ULTIME NOTIZIE People
LUGANO
1 ora
Uccio de Santis ha il Covid, slitta lo spettacolo
«Ci vedremo il 24 aprile 2021 e di tutta questa storia ci faremo solo una grossa risata»
CONFINE / CANTONE
3 ore
Due ticinesi in finale a "Scritture di lago"
La premiazione è in programma sabato 28 novembre a Como
ITALIA
7 ore
«Ho deciso di raccontare la mia versione dei fatti»
È uscito in libreria "Scegli di sorridere", il primo libro di Diletta Leotta
ITALIA
15 ore
Fedez multicolor: ora ha i capelli arcobaleno
Stravagante scelta di look per il rapper: ma c’è una ragione 
STATI UNITI
19 ore
L'assassino di John Lennon chiede scusa a Yoko Ono: «Mi dispiace»
In un'udienza per la libertà condizionata, Mark Chapman ha assicurato di essere pentito per il dolore che le ha causato.
ITALIA
21 ore
Nozze vicine, ma Elettra Lamborghini sta male
Problemi di salute per la sposa. E il futuro sposo cade dalle scale
VIDEO
LOCARNO
22 ore
Al via "Klimt Experience": «Sarà un’esperienza a 360 gradi»
Inaugurata al PalaCinema di Locarno la mostra multimediale che esplora l'opera e la vita del celebre artista austriaco.
STATI UNITI
1 gior
Ellen torna in video dopo le accuse: «Oggi iniziamo un nuovo capitolo»
La presentatrice ha affrontato gli addebiti fatti a tre suoi produttori. E le critiche a lei stessa.
STATI UNITI
1 gior
Difficile trovare qualcosa più 2020 di queste nuove emoji
Dalla faccina in panico totale a quella fra le nuvole fino all'uomo che ha decisamente bisogno di un parrucchiere
ITALIA
1 gior
La «libertà» di Elisabetta Canalis: nuotare in piscina completamente nuda
Lo scatto della 42enne ha fatto impazzire i suoi fan su Instagram
STATI UNITI
1 gior
Cosa può tenere “La Montagna” lontano dalla sala parto? Solamente il Covid-19
Thor Björnsson, reso celebre da “Il Trono di Spade”, potrebbe essere positivo e perdersi così la nascita del figlio
LUGANO
25.04.2014 - 07:500
Aggiornamento : 24.11.2014 - 10:33

Davide Van De Sfroos, il "neuronauta"

Ospite negli studi Rsi di Besso, il cantautore comasco racconta la genesi del suo nuovo disco, "Goga e Magoga" (Universal Music), dato alle stampe il 15 aprile scorso

LUGANO - Sedici canzoni che, privilegiando il dialetto della Tremezzina, documentano un ulteriore passo avanti nel suo cammino, personale e musicale. Un album che si colloca in un limbo di mezzo: otto canzoni più aggressive, “nutrite dalla consapevolezza di ciò che nel corso degli anni siamo riusciti a diventare”, dice Davide, e otto più introspettive, sussurrate, “che vogliono sottolineare la forza dolce del nostro lato emotivo…”.

“Il disco può essere definito visionario e bipolare in un’epoca in cui il bipolarismo e la confusione interiore ed esteriore hanno imparato a convivere con apparente rassegnazione”, aggiunge. Musicalmente, l’album “non si pone limiti o confini”, infatti dai suoi solchi trasudano ballad acustiche, elementi irish-folk, “tradizione” psichedelica e contaminazioni  di matrice prettamente rock oriented.

Davide, attraverso una serie di metafore il disco narra diverse esperienze negative che ti sei ritrovato a vivere…
"Parlarne in modo diretto avrebbe potuto “disturbare” l’ascoltatore… “Goga e Magoga” è un disco d’urto, ma anche di carezza, che alla gente chiede: “Siamo arrivati a questo punto, ora cosa vogliamo fare?”…"

Potresti entrare nel dettaglio di questo periodo buio?
"Sono una persona molto sensibile e a un certo punto mi sono ritrovato a frequentare un mondo diverso dal mio… Per questo motivo, a tratti, ho vissuto in apnea: ansia, attacchi di panico, palpitazioni, sbalzi d’umore, una leggera depressione…  Il disco raccoglie il viaggio dentro a tutto ciò che posso avere visto da “neuronauta”, attraversando le nebbie e i lati scomodi dell’esistenza, della psiche, del modo di essere…"

Dalla tua elaborazione traspare positività… Cosa mi puoi dire di questo aspetto?
"Diciamo che passando attraverso queste terre oscure, ho cercato di raccogliere quanto ho trovato di positivo… All’interno del disco, però, non ci sono delle risposte, ma delle canne da pesca per andare a cercare la propria ombra e rispescarla da dove era andata a finire…"

Il concepimento delle canzoni, quindi, ti ha dato una mano a superare tutto quanto?
"Certo, moltissimo: questi brani sono le mie spezie, il mio antidoto, il territorio dove ho trovato un po’ di pace…"

Hai anche consultato degli specialisti?
"Sì, nelle situazioni più critiche mi sono appoggiato a due amici medici per dei consigli e delle piccole terapie…"

Quando hai iniziato a scrivere i brani?
"Subito dopo la pubblicazione di “Yanez” (Universal, 2011), i taccuini iniziavano già a riempirsi…"

Mi spieghi il titolo, “Goga e Magoga”?
"“Goga e Magoga” è un detto popolare che non si usa quasi più… Si riferisce a uno stato caotico e confuso, il caos… È ciò che non riusciamo a tradurre, ma è così che stiamo vivendo…"

All’interno dell’album troviamo un nutrito amalgama musicale… Cosa mi puoi dire di questa scelta?
"È stata un’esigenza… Un’esigenza di aprire le paratie e lasciare fuoriuscire tutti quei suoni che negli anni Settanta sono stati la mia colonna sonora: Led Zeppelin, Deep Purple, Jethro Tull, Pink Floyd… Diciamo che era arrivato il momento di ricordarsi anche di quei riverberi…"

Il 1° maggio terrai un concerto a Pontida (BG) che precederà il raduno della Lega Nord…
"Io ho deciso di cantare per la gente, quindi perché non avrei dovuto accettare?"

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-23 13:32:39 | 91.208.130.89