«Un altro lockdown è evitabile: ecco come fare»
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
FAIDO
1 ora
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
6 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
7 ore
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
8 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
14 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
14 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
14 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
1 gior
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
12.10.2020 - 20:040
Aggiornamento : 20:35

«Un altro lockdown è evitabile: ecco come fare»

Il Covid avanza? L'infettivologo Christian Garzoni, ospite di piazzaticino.ch. Guarda il video.

«Rispettiamo le regole e potremo essere sereni. Le cifre di oggi non sono paragonabili a quelle della primavera. E occhio a non farsi condizionare dalla tivù della vicina Italia».

LUGANO - Il Covid-19 è tornato. Di prepotenza. Almeno a livello numerico. Siamo davvero nel pieno della seconda ondata? Lo abbiamo chiesto a Christian Garzoni, infettivologo. Il "dottor coronavirus" della Svizzera italiana è stato ospite su piazzaticino.ch. «È evidente che i numeri sono in aumento. Non sarà comunque un'ondata da tsunami come quella di marzo e aprile». 

Dire, come qualcuno ha fatto, che siamo tornati ai livelli di aprile è assurdo: la maggior parte dei contagiati ha sintomi lievi e gli ospedali sono piuttosto vuoti. 
«La situazione in aprile era completamente diversa. In aprile venivano testate solo le persone gravi che venivano ricoverate. Ora i tamponi sono fatti su tutti i pazienti. La percentuale di persone malate e di quelle che finiranno in cure intense resterà comunque, più o meno, la stessa».

Il consigliere federale Alain Berset non esclude possibili lockdown regionali. La parola lockdown fa paura...
«La chiusura totale in primavera è stata una misura estrema per impedire il blocco degli ospedali. Adesso le condizioni sono differenti. Il virus circola ancora, in maniera diversa rispetto all'estate. Tocca alla popolazione fare il proprio dovere. Se ognuno di noi fa attenzione, non serve alcun lockdown. La metà delle persone che ha un Covid non ha sintomi. Occorre, però, non trasmetterlo agli altri. Lavandosi le mani, tenendo le distanze e usando la mascherina nei luoghi stabiliti». 

Il Covid l'abbiamo conosciuto a fine inverno. Ora l'inverno ce l'abbiamo davanti. Come si fa a non andare in paranoia?
«Ripeto: se tutti fanno attenzione, il rischio è contenuto. È delicato il discorso sulle persone a rischio. So che gli anziani, ad esempio, hanno paura di incontrare gli altri. Ma con i giusti accorgimenti è possibile incontrare chiunque. Se facciamo quello che dobbiamo, noi quest'inverno potremo fare una vita più o meno normale. Dipende veramente da noi e dalla nostra responsabilità individuale».

I ticinesi spesso si fanno condizionare dalla tivù italiana, che ha puntualmente ripreso a fare terrorismo. Meglio cambiare canale?
«Il terrorismo mediatico non serve a nulla. Il tema della comunicazione è importante. Bisogna spiegare in maniera semplice come funziona un'epidemia. Il virus, d'altronde, si trasmette proprio in modo semplice. La paura non ci aiuta a superare un periodo difficile. L'inverno sarà lungo, sarà magari anche logorante. Ma se la popolazione riesce a fare in modo di tenere i numeri bassi, l'economia, la scuola e la vita sociale non si fermeranno». 

Lei è stato uno dei primi in Ticino a parlare di Covid. Ora tutti la cercano. Come vive questa notorietà?
«Avevo una vita appagante già prima. Avrei fatto a meno di questa storia che ci è piombata addosso. Ho comunque assunto volentieri il ruolo di comunicatore. I feedback che ricevo sono buoni. La gente ha bisogno di pochi messaggi, chiari».

Cosa pensa dei negazionisti?
«Credo che ci siano sufficienti elementi per stabilire che il Covid è un problema reale. Ognuno può avere una sensibilità diversa, ci mancherebbe. Non perdo tempo a convincere qualcuno che ha già tutti gli elementi per capire come stanno le cose». 

Parliamo della mascherina? A molti pesa indossarla. Ora è obbligatoria anche nei negozi...
«Capisco che possa non piacere. So che molti la vedono come un grosso fastidio. La mascherina protegge la gente dal Covid e da tutti i virus. Saremo meno malati, dovremo andare meno dal medico. E nella situazione attuale è indubbiamente una buona cosa».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 00:24:48 | 91.208.130.87