tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
24 min
EFG International cede le attività retail in Ticino a BancaStato
Le parti hanno concordato di non rendere noti i dettagli economici dell’operazione.
SORENGO
58 min
La lotta contro il cancro passa da un ago
L'agopuntura è una terapia di supporto sempre più riconosciuta nelle cure oncologiche, ma ovviamente non le sostituisce
LUGANO 
1 ora
Ingrado di reggere l'inverno... ma anche il Covid
Per proteggere l'utenza fragile e debilitata dalle dipendenze verranno posati due prefabbricati all'ingresso del Centro
SHANGHAI
1 ora
«Covid, vi siete comportati malissimo»
Ambra Schillirò, giornalista e imprenditrice, bacchetta gli europei dalla Cina. Guarda il video.
CANTONE
8 ore
Presunti contagi, Locarno in testa: «Non sappiamo spiegarlo»
Luca Crivelli, Co-Responsabile del progetto Corona Immunitas Ticino: «Questa differenza sarà oggetto di studio»
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
9 ore
Schianto a Gnosca, muoiono padre e figlio di un anno
Un'automobile si è schiantata contro il muro di una chiesetta posizionata da parte alla strada cantonale.
LUGANO
11 ore
Auto contro bici a Viganello: il ciclista non ce l'ha fatta
L'uomo di 63 anni è deceduto in ospedale a causa delle gravissime ferite riportate nell'incidente di sabato pomeriggio.
CANTONE
12 ore
Permessi, si va verso l’Alta vigilanza
Il direttore del DI Norman Gobbi potrebbe essere sentito dalla Commissione della gestione già la prossima settimana
BELLINZONA
13 ore
Flavio Petraglio lascia il Rabadan
Il presidente abbandona la conduzione del carnevale di Bellinzona per motivi legati al lavoro e alla famiglia.
LUGANO
14 ore
Una festa d'autunno in versione light per il Covid-19
Per l'evento che si terrà questo weekend (tempo permettendo) verrà pedonalizzato il lungolago di Lugano.
COLDRERIO
16 ore
Merlot del Ticino agli onori
Il Ronco 2013, prodotto a Mezzana, ha vinto la Gran Medaglia d’Oro al “Mondial du Merlot et assemblages”
CANTONE
16 ore
«Voleva sopprimerla per fare la "bella vita"»
Processo in Appello, ma la richiesta di pena non cambia: carcere a vita per assassinio
CANTONE
01.05.2020 - 20:230
Aggiornamento : 22:42

«Saremo il Mediterraneo della Svizzera»

Con la chiusura dei confini, quest'estate il Ticino sarà invaso dai confederati? Intervista ad Angelo Trotta

Il direttore di Ticino Turismo è positivo sulla prossima stagione. «Circostanze difficili, ma reagiamo»

LUGANO - Il turismo soffre, lacerato dal coronavirus. Le previsioni a livello svizzero sono nere per quest'estate: le perdite nel settore rischiano di superare gli 8 miliardi.

La catastrofe si abbatterà anche sul Ticino? Il direttore di Ticino Turismo Angelo Trotta è al lavoro da mesi, per elaborare un piano di contrattacco. «La Svizzera italiana ha le sue carte da giocare» spiega. «Naturalmente, dovremo puntare molto sul turismo interno». 

Non tutto è perduto, dunque. Il 26 febbraio è stata costituita una task-force di cui fanno parte, assieme a Trotta, i quattro direttori delle Organizzazioni turistiche regionali e i vertici del settore alberghiero, della ristorazione e dei campeggi. «I risultati sono stati buoni» spiega Trotta. La prova: la riapertura degli alberghi e dei ristoranti, autorizzata nelle prossime settimane. «È il frutto di un lavoro di squadra in cui tutto il settore ha giocato insieme, instaurando un dialogo costruttivo con le autorità a tutti i livelli». 

 Sulle riaperture si sono levate anche voci critiche. C'è chi punta il dito contro il lobbismo economico. 

«Ci siamo limitati a fare presente in modo compatto le esigenze del settore. Questo vale per il turismo, ma anche per gli altri settori economici: tutte le categorie si sono mosse. Si è cercato di fare una giusta pressione, ma con il dovuto rispetto. Le decisioni poi sono state prese dall'autorità federale, autonomamente». 

Avete ottenuto quello che chiedevate?

«In parte. Abbiamo chiesto con forza che ci fosse un'apertura sincronizzata di alberghi e ristoranti. Era fondamentale. È evidente che il turista non cerca solo un posto dove dormire. Ma non siamo stati accontentati in tutto». 

Ad esempio?

«Resta il grosso punto interrogativo dei campeggi. Che ad oggi non hanno una data di riapertura. In TIcino, è un comparto importante che merita attenzione».

Quali previsioni per quest'estate?

«Difficile farne. Seguiamo costantemente l'evolversi della situazione a livello nazionale e internazionale. Al momento esistono sostanzialmente due scenari»

Ossia?

«Confini aperti, confini chiusi. Nel primo caso, è verosimile che i primi a riattivarsi saranno i flussi in entrata dall'Asia, più che dai paesi occidentali. Per il Ticino tuttavia i bacini di riferimento, fuori dalle frontiere nazionali, sono quello della Germania meridionale e del Nord Italia. Su questi punteremo, se ci saranno le condizioni per degli spostamenti tra i paesi». 

E se i confini non saranno aperti ai turisti?

«Punteremo sul turismo interno. Questa rimane comunque la strategia principale. Intensificheremo la comunicazione rivolta alla Romandia, mentre per quanto riguarda la Svizzera tedesca, che è un bacino consolidato e importante, cercheremo di raggiungere fasce della popolazione che, in passato, erano magari meno interessate al Ticino». 

Il turismo da oltre Gottardo ci salverà?

«Difficile dirlo. In passato i turisti interni erano il 70 per cento, contro un 30 per cento dall'estero. Bisognerà vedere se i confederati, non potendo andare altrove, compenseranno la possibile mancanza di turisti stranieri». 

A livello di comunicazione, avete in mente qualcosa?

«Punteremo sul fatto che siamo la regione mediterranea più vicina e accessibile, in completa sicurezza. E cercheremo di mettere in evidenza le attrattive interessanti anche per un bacino giovane». 

Le attrattive diminuiscono, però. Il Pardo, Moon&Stars sono stati cancellati. 

«Questo è sicuramente un problema. Ma il nostro territorio ha comunque molto da offrire, a livello di attività sportive, escursionismo, balneazione». 

C’è il rischio di problemi di affollamento in alcune zone come ad esempio la Verzasca? Ora gli assembramenti non vanno più di moda.

«Sicuramente sarà un tema da affrontare. Le autorità locali dovranno trovare delle soluzioni per i bagnanti. Questo vale per i fiumi ma anche per i lidi lacustri, quando riapriranno. È uno dei cantieri su cui lavorare». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 07:58:04 | 91.208.130.86