Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
7 min
Turismo in Ticino: gli hotel fanno meglio del 2019
A livello svizzero, nel primo semestre di quest'anno il settore è in ripresa con 11,4 milioni di pernottamenti
LUGANO
33 min
Il delitto alla pensione La Santa ritorna in aula
La procura e l'accusa hanno deciso d'interporre ricorso contro la sentenza emessa lo scorso 19 maggio.
LOCARNO
3 ore
Da questa sera Piazza Grande si riaccende nel nome del cinema
Parte proprio oggi il Film Festival Locarno, tre cose da sapere (più una) sull'edizione che ha voluto sfidare il Covid
CANTONE
3 ore
Dagli States senza QR code, ecco cosa fare
Negli USA rilasciano esclusivamente una tessera che attesta l'avvenuta vaccinazione.
SONDAGGIO
CANTONE
3 ore
Al ristorante con le restrizioni? «I clienti sono stufi»
Il settore è confrontato con gli avventori che non vogliono più fornire i dati di contatto, «dicendo che sono vaccinati»
CROGLIO
13 ore
La strada è troppo stretta e il trasloco diventa fuorilegge
Una ditta di trasporti ha dovuto ricorrere a un furgoncino per poter effettuare un trasloco nel Malcantone.
LOCARNO
14 ore
I diciotto anni del Casinò di Locarno
Era il 3 agosto del 2003 quando avveniva l'inaugurazione della casa da gioco sulle rive del Verbano
BARBENGO
14 ore
Colpa dell'uomo e del maltempo
Individuata la causa dell'inquinamento avvenuto oggi nel riale Scairolo
LUGANO
14 ore
È morta Celestina Daccò
La mecenate luganese è deceduta stamani a 102 anni
LOCARNO
15 ore
I giovani cineasti alla conquista del Pardo
Al PalaCinema arriva la rassegna "Scuole senza frontiere 2021"
CANTONE
12.10.2020 - 06:000

«Così le cose non cambieranno mai, i dipendenti ci temono»

Lo sfogo di Giovanni Scolari, sindacalista OCST, dopo il "caso Faulhaber": «Spesso andiamo sul posto e veniamo ignorati».

Il Ticino continua a essere terra di pressioni aziendali e di paghe “all’italiana”. Una situazione che non si sblocca, a quanto pare anche per colpa dei lavoratori stessi.

LUGANO - Le eccessive pressioni aziendali e le paghe “all’italiana” tornano d’attualità in Ticino. Soprattutto dopo il caso trattato da Tio/20 Minuti in merito alla Faulhaber Minimotor di Croglio. Diverse le reazioni da parte di ex dipendenti o di persone a conoscenza di fatti verificatisi anche in altre imprese della fascia di confine. Trapela un sentimento di rassegnazione e di scoraggiamento. Con i sindacati confrontati col muro del silenzio, eretto dagli stessi dipendenti, timorosi di perdere il lavoro. Come se il Ticino dovesse per forza essere condannato a essere il “terzo mondo” della Svizzera. 

Ecco cosa accade sul posto – Paradossale se si pensa ai continui proclami della politica e dei sindacati per un clima di lavoro più disteso e per stipendi più equi. Giovanni Scolari, sindacalista OCST, ha uno sguardo a 360 gradi sul contesto imprenditoriale locale. E una sua spiegazione ce l’ha. «I dipendenti non vogliono parlare con noi – sostiene –. Quando ci presentiamo sul posto, in seguito a una o più segnalazioni, ci evitano. Lo abbiamo constatato di recente anche per la Faulhaber di Croglio. Ci era arrivata una segnalazione fondata, in particolare in merito ai turni. Siamo andati sul posto e la maggior parte dei collaboratori dell’azienda ci ha ignorati».

Un comportamento omertoso – Alla base di questo atteggiamento omertoso ci sarebbe spesso la paura di perdere il proprio impiego. Una scusa che, secondo Scolari, non regge. «Tutti sanno che trattiamo i casi in maniera confidenziale. Addirittura incontriamo il personale in luoghi neutrali, insospettabili. Proprio per una questione di tutela. Quando ci sono problematiche, siamo sempre pronti a intervenire. Ma se troviamo un muro, non possiamo farci niente. Il lavoratore non può pretendere che si risolvano i problemi se non c’è un dialogo coi sindacati».

Così tutto resta bloccato – E si tratta di situazioni che si presentano di frequente. «Ci capita spesso di essere chiamati in causa – ammette il sindacalista –. Il caso della Faulhaber non è isolato. Parlo di aziende in cui non esiste un contratto collettivo di lavoro. C’è una sorta di timore reverenziale nei nostri confronti. Il lavoratore quando deve parlare tace. E così tutto resta bloccato». 

Operai sottopagati – La questione dei salari è delicatissima. In alcune aziende ticinesi ci sarebbero operai a tempo pieno pagati attorno ai 2.000 franchi. Come si può continuare a tollerare una cosa del genere? E perché chi assume un operaio dall’estero, solitamente dall’Italia, continua a volerlo pagare di meno, nonostante le continue raccomandazioni (…) dall’alto sull'equità dei salari?

Stipendi da 16 franchi e 50 all’ora – «Il fatto è che queste segnalazioni arrivano magari ai media, ma non a noi. Se ci sono problemi, che la gente ce lo dica. Al momento ufficialmente non risultano esserci paghe così basse in circolazione. Ma siamo aperti a eventuali sorprese. Ci sono, comunque, stipendi che si aggirano attorno ai 16 franchi e 50 all’ora. E non si può certo dire che vadano bene. Paghe ancora più basse? C’è una difficoltà nel riuscire a dimostrare la pertinenza di varie voci che circolano. Proprio perché il dipendente sovente non collabora».  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-04 09:06:05 | 91.208.130.86