Valentin Luthiger
Mens sana in corpore sano.
URI
31.05.2021 - 14:480

Giochi e fitness per accogliere meglio gli ospiti

Progetto innovativo promosso dagli enti turistici di Andermatt e Uri

ANDERMATT - L'ultima azione della campagna “Gast&Geber” (ospiti&ospitanti) delle due organizzazioni turistiche Andermatt-Urserntal Tourismus (AUT) e Uri Tourismus (UTAG) può essere osservata nei comuni di Uri dalla fine di maggio: si tratta di una serie di groundprints con domande e piccoli esercizi di fitness, che rendono la popolazione pronta ad accogliere turisti e ospiti.

«Dalla fine di maggio, gli abitanti di Uri saranno resi idonei al loro ruolo di ospitanti, e questo anche in modo umoristico», spiega Marina Medici, responsabile del progetto UTAG, e aggiunge: «Un totale di 19 gigantografie saranno stampate sul selciato nei comuni del cantone di Uri dall’agenzia Arnold Reklamen». Fränzi Stalder, project manager AUT, aggiunge: «La popolazione sarà sicuramente incuriosita dalle immagini che incontreranno sul loro cammino, a fare la spesa oppure a raggiungere il posto di lavoro. Sono sicura che parteciperanno al concorso, rispondendo alle domande, faranno gli esercizi di fitness o, semplicemente, penseranno in modo creativo».

Nell'ultimo anno, gli abitanti di Uri si sono fortemente impegnati a conoscere e ad amare l'ambiente che li circonda. Hanno scoperto, proprio sull’uscio di casa, cose nuove e forse si sono anche innamorati un po’ di più della loro patria. «Questo non solo ci fa accogliere meglio gli ospiti nel nostro cantone, ma ci rende anche degli ottimi ambasciatori della nostra bella regione», dice Medici. Raggiungere questa interazione è l'obiettivo principale della campagna “Gast&Geber”.

L'idea delle organizzazioni turistiche di Uri di mostrare agli indigeni quanto sia importante il turismo per il proprio cantone ha incontrato un grande interesse tra i diversi comuni. «I comuni ci hanno permesso una procedura di approvazione semplice e siamo felici di poter presentare il nostro messaggio così ampiamente», conclude Stalder. Le impronte sulla strada si dissolveranno con il tempo e scompariranno dopo circa mezzo anno, a seconda della meteo, ma l'effetto sarà ricordato per molto tempo. Un progetto che potrebbe indubbiamente essere d’esempio agli operatori del turismo ticinese.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch
Link utile: www.viaggirossetti.ch
www.instagram.com/viaggirossetti

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 04:22:19 | 91.208.130.86