Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
1 ora
«Poca chiarezza sulle nuove antenne»
A Locarno saranno sostituiti tre impianti, ma non si sa se si tratti di 5G. Scatta l'interrogazione
CANTONE
1 ora
Brutti ma buoni contro lo spreco alimentare
«I due terzi dei consumatori sono disposti ad acquistare una quantità maggiore di questi prodotti»
CANTONE
2 ore
Cinque nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'458. Il numero di decessi resta fermo a 350.
LOCARNO
2 ore
Utilizzo del suolo pubblico: «Un successo da mantenere»
Diversi consiglieri comunali chiedono che l'eccezione introdotta dopo il lockdown diventi una nuova normalità.
CANTONE
3 ore
Un coleottero ci salverà dall'ambrosia?
Sta tornando il polline della pianta. Ma c'è un animale che in futuro potrebbe indebolirla
BELLINZONA
4 ore
Perchè il mercato di Bellinzona ha successo?
Carlo Banfi, responsabile del mercato, ci svela i segreti della popolarità dell’appuntamento all'ombra dei castelli
CANTONE
4 ore
Annegare è un attimo
La Società di Salvataggio mette in guardia sui pericoli in acqua. «Importante sensibilizzare»
CANTONE
6 ore
«Volevo bere qualcosa ma mi hanno mandato via»
Il gerente: «abbiamo dei divanetti lounge adibiti, ma erano pieni»
LUGANO
6 ore
Yoga nudi per accettare i propri difetti
Dawio Bordoli, 56 anni, fa il "ricercatore spirituale". Una figura su cui molti sono scettici. Ecco i suoi segreti.
CANTONE
17 ore
È morto Oviedo Marzorini
Classe 1945, è stato primo cittadino ticinese fra il 2004 e il 2005.
SVIZZERA
18 ore
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
BELLINZONA
20 ore
Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”
Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani
CANTONE
21 ore
Il Ticino torna a scuola, «ma le lacune non mancano»
Il SISA prende posizione: per una scuola davvero normale occorre annullare le disparità e introdurre misure di sostegno.
FOTO
CANTONE
22 ore
Il livello dell'acqua scende, il Lago Maggiore "ha sete"
Con 192.53 metri sul livello del mare, il Verbano si sta avvicinando ai minimi storici.
CANTONE
07.07.2020 - 06:300
Aggiornamento : 11:19

«Prima venivano diagnosticati solo i casi gravi, adesso li identifichiamo tutti»

Covid-19: numeri di nuovo in crescita. Ma pochi ospedalizzati. Perché? Il medico Christian Garzoni fa "chiarezza".

Ancora dubbi sulle cifre diramate dalle autorità. «Sarà sempre difficile stabilire se una persona è morta di coronavirus o col coronavirus. Spero in un obbligo generalizzato dell'uso della mascherina».

LUGANO - Sono 450 le persone attualmente in isolamento da Covid-19 in Ticino. A colpire, però, è soprattutto il numero degli ospedalizzati: zero. Nel resto della Svizzera si registrano un centinaio di nuovi casi al giorno. Ma restano ugualmente bassi i numeri dei ricoveri. La malattia è meno potente rispetto a qualche mese fa? L'organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) continua a sostenere che il nuovo coronavirus non ha subito particolari mutazioni. Dove sta la verità? Christian Garzoni, direttore sanitario della Clinica Luganese Moncucco e specialista in malattie infettive, è categorico: «Il virus ha subito delle micro mutazioni, ma non è dimostrato assolutamente che influenzino la sua aggressività. Anche virologi importanti confermano la tesi dell'OMS».


Dopo la recente ricrescita dei contagi in Svizzera, c'è un po' di confusione. A colpire è soprattutto il fatto che pochi pazienti vengono ospedalizzati. Ci aiuta a fare un po' di ordine?
«Durante il lockdown venivano diagnosticati solo i casi gravi. È questa la grande differenza rispetto a oggi. I dati della sieroprevalenza presentati oggi dicono che circa il 10% della popolazione è entrata in contatto con il virus. Quindi a stima forse 30-35.000 persone in Ticino, durante la prima ondata. Di questi, solo una minima parte è stata ricoverata. Adesso invece ogni minimo caso viene diagnosticato e in media forse un paziente su 30-50 finisce in ospedale. Ma i dati non sono definitivi. Era così in primavera ed è così anche oggi, solo che in primavera si conoscevano solo i casi molto gravi e proporzionalmente una grande parte di questi era ricoverata. Adesso invece diagnostichiamo tutti quelli che hanno il minimo sintomo. È quindi normale che si hanno meno casi ospedalizzati rispetto alla primavera. Ma la proporzione non sembra cambiata di tanto: in Ticino non arriviamo a 50 casi positivi nelle ultime settimane ed è normale non averne in ospedale.


Sui numeri c'è sempre stata un po' di polemica. A questo punto a giusta ragione?
«Non ne vedo il motivo. Abbiamo imparato a conoscere il virus settimana dopo settimana. Ora si riesce a diagnosticare ogni caso perché abbiamo le condizioni per farlo e conosciamo meglio la malattia e le sue cure.».


In diversi si chiedono dove sono finiti tutti i morti di influenza, di cancro e quant'altro. A un certo punto sembrava esserci solo il Covid. 
«Alcune persone erano già gravemente malate. E il Covid ha peggiorato in maniera decisiva la loro condizione. Altre avevano malattie croniche e hanno tardato ad andare dal medico. Infatti, subito dopo il lockdown, c’è stato un eccesso di decessi dovuto alle patologie non-Covid, proprio a causa di questi ritardi. Detto ciò, sarà spesso difficile definire se una persona è morta di Covid o col Covid. La medicina non è sempre o bianca o nera. Prendiamo l'esempio di un paziente con un brutto tumore, ma che non è terminale. Muore col Covid. I registri diranno che è morto di Covid. Anche se in realtà la sua speranza di vita, senza Covid, sarebbe stata magari di qualche mese in più». 
 
In attesa del vaccino, è spuntato il Remdesivir. Che ne pensa?
«È un farmaco che già esisteva sperimentalmente durante la primavera. Si è rivelato abbastanza efficace nella gestione del Covid ed è adesso disponibile. Lo usiamo però solo per i pazienti gravi e non è purtroppo un farmaco dai risultati miracolosi».


Siamo in piena stagione turistica. È preoccupato?
«Si, lo ammetto. Le persone fanno meno attenzione. Ci sono assembramenti. E la gente si sposta per viaggiare. L'epidemia non è presente solo negli Stati tabù. Ma anche in determinate regioni del nostro Paese, in Svizzera. È molto importante dove si va e cosa si va a fare. Eviterei i bar e le discoteche di Zurigo e di Friborgo, ad esempio. Gli eventi all'aperto, invece, sono meno rischiosi. Meglio se uno va in montagna a camminare... Al chiuso circola sempre la stessa aria. Io consiglio vivamente alla gente di fare le vacanze in Ticino. Personalmente ho trovato un bel rustico in Vallemaggia».


È stata imposta la mascherina sui mezzi pubblici. Possibile che si vada oltre?
«La politica lo sta valutando seriamente. Un secondo lockdown è davvero da evitare. Quindi la speranza è che si arrivi all'obbligo della mascherina negli esercizi pubblici, nei negozi, negli uffici, e in generale negli spazi chiusi. È il momento di insistere».  


Anche perché dopo l'estate, arriva l'autunno...
«L'autunno mi fa paura. Perché si torna tutti al chiuso e ci si ammala più facilmente in generale. Dovremo gestire le influenze normali, le sindromi influenzali e il Covid. Non sarà semplice». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 12:40:01 | 91.208.130.89