Immobili
Veicoli
tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA 
1 ora
Berna vuole confiscare il ricco patrimonio di Yuriy Ivanyushchenko
I beni dell'oligarca ed ex parlamentare ucraino in Svizzera ammontano a oltre 100 milioni di franchi
SVIZZERA
2 ore
Nuovo CCL per i fattorini di Smood
L'accordo è stato annunciato da Syndicom: «Si tratta di un segnale importante per l'intero settore delle consegne».
VALLESE
2 ore
Un bimbo scomparso (e ritrovato) a stretto giro... di Posta
Il piccolo di sette anni era sfuggito al controllo della mamma per farsi un giro sull'Autopostale.
SVIZZERA
4 ore
Il Consiglio federale «prende atto» del rapporto "Svizzera 2035"
Il documento riguarda le grandi questioni del futuro e funge da base per il prossimo programma governativo.
SVIZZERA
4 ore
Molestata dall'autista, Uber si scusa
È successo a una donna di Basilea. Dopo lo sfogo su Instagram, l'azienda ha preso provvedimenti
BERNA
4 ore
Voto elettronico, pronte le nuove basi legali
Sono ora consentiti soltanto sistemi completamente verificabili ed esaminati da esperti indipendenti su mandato di Berna
VAUD
5 ore
Suicidio collettivo a Montreux: il 15enne è fuori pericolo
Le condizione dell'adolescente sono stabili, rimane comunque sotto osservazione medica.
BERNA
5 ore
Consiglio di sicurezza dell'ONU, definite le priorità svizzere
Berna ambisce ad entrarvi come membro non permanente.
VALLESE
6 ore
Dramma familiare a Sierre: un morto
Durante la notte tra domenica 22 e lunedì 23 maggio, un adolescente ha ferito mortalmente la madre di 41 anni.
FOTO
LUCERNA
7 ore
Auto in fiamme a Sursee
L'intervento dei pompieri non ha salvato la vettura, che è andata completamente distrutta.
BERNA
7 ore
Maurer è contrario agli aiuti alle famiglie per il caro-energia
Secondo il consigliere federale «non ci sono soldi per questo».
VAUD
7 ore
Sequestrati 2.5 chili di cannabis: due minori interpellati
La polizia della Riviera aveva arrestato i due giovani in possesso degli stupefacenti il 4 maggio scorso.
GINEVRA
8 ore
Candidato per i Verdi? Tra i requisiti: non mangiare carne
«Non possiamo dire agli elettori di moderare i consumi dei derivati animali, se i nostri rappresentanti ne sono ingordi»
SVIZZERA
9 ore
Tragica sorte per le api svizzere
Il 21.4% delle colonie non è sopravvissuto all'inverno. Apisuisse: «Perdita più alta degli ultimi dieci anni».
SVIZZERA
03.11.2020 - 14:480

Telelavoro, aziende e sindacati bisticciano

Sicurezza sul lavoro, bollette e altro: le proposte dell'Unione imprenditori incontrano resistenze

BERNA - Mentre la seconda ondata di Covid-19 colpisce la Svizzera, l'Unione svizzera degli imprenditori (USI) ha proposto un modello di convenzione di telelavoro per le aziende. Una proposta che i rappresentanti dei lavoratori, tra cui l'Unione sindacale svizzera (USS), considerano illegale in base al diritto attuale.

Raccomandato dal Consiglio federale durante la pandemia, il lavoro da remoto è diventato un fatto quotidiano per molti quadri e impiegati. Sebbene sia considerato uno strumento efficace nella lotta contro il coronavirus, non c'è un accordo unanime sulla sua applicazione.

A metà ottobre l'USI ha proposto un modello di convenzione in materia con l'obiettivo di facilitarne la messa in pratica "chiavi in mano" per qualsiasi tipo di azienda. Contattato dall'agenzia di notizie Keystone-ATS, Marco Taddei, responsabile dell'associazione dei datori di lavoro per la Svizzera romanda, spiega che l'USI «si è trovata confrontata a qualcosa di nuovo. Il modello in questione è una proposta: le aziende non sono obbligate ad accettarla».

Proteste dei sindacati

«L'idea di base è buona, ed è bene incoraggiare dipendenti e datori di lavoro ad evitare controversie e altri problemi burocratici», dice a Keystone-ATS Jean Christophe Schwaab, ex consigliere nazionale ed ex segretario centrale dell'USS. «Ma questo modello è un pessimo servizio per i datori di lavoro poiché ci sono clausole che, a mio avviso, sono illegali», aggiunge il municipale responsabile degli affari sociali del comune di Bourg-en-Lavaux (VD), tra Losanna e Vevey.

Anche l'USS ritiene che la convenzione proposta dall'USI sia assolutamente contraria al diritto del lavoro; in particolare per gli articoli riguardanti la salute dei dipendenti, il rimborso delle spese e la protezione dei dati.

«Non è il momento di fare del telelavoro un incubo per i dipendenti», dichiara a Keystone-ATS Luca Cirigliano, segretario centrale dell'USS. Con questo modello - aggiunge - il padronato rinuncia alle proprie responsabilità nei confronti dei lavoratori, soprattutto per quanto riguarda la loro salute. La legge sul lavoro stabilisce infatti che spetta al datore di lavoro garantire la salute e la sicurezza dei suoi dipendenti, spiega Cirigliano.

«Dobbiamo rispettare la legge in vigore e se loro (i padroni) non vogliono, ne subiranno le conseguenze legali», aggiunge il segretario centrale dell'USS, secondo il quale «non è nemmeno necessario cercare un compromesso». Egli ritiene che la convenzione proposta sia dannosa per i lavoratori e sarebbe dichiarata nulla da un tribunale in caso di controversia.

Secondo Jean Christophe Schwaab, sia il datore di lavoro che gli impiegati possono avere una certa flessibilità sulle modalità del lavoro da casa, dal momento che attualmente è considerato una misura limitata nel tempo. «Ma concordare le modalità non significa che i dipendenti possano essere costretti a rinunciare ai loro diritti più elementari», sottolinea. «La cosa peggiore sarebbe che l'associazione dei datori di lavoro cercasse di approfittare della crisi per rendere permanenti queste misure temporanee, a scapito dei lavoratori interessati», aggiunge.

Su base volontaria

Da parte sua, l'Unione degli imprenditori smentisce ogni illegalità. «Sono stati gli avvocati a redigere questa convenzione e la loro preoccupazione era di rispettare il diritto del lavoro svizzero», dice Marco Taddei. Questi spiega che l'accordo proposto può essere firmato su base volontaria e che l'associazione dei datori di lavoro non obbliga nessun dipendente o imprenditore a firmarlo.

Ma dal momento che il telelavoro è volontario, il datore non è obbligato a pagare gli strumenti necessari o a coprire le spese del dipendente, spiega Taddei. In base al testo della proposta di convenzione il padrone ha infatti il diritto di rinunciare all'obbligo di coprire i costi.

Volontario o no?

Ma secondo Isabelle Wildhaber, professoressa di diritto privato e del lavoro all'università di San Gallo, è proprio la nozione di volontariato il nodo determinante della questione. «Ed è quindi necessario distinguere se l'attività da casa sia volontaria o meno».

La proposta dell'associazione padronale parte dal principio che «il telelavoro è volontario e quindi non è illegale», spiega. Ma nel caso l'attività da remoto sia resa obbligatoria al di fuori del contratto stipulato in precedenza il datore deve adempiere alle proprie responsabilità nei confronti del dipendente.

Una legge degli anni '60

Il modello di convenzione proposto dall'unione degli imprenditori risponde alle richieste delle piccole e medie imprese (PMI) svizzere, che non hanno le competenze per gestire un tale problema, afferma Taddei. A suo parere tuttavia nemmeno la legge sul lavoro risponde necessariamente a queste esigenze. «Abbiamo una legge che risale agli anni '60, e che rispondeva alle esigenze dell'industria", nota l'esponente dell'USI. Qualche anno fa, quando il Consiglio federale si era posto la domanda, la legge in vigore rispondeva ancora alle esigenze del settore», aggiunge Taddei. Ma ora, con l'epidemia di coronavirus, la realtà è diversa.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 17:51:47 | 91.208.130.86