Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
CANTONE
4 ore
Giuseppe Buffi, il ricordo a 20 anni dalla sua scomparsa
Il PLR invita a una commemorazione presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona
FOTO E VIDEO
VACALLO
5 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
6 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
8 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
FOTO E VIDEO
AROGNO
9 ore
Fiamme e fumo in Val Mara
Sul posto sono giunti i pompieri. La situazione è ora sotto controllo
CANTONE
9 ore
Scuola di polizia: assunti in 50
Iniziano lunedì i corsi per aspiranti gendarmi. Tra le nuove reclute 6 donne
LUGANO-MILANO
9 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
CANTONE
10 ore
Carnevali annullati: «Soldi pubblici per compensare le perdite»
L'MPS chiede al Governo di allestire in tal senso un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio
CAPRIASCA
10 ore
Giù le maschere, tutto torna alla normalità
Senza carnevale Or Penagin, niente orari prolungati per i locali, niente rumore e nessuna autorizzazione speciale
CANTONE
11 ore
Aiuto sociale speciale entro settembre
Un'apposita commissione valuta le motivazioni
CAPRIASCA
12 ore
Una petizione per salvare Or Penagin
Su internet è stata lanciata una raccolta firme.
CANTONE
13 ore
Una preferenza per i direttori scolastici
Un'iniziativa parlamentare chiede che i collegi possano esprimere un gradimento sui candidati
LUGANO
13 ore
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
BELLINZONA
13 ore
L'arrosto del carnevale... ve lo regaliamo!
Due iniziative per salvare dalla spazzatura il cibo che non potrà essere servito a causa dello stop ai festeggiamenti
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Dumping salariale, il Governo risponde picche a Greta Gysin
Per il Consiglio federale i Cantoni dispongono già oggi delle necessarie facoltà per fissare dei salari minimi
CANTONE
13 ore
Annullati i progetti di IdéeSport per il weekend
Anche la Fondazione si allinea alle direttive delle autorità.
FOTO E VIDEO
CANTONE
14 ore
Coronavirus: alla frontiera scatta il volantinaggio
È partita oggi la campagna ai valichi ticinesi. Da domani anche nelle stazioni ferroviarie
CANTONE
14 ore
FLP, lavori serali fra Lugano e Agno
Per i viaggiatori sono stati predisposti dei bus navetta
CANTONE
14 ore
Sdoppiare la Commercio: «Se ne può parlare o è tabù?»
Dopo l'apertura mostrata dal Municipio di Mendrisio, l'MPS vuole riaprire la discussione su una seconda sede della SCC
BIASCA
17 ore
Un sostegno finanziario per il carnevale che non si fa
A Biasca si propone lo stanziamento di un contributo finanziario a copertura dei mancati guadagni
CANTONE
23.11.2019 - 16:320

Stesso curriculum: «Verrà preferito chi ha fatto esperienza all’estero»

Solo il 15-16% degli studenti svizzeri si cimenta nella mobilità studentesca. Supsi e Movetia spiegano perché è importante il viaggio di studio che ora può essere anche virtuale

LUGANO - Viaggiare per studiare, ma anche non viaggiare per essere coerenti con l’impegno contro la crisi climatica. Il tema era tra quelli, molti, affrontati giovedì e venerdì al Conservatorio della Svizzera italiana, dove si è parlato di mobilità studentesca e futuro dell’internazionalizzazione dell’istruzione superiore. L’incontro offerto dall’agenzia nazionale Movetia (promotrice di scambi e mobilità nella formazione), è stato organizzato in collaborazione con l’International Office della Supsi. Ne abbiamo parlato con Amanda Crameri, responsabile dell’istruzione superiore a Movetia.

Come si risolve questa contraddizione apparente?
«Non solo gli studenti sono davanti a una scelta... Ma anche gli istituti di istruzione superiore si trovano a dover armonizzare due strategie. Una è quella di aumentare il numero degli studenti di mobilità, l’altra è di diminuire il loro impatto in termini di emissioni di CO2. Ambedue sono obiettivi strategici».

E quindi?
«Una possibilità, prerogativa di un Paese che è al centro dell’Europa, è quella di raggiungere le destinazioni di studio in treno. Soprattutto se si parte per più mesi. Questo però ha bisogno di chiari incentivi anche a livello federale. Bisogna sostenere i costi di questa mobilità e poi sensibilizzare sulla scelta che si fa».

Quanto è importante, invece, la mobilità virtuale? A che condizioni è un arricchimento? 
«La classica mobilità del semestre o dell’anno non verrà sostituita dalla digitalizzazione. Non è questo che vogliamo. Ma occorre trovare altri modi per rendere accessibili i programmi di mobilità agli studenti che mobili non sono ancora. In Svizzera abbiamo una quota di studenti mobili del 15-16%, ciò significa che la maggioranza non ha questa esperienza internazionale. La digitalizzazione può servire ad aprire le porte, per i primi scambi, che precedono poi la partenza vera e propria».

Quali sono le mete di studio preferite dagli studenti svizzeri?
«Dal 2014, dopo la dis-associazione dal programma Erasmus Plus, è attivo lo Swiss-European Mobility Programme con cui sosteniamo lo scambio nei Paesi europei. Tra questi i più ambiti sono Germania, Francia, molto la Spagna, ma anche il Belgio e l’Olanda sono assai gettonati. Ovviamente l’Italia. E poi molti scelgono il Regno Unito e i Paesi scandinavi».

Cambiano le scelte se parliamo solo di studenti ticinesi? Sono di più o meno?
«No, le scelte sono le medesime indipendentemente dalle regioni linguistiche di provenienza. Come per il resto della Svizzera, occorre aumentare questi numeri. Anche perché quella che chiamiamo internazionalizzazione, che può tradursi nella mobilità studentesca o nella cooperazione tra istituzioni, serve a formare ed educare i lavoratori di un mondo futuro globalizzato. Quindi questa esperienza internazionale è importantissima».

Che arricchimento dà la mobilità negli studi?
«È un’esperienza che apre l’orizzonte, la mente ed è anche un soggiorno linguistico. Prepara a quei lavori del futuro che non conosciamo ancora. A questo serve la mobilità studentesca».

In un passato nemmeno remoto erano sorte preoccupazioni sulla partecipazione della Svizzera alla comunità studentesca europea. Qual è la situazione odierna?
«Al momento la situazione è ancora molto incerta, perché la prossima generazione del programma Erasmus Plus comincia nel 2021 e purtroppo non sappiamo ancora se la Svizzera potrà partecipare. Questo pone dei problemi per gli istituti che hanno bisogno di collaborare secondo lo stesso schema e le stesse regole».

Cosa direbbe ai giovani restii a partire?
«Consiglio a tutti gli studenti svizzeri di fare questa esperienza di mobilità per conoscere un orizzonte europeo. È qualcosa di molto importante e prezioso da includere nel loro percorso di studi».

Un consiglio che è condiviso dalla coordinatrice dell’evento, Annick Catella, dell’International Office della Supsi. Partire non ha prezzo? «La mobilità costa, ma è un costo che diventa relativo rispetto all’esperienza che uno studente acquisce. Un’esperienza unica che fa crescere. Non dimentichiamo inoltre che al momento di cercare un lavoro, di fronte allo stesso tipo di curriculum, verrà preferito chi ha fatto un’esperienza all’estero».

Commenti
 
anndo76 3 mesi fa su tio
quando non si hanno idee per risolvere problemi e' piu' comodo parlare della vicina Italia....e dei frontalieri ( causa di ogni male ticinese ) tristezza...
Santina Fogu 3 mesi fa su fb
Non c'è la possiamo fare proprio a non parlare dei nostri vicini di casa, dio mio quanta pochezza.
Tato50 3 mesi fa su tio
Andare qualche giorno nel Canton Uri basta ? Visto come il Ticino fa parte della Svizzera solo quando fa comodo ?
anndo76 3 mesi fa su tio
@Tato50 no, oltre Uri si richiese l'appenzello interno.....
Tato50 3 mesi fa su tio
@anndo76 Che fregata!! Ci andrò allora un paio di settimane-;)
marco17 3 mesi fa su tio
Visto il livello di certi "primanostristi" (poco nostri e molto tristi) qui sotto, capisco perché la preferenza venga data ad altri.
Bayron 3 mesi fa su tio
Dopo aver frequentato Fogazzaro e dato gli esami in quel di Napoli!!
OCP 3 mesi fa su tio
"Supsi e Movetia spiegano perché è IMPORTANTE IL VIAGGIO DI STUDIO che ora PUÒ ESSERE ANCHE VIRTUALE" Cioè in poche parole ora si può fare l'importantissimo viaggio di studio anche stando sulla poltrona di casa con un PC collegato ad Internet? Siamo alla follia pura... meritiamo l'estinzione.
Simone Pianca 3 mesi fa su fb
“Verrà preferito chi ABITA all’estero” (meglio se vicino alla frontiera)..Mi sembra più appropriato😂👏
Elena Re 3 mesi fa su fb
Esatto.
Энтони Демарки 3 mesi fa su fb
Verrà preferito chi è straniero. In poche parole "svizzero fatti da parte che ci costi troppo"!
Galium 3 mesi fa su tio
Ovvio. Ma molti purtroppo tendono a criticare chi viaggia all'estero per lavoro o studio.
Alessandro Milani 3 mesi fa su fb
Tutte cagate!per favore ..già prendono quasi esclusivamente quelki dall'estero..fatte le leggi fatto l'inganno
mombelli 3 mesi fa su tio
Sopratutto se frontaliero da 1000.- al mese !
anndo76 3 mesi fa su tio
@mombelli sei fesso se allora spendi i tuoi soldi nelle economie del ticino ( migros,coop, negozi vari )
Um999 3 mesi fa su tio
Ma cosa c’entra lo studio all’estero con le emissioni con lo CO2? Oramai siamo alla follia pura. Per giustificare e incentivare gli studi interattivi tramite web stanno falsificando qualsiasi carta. E basta ...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 01:37:07 | 91.208.130.89