Keystone
LUGANO
31.07.2020 - 10:240

«No, le bici non saranno la panacea a tutti i mali». Ma aiutano

Secca smentita del Municipio alle critiche del consigliere comunale Ugo Cancelli

LUGANO - La risposta del Municipio di Lugano è secca e decisa. Ed è un “No”.  Le misure adottate per favore la mobilità lenta non vanno intese con l’idea che i ciclisti possono ora fare tutto e non rispettare le norme di circolazione. La precisazione del Municipio di Lugano è contenuta nella risposta all’interrogazione che il deputato PLR Ugo Cancelli aveva presentato lo scorso maggio, in piena pandemia, lamentandosi di un Municipio che avrebbe “ceduto per pura opportunità” alle lobby dei "biciclettari" e di Pro Velo.

Come si ricorderà, nella sua interrogazione Cancelli - puntando il dito contro la decisione di favorire la mobilità lenta - non passasse il “messaggio sbagliato che a chi circola con le due ruote tutto sia permesso e non debba rispettare le regole della circolazione e i divieti”. 

Macché, dice il Municipio. “Al contrario, le misure previste in favore della mobilità lenta vogliono favorire il rispetto delle norme dei conducenti di velocipedi in Città e per i conducenti di biciclette e di e-bike». Nella sua risposta il Municipio ci tiene a precisare che biciclette, e-bike, monopattini elettrici, «non devono circolare sui marciapiedi o nelle zone pedonali o laddove non è espressamente autorizzato. In questi spazi riservati ai pedoni si deve scendere dalla bicicletta e camminare, per rispetto e per la sicurezza dei pedoni».

Insomma la mobilità lenta non è una panacea per rilanciare le attività, il turismo e il commercio cittadino, come accusava Ugo Cancelli. «Le misure a favore delle biciclette possono aiutare la popolazione a raggiungere il centro città, compreso chi intende recarsi nei commerci cittadini e usufruire delle varie attività presenti in centro. Nel caso specifico della pandemia, la promozione della bicicletta anche tramite l’aumento della sicurezza per gli utenti, offre un’alternativa all’utilizzo dei mezzi pubblici» fa notare il Municipio.

Infine Cancelli faceva pure notare se con tutti i problemi più seri che la Città deve affrontare durante il lockdown (turismo, ristorazione, commercio, sostegno ai disoccupati, alle persone in difficoltà) si giustificasse l’investimento per la mobilità lenta. Anche in questo caso il Municipio mette in riga Cancelli elencando tutte misure che sono state adottate dalla politica a sostegno dell’economia locale.

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lucadue 2 mesi fa su tio
Se non altro, le molte biciclette e l'indisciplina dei ciclisti sono un valido contributo alla moderazione del traffico urbano.
Alex D'Agosta 2 mesi fa su fb
Peccato che ci siano così poche discussioni. La materia meritava molto, molto approfondimento.
Roberto Oliboni 2 mesi fa su fb
Ci mancherebbe altro!
Andrea Bettoni 2 mesi fa su fb
una città congestionata perennemente dal traffico in cui, invece di potenziare l'inesistente rete di piste ciclabili, ci si interroga sulle "lobby dei biciclettari"
jena 2 mesi fa su tio
alla ventesima fetta qualcuno si é accorto che non é polenta....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 05:12:09 | 91.208.130.86