Laura Ferrari
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
10 min
Si conclude il primo vaccino-tour ticinese, ma è già pronto a ripartire
Ha avuto luogo oggi a Biasca l'ultima tappa della prima vaccinazione on the road nel nostro cantone.
MENDRISIO
33 min
Una manifestazione «per salari dignitosi»
Marco D’Erchie: «Questo modo di intendere e di fare economia non solo non porta alcun beneficio».
CANTONE
1 ora
«Gobbi troppo restrittivo sugli stranieri», la denuncia dei Verdi
«Leggi che, mal interpretate, hanno pesantemente leso le libertà personali di moltissimi cittadini»
CANTONE
1 ora
Pochi centesimi in meno al mese: «Un timido passo, ma nella giusta direzione»
Il DSS ha commentato il leggerissimo calo dei premi di cassa malati per il 2022.
CANTONE
1 ora
Giornata dell’economia, tra innovazione e la chiave per ripartire
L’evento è stato l’occasione per evidenziare come il Ticino abbia saputo reagire positivamente alla crisi.
CANTONE
1 ora
Multe illegali per 28'800 franchi, ma niente rimborsi
«Sono stati sottratti illegalmente 28'800 franchi a 288 cittadini», così il copresidente del PS Fabrizio Sirica.
CANTONE
3 ore
Uno svincolo a Melano? «È la posizione più idonea ed efficace»
È terminata la fase di affinamento del potenziamento dell’autostrada da Lugano a Mendrisio (PoLuMe).
LAMONE
4 ore
Investito da un'auto: il ciclista 81enne non ce l'ha fatta
L'anziano era stato vittima di un incidente il 14 settembre in via Cantonale a Lamone.
CANTONE
6 ore
PubliBike, la rete Mendrisiotto-Basso Ceresio è quasi completa
Assieme alla rete Lugano-Malcantone diventa la terza in Svizzera per grandezza
CANTONE
6 ore
Covid in Ticino, 26 casi e ricoverati stabili
Non ci sono nuovi decessi né nuove quarantene di classe. Fermi a quota 18 gli ospedalizzati.
FOTO
CANTONE
7 ore
La scuola come laboratorio per un futuro sostenibile
Il 23 ottobre ritorna la Giornata di educazione allo sviluppo sostenibile organizzata dal DT e dal DECS.
GIORNICO
7 ore
Si torna a correre anche in Leventina
Questo sabato si svolgerà la corsa delle sette chiese di Giornico.
MENDRISIO
7 ore
Fiera di San Martino annullata: «Non vi erano altre alternative?»
Il Gruppo Lega-UDC-UDF interroga il Municipio sulla decisione di cancellare la manifestazione anche per quest'anno.
FOTO
BELLINZONA
8 ore
È stata un'estate complicata per gli animali selvatici
Tra aprile e fine agosto la Spab ha dovuto soccorrere un «numero impressionante» di bestiole in difficoltà.
CAMORINO
22.06.2020 - 10:060
Aggiornamento : 14:35

Voglio andare a vivere in capanna e lavorare a 2500 metri

Natura e semplicità: è questo che desidera Laura Ferrari, aspirante capannara che ha vissuto un’esperienza unica

di Redazione
Gaia Nannini

CAMORINO - Laura Ferrari ha 24 anni e ha frequentato la Scuola specializzata superiore alberghiera e del turismo di Bellinzona. Dopo essersi diplomata, a differenza di molti suoi compagni, non ha cercato lavoro in hotel lussuosi, ma è andata a lavorare a 2.500 metri di altitudine.

Qual è stato il suo percorso scolastico?
«Ho iniziato il liceo pensando di diventare veterinaria o studiare zoologia. Un’estate, però, ho lavorato come cameriera-barista in un albergo e così mi sono interessata alla SSSAT. L’idea di rimanere in Ticino non mi entusiasmava, ma ho svolto diverse esperienze all’estero – in Austria, in Germania e in Belgio – che mi hanno fatto conoscere luoghi e culture diversi. Poi, ho scoperto la possibilità di gestire le capanne del nostro territorio».

Normalmente, però, il futuro è in un hotel…
«È vero, l’obiettivo è quello di condurre un ristorante o un albergo al termine della formazione. Io invece ho visto la scuola come una via che mi permettesse di approfondire servizio, cucina e rapporto con i clienti. Da qui il desiderio di una struttura semplice, alla mano, immersa nel verde e nella tranquillità, dove i compiti si concretizzano in un'atmosfera diversa. È così che ho iniziato a lavorare come spalla destra del nuovo guardiano Emanuele Vellati della Capanna Cristallina a 2.572 metri, raggiungibile solo a piedi dalla Val Bedretto, dalla Val Bavona e dalla Val Lavizzara».

Una scelta inusuale considerata la sua età.
«In realtà lavorare in capanna è piuttosto impegnativo ed essere giovani aiuta a mantenere il ritmo frenetico. Sono d’accordo, però, che il bisogno dei propri spazi e la vita sociale sono difficili da mantenere. Tuttavia, ho potuto acquisire competenze manuali e tecniche fondamentali. La flessibilità e l’improvvisazione sono stati aspetti importantissimi».

Ha avuto difficoltà a vivere in vetta?
«Bisogna avere un buono spirito di adattamento, soprattutto vista la convivenza prolungata con il gestore e gli altri collaboratori, ma fortunatamente sono una ragazza che si adatta facilmente. Anche se, devo ammettere, ogni tanto mi è mancata una pizza con gli amici…».

Cosa le ha tramandato questa esperienza?
«Una crescita diversa rispetto agli stage di formazione: più pratica, legata al vivere quotidiano, alla relazione tra lavoro, guadagno, investimenti per l’attività e risparmi per la vita privata. Inoltre, ho capito la bellezza del dialogo: da una semplice conversazione con il cliente sul sentiero da percorrere, allo scambio di opinioni con un collaboratore, fino alle trattative con i fornitori. Ma i due termini che sintetizzano la mia esperienza sono flessibilità e improvvisazione».

In futuro le piacerebbe gestire una capanna?
«Sì. Purtroppo però ho avuto l’impressione, e in alcuni casi anche la conferma, che la giovane età non è sempre ben vista. Per ora, sono contenta di tornare a lavorare al centro Pro Natura Lucomagno e quando possibile continuare ad aiutare in capanna».

Per quali motivi bisognerebbe provare un soggiorno in un rifugio?
«Perché l’atmosfera che si crea tra gli ospiti e il personale che ci lavora è speciale. Ogni sera si forma una famiglia diversa: gli escursionisti imparano a conoscersi e conoscerci, ci sfidiamo a carte e alcune volte iniziamo pure a cantare!».

Alla riscoperta delle meraviglie alpine della Svizzera
Quest’anno, con il Covid-19 o quel che ne rimane, molti confederati hanno deciso di trascorrere le loro vacanze in Svizzera. «Una possibilità per riscoprire il nostro territorio e la sua offerta naturalistica», secondo Laura Ferrari. «Consiglio di provare a soggiornare in una capanna, un’esperienza unica che permette di scoprire un’ospitalità diversa e relazionarsi maggiormente con gli altri ospiti e con il personale», afferma la giovane aspirante capannara, «ma anche un modo per visitare e rivalorizzare le bellezze alpine: per i principianti propongo il giro dei Laghi del Cristallina, mentre per gli avanzati la Via Idra con partenza dal passo della Nufenen. Anche la Cima del Cristallina e la Cima di Lago sono tappe interessanti, dalle quali si può godere di una vista a quasi 360° sull’intero arco alpino». Panorami mozzafiato e soggiorni speciali potrebbe essere il must di quest’estate e, magari, «il viaggio può proseguire con l’ospite dello stesso tavolo dopo averlo sfidato a carte la sera precedente», conclude Laura.
G.N.

 

Laura Ferrari
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 16:47:21 | 91.208.130.87