tipress-archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Parrucchieri, basta scuse: mettete la mascherina»
La mancata obbligatorietà creerebbe confusione. Davide Bianco, presidente di categoria: «Questa è resistenza».
LOCARNO
2 ore
La rivoluzione di Radio Ticino: news 7 giorni su 7
Rafforzata la presenza sul territorio per raccontare la realtà della Svizzera italiana
CANTONE
12 ore
Quadri: «Tutti ci hanno remato contro»
Per il consigliere nazionale leghista l'esito della votazione sull'iniziativa UDC era scontata.
CANTONE
16 ore
Chi piange 🙁 e chi ride 😊 per l’iniziativa per la limitazione
Perdenti e vincitori a confronto sull’immigrazione moderata
MENDRISIO
17 ore
Incidente allo svincolo di Mendrisio
I protagonisti dell'episodio sono un camper e un'auto
ROVEREDO (GR)
18 ore
Approvato il credito milionario per la strada forestale tra Roveredo e i Monti di Laura
Si tratta di uno dei due oggetti comunali votati oggi nella località mesolcinese. Anche l'altro è stato accettato
CANTONE
19 ore
Scrutinati tutti e 115 i comuni. Ecco i risultati
Solo Ticino, Glarona, Svitto e Appenzello Interno dicono Sì all'immigrazione moderata.
CANTONE
19 ore
«Un nuovo grave abuso dello stato di diritto»
È la denuncia dell'MPS nei confronti del Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata
CANTONE
21 ore
Anche le donne PPD chiedono un intervento
«L’individuazione di problemi nelle istituzioni nella gestione delle molestie sessuali resta senza soluzione»
CONFINE
1 gior
Inseguimento da film: a bordo quattro minorenni svizzeri
È accaduto nella notte tra venerdì e sabato. Al volante c’era un 17enne
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
Scontro tra un'auto e una bici: ciclista in pericolo di vita
L'uomo è un 63enne della regione. Alla guida della vettura una 86enne domiciliata nel Luganese.
CHIASSO
21.03.2019 - 06:030
Aggiornamento : 26.03.2019 - 06:51

«Qui ci si picchia per una sigaretta»

Litigi tra asilanti nei centri di accoglienza ticinesi. A Chiasso la situazione «è migliorata». Tensioni nel bunker di Camorino

CHIASSO - «Maxi rissa al centro asilanti. Una cinquantina di ospiti vengono alle mani». È la cronaca del 13 maggio 2008, circa un decennio fa, quando dentro e fuori i cancelli dell’edificio in via Primo Agosto i disordini più seri avevano cadenza - in certi periodi - quasi settimanale.

289 interventi in Svizzera - Un altro mondo, oggi la situazione appare decisamente migliorata anche se la violenza nei centri per richiedenti l’asilo in Svizzera resta un problema, come testimoniano le 289 volte in cui la Polizia è dovuta intervenire lo scorso anno.

«Colpa dell'ambiente» - I problemi? «Non è sorprendente che i conflitti nei centri d’asilo degenerino» ha detto a 20Minuten Alberto Achermann, presidente della Commissione nazionale contro la tortura, che regolarmente ispeziona questi luoghi. Achermann cita «come fattori delle controversie i problemi psichici, le proteste di gruppo, l’alcol, la mancanza di opportunità di lavoro, i litigi per le esigenze d’igiene». E poi ci sono screzi legati alla nazionalità degli ospiti.

«Situazione tranquilla» - Nel Centro registrazione e procedure di Chiasso oggi le cose sembrano migliorate. «Possiamo confermare che la situazione generale nel Crp è tranquilla» dice Katrin Schmitter, portavoce della Segreteria di Stato della migrazione. A sostegno la Sem porta le cifre degli interventi di polizia avvenuti al Centro di Chiasso: nel 2018 gli agenti della cantonale sono dovuto entrare in azione 6 volte; nel 2017 ci sono stati 3 casi e nel 2016 qualcuno in più, 8. La maggior parte dei litigi – l'80 per cento negli ultimi tre anni – sono stati risolti senza chiamare la polizia.

Il bunker delle polemiche - Ma negli altri centri sparsi per il Cantone la situazione non è così rosea. Il fronte più caldo è il discusso bunker di Camorino, già al centro dello scandalo Argo1 e rifugio al momento di una cinquantina di migranti. Qui gli episodi di violenza – gestiti per lo più dalla sicurezza interna – accadono «abbastanza spesso» racconta uno degli ospiti, un 22enne afghano. «Non tutte le settimane, ma quasi».

Stress e nervosismo - I motivi? «Piccole cose, ci si accapiglia per una sigaretta o per i franchi dello spillatico». Ma le ragioni profonde «sono lo stress e il nervosismo dovuti all'attesa snervante e alle condizioni in cui viviamo qui sotto» spiega un altro ospite, un 30enne pakistano. Oggi andranno a consegnare al Cantone una petizione (vedi box) per chiedere la chiusura del centro sotterraneo. «Che cosa aspettano – chiedono – a intervenire?». Forse una mega rissa, come dieci anni fa a Chiasso. 

Il “segreto” dei pochi conflitti a Chiasso

«Chiasso era e rimane il più piccolo dei nostri centri federali d’asilo. Meno persone significa spesso anche un potenziale di conflitto minore» dice Katrin Schmitter, portavoce della Segreteria della migrazione. Ma le ragioni che possono generare conflitti e tensioni vanno oltre le dimensioni del centro e «sono molto complesse - precisa la funzionaria del Sem -. Possono giocare un ruolo fattori come la composizione dei gruppi o la presenza o meno di (tante) famiglie».

Anche da questo punto di vista la situazione cambia di giorno in giorno. Ieri, mercoledì 20 marzo, il centro federale d’asilo di Chiasso ospitava 102 richiedenti l’asilo, mentre altri 27 si trovavano presso il centro di Glaubenberg in Svizzera interna. Sempre alla data di ieri, tra i 102 ospiti, il gruppo più folto proveniva dal Marocco (18 persone), seguito da Algeria (16), Iraq (12), Georgia ed Eritrea (11). Ma il loro numero muta ogni giorno, come anche Paesi di provenienza.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 08:36:47 | 91.208.130.87