti culminati nel cosiddetto “processo delle catene” al padre-padrone della comunità. E poi aggravati dai suicidi e da una morte violenta.

Il Ticino guardava altrove - Eppure qualche tossicodipendente che in quegli anni dal Ticino andò a San Patrignano ci fu. «Ma non sono mai stati inviati da noi» ricorda Patrizio Broggi, fondatore nel 1981 dell’Antenna Icaro che ha diretto fino al 2004. «Finché non vennero aperte delle strutture residenziali anche nel nostro cantone, si lavorava soprattutto con la Svizzera francese. A Ginevra ce n’erano due, c’era inoltre il “Levant” a Losanna e le “Rives du Rhône” in Vallese. E altre nella parte Svizzera tedesca, la più conosciuta vicino a Bienne».

Il reinserimento mancato - L’Italia? «Era un’opzione. Ma ci rivolgevamo solo a strutture convenzionate con le Asl (le Aziende sanitarie locali, ndr), dove c’era un controllo dello Stato. Non a San Patrignano». Determinante nella scelta, ricorda l’operatore sociale, «era il fatto che queste strutture facessero della riabilitazione e del rientro del tossicodipendente nella società il loro obiettivo di recupero dichiarato. Cosa che invece San Patrignano non ha mai fatto».

Un piccolo mondo chiuso - La forza di San Patrignano era anche il suo limite. «Non nego che le persone lì potessero anche sentirsi bene. Ma chi entrava non veniva formato a uscire. C’era tutto, dagli ospedali agli asili, alla scuola. Ma era un mondo a parte, la nostra idea invece è sempre stata quella di aiutare le persone a tornare nel mondo reale. Uscire da una dipendenza per entrare in un’altra non mi è mai sembrata la soluzione» sottolinea Broggi. 

Le altre strade di Gerri - Anche Fausto “Gerri” Beretta Piccoli, una vita da operatore sociale di strada, conosce molto bene la realtà ticinese dei primi anni ottanta: «In Ticino ricordo che c’era un’organizzazione a Molino Nuovo che faceva da antenna per San Patrignano. A loro, personalmente, non ho mai inviato nessuno».  Anche lui è scettico sul metodo Muccioli: «Non mi piaceva il suo sistema, tutto incentrato sulla sua persona. Lavoravo invece molto bene in Svizzera con le “Rives du Rhône” a Sion dove i ragazzi trascorrevano magari un mese nel deserto o facevano la “Haute Route” con le pelli di foca o, alla fine del loro percorso, il cammino verso Compostela. Cose particolari, ma i risultati c’erano» ricorda l'operatore.

La critica? Era una fabbrica - In Italia, invece, continua Beretta Piccoli, «ho un buon ricordo delle comunità Mondo X di Padre Eligio. Erano i cosiddetti “cattivi” perché lì la vita era molto rigida, una specie di caserma, ma le persone che ho mandato sono tornate pulite e qualcuno è riuscito a rifarsi una buona vita». La pecca di San Patrignano? «Dopo gli inizi erano cresciuti a dismisura diventando una specie di fabbrica dove, ad esempio, in mensa venivano serviti pasti a turni di 500 persone. Preferivo un approccio più a misura d'uomo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 13:26:08 | 91.208.130.86