foto lettore/Ti Press
BREGGIA
05.12.2019 - 16:020
Aggiornamento : 16:43

Dopo 20 giorni l'acqua torna potabile

A Cabbio e Muggio l'acqua è rimasta troppo torbida per settimane. Ma in attesa del rinnovamento degli impianti il Comune ha le mani legate

BREGGIA - Era il 15 novembre quando a causa di un elevato livello di torbidità il Comune di Breggia aveva dichiarato la non potabilità dell'acqua a Cabbio e Muggio paese (escluse quindi le frazioni di Scudellate e Roncapiano). Per poter tornare a berla o a utilizzarla per l'igiene orale, si è dovuto attendere ben 20 giorni.

Comanda la natura - Una situazione che certamente ha creato qualche disagio alla popolazione, ma per la quale il Comune ha le mani legate. Metterci una pezza è difficile «Le Valle di Muggio si trova in una zona carsica», puntualizza Flaviano Cereghetti, responsabile dell'Azienda acqua potabile. «Quando ci sono forti temporali come quelli che ci sono stati nel mese di novembre l'acqua che si trova nel sottosuolo si riempie di impurità e esce dai parametri fissati dal Cantone». In altre parole, la qualità dell'acqua della valle non è mutata nel tempo. Ad essere cambiata è la legge, divenuta più restrittiva.

Tra il vecchio e il nuovo - Per ovviare al problema, Comune e Cantone stanno portando avanti un progetto per il rinnovamento degli impianti per l'approvvigionamento idrico. «Tutte le sorgenti della valle - spiega Cereghetti - verranno dismesse. Tutte tranne due, situate nella laterale Valle della Crotta e che andranno ad alimentare tutta la Valle di Muggio, sponda destra compresa». Ma durante la loro realizzazione bisognerà ancora far capo alle vecchie sorgenti. E mettere in conto la possibilità di non potabilità dell'acqua. 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-19 13:41:05 | 91.208.130.89