TiPress - foto d'archivio
L'OSPITE
14.04.2021 - 14:410

L’ATA sostiene il referendum contro il Polo sportivo e degli eventi

Associazione Traffico e Ambiente

L’Associazione traffico e ambiente della Svizzera italiana (ATA-SI) sostiene il referendum contro la realizzazione del cosiddetto “polo sportivo e degli eventi” a Lugano-Cornaredo perché si tratta di un progetto estremamente caro, sovradimensionato e per niente ecologico.

Evidentemente, l’Associazione non si oppone alla costruzione di uno stadio omologabile per le partite di Super League e nemmeno di un palazzetto dello sport commisurato alle necessità della città. Si oppone però con forza a questo progetto, che contraddice palesemente il principio dello sviluppo sostenibile al quale l’ATA si ispira.

Contrariamente a quanto sostenuto dai fautori, non si tratta affatto di un progetto ecologico. Esso prevede infatti la costruzione di due torri e quattro palazzine abitative in un periodo in cui gli immobili sfitti aumentano e la popolazione diminuisce (e l’edilizia ha di per sé un pesante impatto ambientale); la mobilità è incentrata sul trasporto individuale motorizzato, in un settore già critico (siamo ancora in attesa delle misure fiancheggiatrici alla galleria Vedeggio - Cassarate!); si vogliono trasferire le e gli impiegate/i comunali e la polizia, svuotando ulteriormente il centro città. Il fatto poi che i campi da calcio per gli allenamenti delle squadre giovanili vengano trasferiti al Maglio (per fare spazio a Cornaredo – su un terreno tra l’altro riservato dal Piano regolatore ad attività sportive – a contenuti abitativi) si configura come un ulteriore controsenso ambientale: se dai popolosi quartieri circostanti le giovani e i giovani possono recarsi a Cornaredo a piedi, in
bicicletta o con il trasporto pubblico, al Maglio dovranno essere accompagnati in automobile con tutte le conseguenze negative che ciò comporta – e con buona pace di tutti coloro che, fra i “nostri giovani”, non hanno a disposizione dei taxi-genitori.

In sostanza, il progetto contraddice uno dei principi fondamentali su cui il nostro Stato si basa, cioè l’articolo 75 della Costituzione federale, che impone un’utilizzazione parsimoniosa del suolo.

Infine, ATA coglie l’occasione per ricordare di avere (congiuntamente a STAN) interposto un ricorso, tuttora pendente presso il Tribunale amministrativo, contro la strada di scorrimento a quattro corsie pianificata proprio attraverso il prezioso terreno comunale di Cornaredo.

Per concludere, giova sottolineare che anche un uso parsimonioso delle risorse finanziarie (specie in un periodo incerto a causa della pandemia) rientra nel concetto di sviluppo sostenibile.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 22:29:17 | 91.208.130.89